Archivi tag: Centro Studi Piemontesi

Vita dacant e da canté: i sonetti di Tesio a Moncalieri

Mercoledì 6 dicembre ore 17,30

Biblioteca civica “A. Arduino” – Via Cavour, 31 – Moncalieri

Albina Malerba e Giovanni Tesio

dialoghi e letture intorno al libro

Vita dacant e da canté:   369 sonetti in piemontese di Giovanni Tesio

Pubblicati dal Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis

Se la poesia ha obiettivi, gli obiettivi del “canzoniere” di Giovanni Tesio, Vita dacant e da canté, appena edito dal Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis (pp.XIII-380, prefazione di Pietro Gibellini), sono tre o forse quattro: dare voce a una voce che viene di lontano; dare voce alla vita, che è varia e complessa, intricata ma – specie se vista “dacant”, ossia di lato – degna di canto; dare voce a una “lingua di poesia” – quella piemontese – che non cessa di “dittare” (ossia di urgere dentro e di dentro); e infine dare voce a una resistenza, che è quella di non arrendersi al negativo, che possiamo pur sempre riscontrare nella nostra esistenza.

 

 

 

Due appuntamenti per Maria degli Angeli

Venerdì 24 novembre ore 15,30 -18,30 

Seminario Arcivescovile di Torino (Via XX Settembre 83)

Convegno 

Una Mistica e le sue ‘istituzioni’ per Maria degli Angeli (1717 – 2017)

Intervengono

Concetto Del Popolo, Università di Torino, La lingua di Maria degli Angeli

Gustavo Mola di Nomaglio, Centro Studi Piemontesi, Maria degli Angeli e la corte di Savoia

Silvano Giordano O.C.D., Pontificia Facoltà Teologica Teresianum – Roma, La Provincia carmelitana in Liguria e Piemonte fra Sei e Settecento

Annarosa Dordoni, Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano, Figure della spiritualità e istituzioni religiose nella Torino di Maria degli Angeli

Maria Teresa Reineri, Università di Torino, Maria degli Angeli, per una biografia

Simone Mattiello, Università di Torino, Daniel Seyter, due committenze e la Beata Maria degli Angeli

Coordina i lavori Giacomo Jori, Università della Svizzera Italiana – Lugano

 

     

 

 

mercoledì  29 novembre, ore 17,00

 Auditorium Vivaldi  (Piazza Carlo Alberto 3 – Torino)

presentazione della biografia

Io sarò carmelita. Beata Maria degli Angeli Marianna Fontanella                                                              

di Maria Teresa Reineri

Edizioni San Paolo 2017

saluti di

Guglielmo Bartoletti, Direttore Biblioteca Nazionale Universitaria

Franco Cravarezza, Presidente ABNUT

Albina Malerba, Direttore Centro Studi Piemontesi

Con l’Autrice interviene Gustavo Mola di Nomaglio   

Con il sostegno della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino

 

Info: Carmelo S. Giuseppe, tel. 011 641888 / cell. 3388304980. carmelo.beata@gmail.com

Centro Studi Piemontesi, tel. 011 537486; info@studipiemontesi.it; www.studipiemontesi.it

Associazione Amici Biblioteca Nazionale, tel. 011 8101125; info@abnut.it ; www.abnut.it

GEV e la letteratura in piemontese

Giovedì 23 novembre alle ore 17

presso la Biblioteca e Centro Studi “Davide Cavaglion” Contrada Mondovì 18, Cuneo

 

Albina Malerba

La letteratura in piemontese: una lunga storia

 

Giovanni Cerutti

La multiforme figura di GEV, Giacobbe Enrico Valabrega (1890-1981)

 

Lettura di poesie ed esecuzione delle sei canzoni tratte dal libro Ciair e Scur (1925)

L’emigrazione moncalierese in sud America

 SGUARDI  SU MONCALIERI

Incontri per conoscere la città e il suo territorio      

 

Via Cavour, 31 – Moncalieri

mercoledì 22 novembre, ore 17,30

conferenza di Giancarlo Libert su

Moncalieresi in Argentina e in Brasile 

Famiglie, storie e immagini dell’emigrazione piemontese nel mondo

 

Tra il 1876 e il 1925 emigrarono 26 milioni di italiani, di questi circa 2 milioni erano i piemontesi. Gli italiani nel mondo superano i 60 milioni, oltre 4 milioni sono i piemontesi all’estero, un’altro Piemonte che mantiene vive le tradizioni e i legami con la terra d’origine. Una riflessione su questo tema e su alcuni personaggi di Moncalieri all’estero, come Carlo Bauducco, commerciante di macchine da caffè emigrato dopo la Guerra in Brasile e la cui famiglia è alla guida di una multinazionale leader mondiale nella produzione di panettoni. I fratelli Dellacha di Novi Ligure impiantarono una fabbrica di fiammiferi a Moncalieri nell’Ottocento ma la loro produzione arrivò anche in Argentina dove furono tra i fondatori della Compagnia de Fosforos, una delle principali aziende sudamericane.

