Archivi tag: Biblioteca civica Arduino

Vita dacant e da canté: i sonetti di Tesio a Moncalieri

Mercoledì 6 dicembre ore 17,30

Biblioteca civica “A. Arduino” – Via Cavour, 31 – Moncalieri

Albina Malerba e Giovanni Tesio

dialoghi e letture intorno al libro

Vita dacant e da canté:   369 sonetti in piemontese di Giovanni Tesio

Pubblicati dal Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis

Se la poesia ha obiettivi, gli obiettivi del “canzoniere” di Giovanni Tesio, Vita dacant e da canté, appena edito dal Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis (pp.XIII-380, prefazione di Pietro Gibellini), sono tre o forse quattro: dare voce a una voce che viene di lontano; dare voce alla vita, che è varia e complessa, intricata ma – specie se vista “dacant”, ossia di lato – degna di canto; dare voce a una “lingua di poesia” – quella piemontese – che non cessa di “dittare” (ossia di urgere dentro e di dentro); e infine dare voce a una resistenza, che è quella di non arrendersi al negativo, che possiamo pur sempre riscontrare nella nostra esistenza.

 

 

 

Frà Guglielmo Massaja da Moncalieri all’Etiopia

Mercoledì 18 ottobre ore 17,30

per “SGUARDI su MONCALIERI” Incontri per conoscere la città e il suo territorio

alla Biblioteca civica “A. Arduino” – Via Cavour, 31 – Moncalieri

conferenza di

PAOLO LUPO

Frà Guglielmo Massaja da Piovà “Abuna Messias”. Da Testona e Moncalieri all’Etiopia
La vita del grande missionario, medico, esploratore, raccontata attraverso le sue lettere e i suoi scritti

 

I trentacinque anni di vita missionaria trascorsi dal Venerabile Guglielmo Massaja fra il 1846 ed il 1880 in terra Oromo Galla in Etiopia sono ripercorsi da Paolo Lupo, in un volume appena pubblicato (A.D. 1846. Una “autobiografia” di fra Guglielmo Massaja da Piova’) in una sintesi accattivante dell’epistolario e delle Memorie storiche del Cardinale. Guidato dalla sequenza temporale delle lettere, Lupo ritrova nelle Memorie la perfetta coincidenza fra le due fonti e le unisce con la contestualizzazione ai fatti italiani ed europei dello stesso momento storico.

Sguardi su Moncalieri

SGUARDI SU MONCALIERI

Incontri per conoscere la città e il suo territorio

Biblioteca civica “A. Arduino” – Via Cavour, 31 – Moncalieri

Riprende il cammino attraverso la storia e le storie di Moncalieri e del suo territorio, tramite incontri frutto di una proficua collaborazione tra la Biblioteca, l’Assessorato alla Cultura della Città di Moncalieri e il Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis di Torino. Per aprire nuovi “Sguardi su Moncalieri”, volti ad approfondire i temi legati all’identità territoriale, nella consapevolezza che è importante il riferimento alle comuni radici per rinsaldare il senso di appartenenza e di radicamento alla comunità. E questo vale per tutti, per i moncalieresi d’antan, ma anche per tutti coloro che qui sono venuti a vivere in anni più recenti. Avere poi lo sguardo aperto al territorio è la condizione naturale di un luogo crocevia di cultura e di culture, capace di creare sinergie come Moncalieri si è dimostrata attraverso i suoi secoli di storia.

Gli appuntamenti di ottobre-novembre-dicembre 2017

Mercoledì 18 ottobre ore 17,30

Paolo Lupo, Fra Guglielmo Massaja da Piovà. “Abuna Messias” Da Testona e Moncalieri all’Etiopia. La vita del grande missionario, medico, esploratore, raccontata attraverso le sue lettere e i suoi scritti

 

Mercoledì 22 novembre ore 17,30

Giancarlo Libert, Moncalieresi in Argentina e in Brasile. Famiglie, storie, immagini di emigrazione piemontese nel mondo

 

Mercoledì 6 dicembre ore 17,30

Albina Malerba e Giovanni Tesio, Vita dacant e da canté 369 sonetti in piemontese di Giovanni Tesio, pubblicati dal Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis

 

coordinamento

Albina Malerba

In collaborazione con l’agenzia Culturalpe

I luoghi moncalieresi di Massimo d’Azeglio

SGUARDI SU MONCALIERI

Incontri per conoscere la città e il suo territorio 

Giovedì 6 aprile ore 17,30

Biblioteca Civica “A. Arduino” – Via Cavour, 31 – Moncalieri

Saluto dell’Assessore alla Cultura Città di Moncalieri, Laura Pompeo

Maria Teresa Pichetto

I luoghi “moncalieresi” di Massimo d’Azeglio      un artista in politica

 

