Archivi tag: Società Storica delle Valli di Lanzo

Le Valli di Lanzo nel primo Ottocento

Lunedì 23 ottobre ore 18

Piero Gribaudi  e Bruno Guglielmotto-Ravet

presentano le

Lettere sulle Valli di Lanzo

di Luigi Francesetti di Mezzenile

traduzione di Piero Gribaudi

per le edizioni della Società Storica delle Valli di Lanzo

letture di Valentina Duretto

Le Lettres sur les Vallées de Lanzo, il più noto e ricercato libro sulle Valli – edito nel 1823 – è una delle prime opere letterario-turistiche che descrivono un singolo piccolo territorio alpino. Le missive, indirizzate alla contessina Marina Nomis di Pollone (poi Cristiani di Ravarano), sono una fresca e puntuale descrizione del territorio così come si trovava all’inizio dell’Ottocento, offrendone un ritratto in sontuosa semplicità e naturale purezza. L’opera è illustrata da 12 incisioni, veri incunaboli dell’arte litografica introdotta da Felice Festa a Torino nel 1817.

La Società Storica delle Valli di Lanzo presenta ora la prima traduzione in italiano, curata da Piero Gribaudi, raffinato scrittore, editore, bibliofilo. Nella sua nota introduttiva, egli rileva che le lettere del Francesetti «sono quasi la personificazione delle Valli, in quanto ne hanno i pregi essenziali. In anni in cui tanto la montagna quanto il nascente alpinismo cominciavano ad ammantarsi di romanticismo, sono scritte con un realismo, una semplicità, una onestà, una chiarezza, un senso del limite e insieme un’affettività casalinga tali da renderle esse stesse un piccolo capolavoro di quotidianità donata».

Sul nostro canale YouTube il video della conferenza

Affreschi rinascimentali in Val di Lanzo

      Giovedì 19 maggio, ore 18

in sede

Claudio Bertolotto e Gian Giorgio Massara

discutono intorno al volume

Presenze pittoriche rinascimentali nelle Valli di Lanzo:
Cicli di affreschi a Lemie

In collaborazione con la Società Storica delle Valli di Lanzo, editore del volume, Lanzo 2015

Interviene Bruno Guglielmotto Ravet

massara

 Il volume consente di allargare lo sguardo dai cicli affrescati delle cappelle di Lemie alla grande pittura tardomedievale in Piemonte. Vi sono inoltre indagati, sulla base delle testimonianze figurative e documentarie, i rapporti tra gli affreschi della cappella di San Giulio a Forno di Lemie e le figure dei committenti, i fratelli Goffi, esponenti di un’antica famiglia di imprenditori minerari e metallurgici. In particolare si rilevano le connessioni fra le loro attività imprenditoriali e la presenza, del tutto insolita, delle marche degli armaioli sulle armature dei santi guerrieri raffigurati nella cappella.

Riti e tradizioni delle Valli di Lanzo

lanzo

Giovedì 26 marzo, ore 18,  per le Lectiones Renzo Gandolfo/Pagine dal territorio, Bruno Guglielmotto Ravet presenta il libro di Ariela Robetto, pubblicato dalla Società Storica delle Valli di Lanzo

Una maschera sul volto. Carnevale e Quaresima fra trasgressione e ordine

 

logo ssvallilanzo