In collaborazione con CulturAlpe

L’Umiltà, un’antica compagnia femminile a Torino

Lunedì 20 novembre ore 18

Pier Paolo Merlin e Franca Varallo

con le curatrici

Anna Cantaluppi e Blythe Alice Raviola

presentano l’opera

L’umiltà e le rose

Storia di una Compagnia femminile a Torino tra età moderna e contemporanea

Fondazione 1563 – Quaderni dell’Archivio Storico della Compagnia di San Paolo, Leo S. Olschki editore, Firenze

 

Il volume a più voci si sofferma sulla storia della femminile Compagnia dell’Umiltà, attiva a Torino dalla seconda metà del XVI secolo fino agli anni Trenta del XX. Fondata in ambienti vicini alla corte sabauda e alla spiritualità gesuita scelse come patrona santa Elisabetta d’Ungheria, tipico culto dinastico diffuso tra le sovrane del tempo. Annoverò tra le socie le Infante di Savoia, le due Madame Reali Cristina di Francia e Maria Giovanna Battista di Savoia Nemours, principesse del casato e dame di corte ma anche esponenti dell’élite urbana e consorti di confratelli della Compagnia di San Paolo. Attraverso lo scavo di fonti primarie e una ricerca ad ampio spettro prosopografico, il libro indaga sulle vicende storiche, economiche, religiose, storico-artistiche e letterarie che contraddistinsero tale istituzione femminile, rivolta all’assistenza ospedaliera e domiciliare e all’erogazione di doti, e rimasta pressoché incognita. L’apparato iconografico e alcuni saggi ripercorrono le rappresentazioni artistiche e letterarie della figura di Elisabetta d’Ungheria.

Prefazione di Rosaria Cigliano, Presidente Fondazione 1563. Testi di: Anna Cantaluppi, Blythe Alice Raviola, Pierangelo Gentile, Emanuele C. Colombo, Giorgio Uberti, Marcella Maritano, Beatrice Zucca, Davide Tabor, Marzia Giuliani, Paolo Cozzo, Rolando bellini, Melanie Zefferino, Giuseppina Giamportone, Chiara Maria Carpentieri, Simona Santacroce, Luisella Giachino, Luca Bianco, Stefania Tagliaferri. Inserto iconografico a cura di Elisabetta Ballaira.

Il video dell’incontro è sul nostro canale YouTube

La parabola imprenditoriale di Riccardo Gualino

Conferenze

Riccardo Gualino

sul palcoscenico dell’esistenza

Galleria Sabauda (terzo piano)

Musei Reali – Piazzetta Reale 1 – Torino

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

mercoledì 15 novembre 2017 – ore 17,30

Claudio Bermond, Università di Torino

La parabola imprenditoriale  di Riccardo Gualino, 1905–1964

 

scarica la scheda del volume di Claudio Bermond, Riccardo Gualino finanziere e imprenditore. Un protagonista dell’economia italiana del Novecento, Torino, Centro Studi Piemontesi, pp. 271-XXXII, ill., 2017 (terza edizione).

 

 

 

Antiche dimore e giardini a Dronero

Lunedì 13 novembre, ore 18

gli autori

Federico Fontana, Luca Giacomini,  Renata Lodari

con Gustavo Mola di Nomaglio e Matteo Ferrione

presentano il volume

Antiche Dimore e Giardini a Dronero

Edito dal Centro Studi Piemontesi in collaborazione con l’Associazione DroneroCult

