Archivi tag: Amelio Fara

Buontalenti e Le Nôtre progettisti di giardini

Lunedì 16 aprile 2018 ore 18

Federico Fontana

e l’autore Amelio Fara

dialogano intorno al libro

Buontalenti e Le Nôtre 

Geometria del giardino da Pratolino a Versailles

Leo S. Olschki editore 2017

 

 La geometria del giardino di Bernardo Buontalenti (1523-1608) e il suo metodo progettuale prospettico analizzato su base documentaria per Pratolino e invece direttamente rilevato nell’opera minore di Poggiofrancoli. L’incidenza, sinora non percepita se pure profonda, di tale metodo su André Le Nôtre (1613-1700) progettista del giardino di Versailles. Paradigmatica in questo senso una inedita carta ‘di spionaggio’ del Settecento sabaudo relativa al parco e al castello di Versailles, identificata nella provenienza anche attraverso l’analisi filigranologica. Carta, quest’ultima, donata con ogni proba­bilità, al termine del suo lungo viaggio italia­no, da Le Nôtre alla duchessa Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours.

Amelio Fara. Ingegnere e architetto, allievo di Cesare Brandi, è uno dei massimi studiosi europei di ar­chitettura militare dell’età moderna. Tra i lavori editi dalla Casa Editrice Olschki: L’arte vinse la natura. Buontalenti e il disegno di architettura da Michelangelo a Guarini (2010); Luigi Federico Menabrea 1809-1896. Scienza, ingegneria e architettura militare dal Regno di Sardegna al Regno d’Italia (2011); L’arte della scienza. Architettura e cultura militare a Torino e nello Stato Sabaudo 1673-1859 (2014).

Federico Fontana. Architetto, opera nel campo del restauro architettonico, della progettazione del paesaggio e della gestione dei Beni Culturali. Ha progettato e diretto, a Torino, i lavori di restauro della Villa della Regina e dei suoi giardini per cui ha ottenuto il Premio Porcinai 2007. E’ autore di numerose pubblicazioni sul paesaggio e sui giardini storici

La conferenza può essere seguita sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi

 

L’architettura militare e G.I. Bertola

      Giovedì 5 maggio, ore 18

in sede (via Ottavio Revel 15 – Torino)

Amelio Fara e Luisa Clotilde Gentile

discutono intorno al volume

Giuseppe Ignazio Bertola (1676-1755)

Il disegno e la lingua dell’architettura militare

di Amelio Fara, con saggi di M.G. Bevilacqua, L.G. Clotilde, P.G. Tordella

Angelo Pontecorboli editore, Firenze 2015

bertola

Ricca di zone d’ombra per la scarsa attenzione critica sinora dedicatagli, l’opera del più importante ingegnere e architetto militare, e non solo, del Settecento sabaudo, Giuseppe Ignazio Bertola, attendeva ancora un recupero storico complessivo. Bertola è infatti tra altro autore della cittadella di Alessandria, della piazza da guerra di Fenestrelle, di fortificazioni alla Brunetta, Verrua, Demonte, Exilles, di ponti nella Savoia. Inoltre, del palazzo dei cistercensi della Consolata d’Asti realizzato nella contrada di Dora Grossa a Torino, nonché, a Cuneo, della raffinata interazione icnografica di ovali a connotare la chiesa di Santa Croce.
Blasonatore regio, nel 1736 Bertola elabora un progetto di Scuola militare trasversalmente innovativo nell’interazione didattica tra architettura militare e civile, disegno topografico e disegno di figura. Maturata sulle orme di Guarino Guarini e straordinariamente profonda, la sua cultura matematica emerge chiaramente nel 1739 all’interno dei programmi d’insegnamento delle Scuole Teoriche d’artiglieria e fortificazione che, fondate in quell’anno, lo vedono loro primo direttore.
Conservato nell’Archivio di Stato di Torino l’inedito Dizionario e repertorio di fortificazione, del 1721, conosce ora la sua prima edizione critica. Già nel 1853 Cesare di Saluzzo lamentava l’oblio totale che avvolgeva l’opera concepita dal Bertola in funzione della progettazione fortificatoria attraverso lo studio capillare dei principali trattatisti europei. Tra i quali gli italiani Leon Battista Alberti, Francesco de’ Marchi, Gabriello Busca, Buonaiuto Lorini, Francesco Tensini, Guarino Guarini, i francesi Jean Errard de Bar-le-Duc, Blaise-Fraçois de Pagan, Allain Manesson Mallet, Vauban nelle interpretazioni degli abati Du Fay e De Cambray, gli olandesi Adam Freitag, Matthias Dögen, Menno van Coehoorn, i tedeschi Wilhelm Dilich, Johann Friedrich Pfeffinger, lo spagnolo Sebastián Fernández de Medrano.

Amelio Fara, ingegnere e architetto, allievo di Cesare Brandi, generale del genio, è uno dei maggiori studiosi europei di architettura militare.

Luisa Clotilde Gentile, funzionario presso l’Archivio di Stato di Torino e membro dell’Académie Internationale d’Héraldique.