“È nato seducente” disse di Massimo d’Azeglio il suocero Alessandro Manzoni. Di D’Azeglio, l’aristocratico, il dandy, il pittore, lo scrittore, il politico, lo statista (precursore di Cavour), Giorgio Martellini e Maria Teresa Pichetto hanno proposto, in una prima edizione del 1990 (per Camunia), una biografia completa fondata su una documentazione di prima mano, resa accattivante da una scrittura narrativa ritmata da pertinenti e impertinenti citazioni dai ricordi e dalle lettere del protagonista. A distanza di quasi trent’anni, il Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis (editore del monumentale Epistolario azegliano, curato da Georges Virlogeux, giunto al nono volume, dei dodici previsti) ha riproposto  la ristampa aggiornata dell’opera: il racconto del percorso (1798-1866) di un uomo di successo, anticonformista e amabilmente autoironico, di affascinante versatilità. Pitor ëd mësté, come amava autodefinirsi, autore di fortunati romanzi come l’Ettore Fieramosca, politico lungimirante e onesto, D’Azeglio si trovò ad essere attore spregiudicato e spettatore disincantato di più di cinquant’anni di vita delle città italiane (Torino, Roma, Milano, Bologna, Firenze, Genova, Napoli) che furono l’epicentro dei grandi cambiamenti politici e sociali dell’Ottocento

Moncalieri e i Savoia

SGUARDI SU MONCALIERI
Incontri per conoscere la città e il suo territorio

Biblioteca Civica “A. Arduino” – Via Cavour, 31 – Moncalieri

theatrum

Giovedì 9 marzo ore 17,30

Biblioteca Civica “A. Arduino” – Via Cavour, 31 – Moncalieri

Saluto dell’Assessore alla cultura Città di Moncalieri, Laura Pompeo

Gustavo Mola di Nomaglio

Centro Studi Piemontesi

Settecento anni

Moncalieri e i Savoia da Tomaso II a Clotilde

 

comune Moncalieri

biblioteca arduino

logoCSP

Sguardi su Moncalieri – Incontri per conoscere la città e il suo territorio

comune Moncalieri

biblioteca arduino

SGUARDI SU MONCALIERI
Incontri per conoscere la città e il suo territorio

Biblioteca Civica “A. Arduino” – Via Cavour, 31 – Moncalieri

Sulle tracce dei fortunati incontri in Biblioteca sotto il titolo “Da Moncalieri al Piemonte. Itinerari di storia e cultura del territorio”, ideati in collaborazione tra la Biblioteca, l’Assessorato alla Cultura della Città di Moncalieri e il Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis di Torino, riprende  il cammino attraverso la storia e le storie di Moncalieri e del suo territorio, per aprire nuovi “Sguardi su Moncalieri”, volti ad approfondire i temi legati all’identità territoriale, nella consapevolezza che è importante il riferimento alle comuni radici per rinsaldare il senso di appartenenza e di radicamento alla comunità. E questo vale per tutti, per i moncalieresi d’antan, ma anche per tutti coloro che qui sono venuti a vivere in anni più recenti. Avere poi lo sguardo aperto al territorio è la condizione naturale di un luogo crocevia di cultura e di culture, capace di creare sinergie come Moncalieri si è dimostrata attraverso i suoi secoli di storia.

In collaborazione con la Cooperativa Culturalpe

Tre gli appuntamenti per la primavera

Giovedì 9 marzo ore 17,30
Gustavo Mola di Nomaglio
Settecento anni fianco a fianco: Moncalieri e i Savoia da Tomaso II a Clotilde

 

Giovedì 23 marzo, ore 17,30
Gian Savino Pene Vidari
Moncalieri e il suo territorio nello sguardo di Clemente Rovere

 

Giovedì 6 aprile ore 17,30
Maria Teresa Pichetto
I luoghi “moncalieresi” di Massimo d’Azeglio, un artista in politica

coordinamento di

Albina Malerba

logoCSP

Negli appuntamenti successivi, in via di definizione, il percorso ci porterà in un viaggio ideale attraverso la città e i borghi di Moncalieri per seguirne i cambiamenti, i fatti sociali, i rivolgimenti ambientali: i luoghi cambiano, gli architetti e gli uomini trasformano il paesaggio urbano, cancellano, ridisegnano, e poi il tempo su tutto fa la sua parte. Ma nella “pietra che dura” risuona l’eco di quanti ci hanno preceduto e come “voce delle cose” le parole frantumano spazio e tempo e ci restituiscono immagini, gusto e fascino dello stratificarsi della nostra storia.