La bibliografia esistente sulla città di Dronero e la Val Maira, sulla storia e sull’evoluzione di quel territorio pedemontano tra Saluzzo, Busca, Caraglio e Cuneo è ponderosa e approfondita. In questa spicca l’opera di Giuseppe Manuel di San Giovanni (1810-1886) al quale si devono gli approfonditi studi storici sulla Dronero antica sino al XVII secolo editi tra il 1847 e il 1868 e, più recentemente, le pubblicazioni di Milli Chegai (Dronero. Un borgo rivisitato, 1989) e di Patrizia Chierici (Dronero: la costruzione della città e dell’architettura tra medioevo ed età moderna, 1992) che hanno contribuito a scoprire e interpretare, con puntuali approfondimenti, l’evoluzione urbanistica della città tra XVII e XIX secolo. Antiche dimore e giardini a Dronero edito dal Centro Studi Piemontesi propone una diversa lettura della storia recente di Dronero e si focalizza soprattutto nel periodo tra la fine del XVIII e l’inizio del XX secolo, contestualmente all’evoluzione urbana della città che la porterà ad espandersi oltre le antiche mura medioevali. La pubblicazione, voluta dall’Associazione Dronero Cult e sostenuta dall’Amministrazione Comunale e dalla Compagnia di San Paolo, descrive particolarmente le trasformazioni delle antiche residenze nobiliari dei casati storici di Dronero (Blanchi di Roascio, Manuel di San Giovanni, Ponza di San Martino, Valfrè di Bonzo, De’ Bottini di Sant’Agnese, Voli, Travaglini, Savio, ecc.) per adattarle a villeggiature stagionali. Le dimore descritte sono quasi tutte dotate di giardini che, seppur nelle semplici forme giunte sino ad oggi, documentano efficacemente uno stile e una struttura paesaggistica e compositiva assolutamente simile a quella delle altre antiche dimore piemontesi contemporanee.  Lo studio ha inoltre permesso di scoprire importanti relazioni intellettuali tra i membri di colte famiglie locali e l’opera specialistica di alcuni autorevoli progettisti – tra questi soprattutto Edoardo Arborio Mella (1808-1884) e Giuseppe Roda jr (1866-1951) noti anche a livello nazionale – o di altri personaggi tra i quali spiccano le figure di Alessandro Savio (+1925) e don Giovanni Raviolo (1905-1982) che operarono in Dronero con intenti diversi lasciando comunque tutti qualificati episodi del loro impegno professionale e sociale ed autorevoli esempi di un modus operandi  ancora utile come riferimento per il futuro di questa città.

Sul nostro canale YouTube il video dell’incontro

Villafranca celebra 820 anni dalla fondazione

Sabato 11 novembre

a Villafranca Piemonte (Palazzo Comunale)

alle ore 15
il convegno

Comunicare la storia di una comunità e del suo territorio: gli 820 anni di fondazione di Villafranca Piemonte

 

organizzato dal Comune di Villafranca Piemonte, in collaborazione con il Laboratorio di Studi Storici sul Piemonte e gli Stati Sabaudi, con il Consiglio della Biblioteca Comunale “G. Reinaldi” e la sezione UNITRE di Villafranca Piemonte, con il patrocinio del Centro Studi Piemontesi e di Vivant

 

 

scarica il programma degli interventi

Oreficerie e avori della collezione Gualino alla Galleria Sabauda

Conferenze

Riccardo Gualino

sul palcoscenico dell’esistenza

Galleria Sabauda (terzo piano)

Musei Reali – Piazzetta Reale 1 – Torino

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

 

 

giovedì 9 novembre 2017 – ore 17,30

Michele Tomasi, Università di Losanna, presenta il volume:

Arti suntuarie nella collezione Gualino della Galleria Sabauda. Oreficerie e avori dall’Antichità all’età moderna

a cura di Annamaria Bava, Giorgio Careddu, Fabrizio Crivello

In collaborazione con l’Università degli Studi di Torino

 Intervengono i curatori

 

Segreti e polemiche della Torre Littoria di Torino

Lunedì 6 novembre ore 18

Elena Gianasso
e l’autore Gian Luca Giani

presentano il libro

L’incanto della Torre

Segreti, splendore e polemiche della costruzione più discussa di Torino

Edizioni Yume, Torino

 

Il libro dedicato alla Torre, detta Littoria, che segna lo skyline della torinese piazza Castello, fa scoprire non pochi segreti, splendori e polemiche di uno dei fabbricati più discussi della città. È il sottotitolo del volume a spiegare la natura delle più di duecento pagine scritte, corredate da illustrazioni in bicromia, dal nipote di uno degli autori del progetto, Armando Melis de Villa (1889-1961). Originario di Iglesias, luogo di ricerca dell’autore, e formato nella scuola di ingegneria torinese, Armando Melis lavora quando l’approccio dei progettisti innovatori, diffuso in Europa dal Movimento Moderno, è ancora accostato a realizzazioni che guardano alla tradizione. Le carte che documentano la sua lunga attività sono ora comprese nel patrimonio del Laboratorio di Storia e Beni culturali del Politecnico di Torino e nel fondo Melis de Villa conservato presso la Biblioteca di Storia e Cultura del Piemonte […] Dell’importante dibattito culturale cittadino di quegli anni, il libro privilegia la lunga vicenda che accompagna la costruzione della Torre Littoria. Fabbricato già più volte studiato, compreso nel piano di risanamento di via Roma, innalzato sul retro di un isolato soggetto alla normativa municipale che imponeva il linguaggio neobarocco verso la nuova via, la torre è collocata, in questo testo, nell’ambiente culturale del periodo tra le due guerre [dalla recensione di Elena Gianasso, pubblicato sul ,1, 2017 di “Studi Piemontesi”].

Il video dell’incontro è sul nostro canale Youtube