Volendo far tesoro di questi giorni che passiamo nel silenzio delle nostre case, abbiamo pensato di condividere una piccola antologia di poesie in piemontese.

Una scorribanda nelle diverse epoche e voci, cogliendo fior da fiore i versi che più ci pare possano trasmetterci serenità.

Armando Mottura (Torino, 22 agosto 1905 – 29 ottobre 1976). Tra i fondatori con Pinin Pacòt, Renato Bertolotto, Alfredo Nicola, Camillo Brero, Attilio Spaldo e altri scrittori e poeti piemontesi, della Companìa dij Brandé. [vedi notizie in Poeti in piemontese del Novecento, a cura di Giovanni Tesio e Albina Malerba, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1990]

Nen ëd richëssa…

Nen ëd richëssa o ‘d glòria,

ma un cantonin ëd pas,

sensa passà né stòria;

un cantonin ëd pas,

lontan da la baraca,

fàit për podèj sugné,

dove la testa straca

i peussa riposé.

Una casòta bianca

ch’a guarda un tochèt d’èira;

na tòpia, un fi, na banca,

un pugn ëd tèra nèira

ch’i peussa coltivé;

e tante reuse rosse,

tomàtiche, pensé,

na fila giàuna ‘d cosse,

povron, e magioran-a

vzin a la trasparenta

eva d’una fontan-a

petégola e rijenta.

Avèj un bel cagnass

Ch’a bàula e a mostra ij dent,

al pì leger dij pass,

a l’avziné dl agent.

E peui una fomnin-a

ch’am ciama da la fnestra,

quand ch’a l’é ora ‘d sin-a;

e che mangiand la mnestra,

am parla dla sartòira,

dij pòis ch’i cujeroma,

dij crussi dl’arvendiòira,

dij cit ch’i compreroma….

e che setà dvzin,

godendse nòst bel nì,

am parla ‘d nòstra bin

ch’a finirà mai pì!

Vive la poesìa,

tenla stërmà ‘jnt ël cheur

guardé che ‘l bel a sia

nel mës-cià al maleur.

La mia casòta bianca,

col tòch ëd tèra nèira,

la tòpia, ‘l fi, na banca,

la fontanin-a, l’èira,

la vos ëd mia fomnin-a,

la fila giàuna ‘d cosse,

ij përro, la galin-a…

e tante resue rosse!

(1928)

Non ricchezza…. Non ricchezza, o gloria,/ ma un angolo di pace,/senza passato né storia;/ un angolo di pace,//lontano dalla baracca,/ fatto per poter sognare,/dove la testa stanca/ possa riposare.// Una casetta bianca/ affacciata su un pezzo d’aia;/ un pergolato, un fico, una panca,/ un pugno di terra nera// che possa coltivare;/ e tante rose rosse,/ pomodori, viole del pensiero, / una fila gialla di zucche,/ peperoni e maggiorana/ vicino all’acqua trasparente/di una fontana/ pettegola e ridente.// Avere un bel cagnaccio/ che abbia e mostra i denti,/ al più leggero dei passi,/ all’avvicinarsi della gente,// E poi una donnina/ che mi chiama dalla finestra,/ quando è ora di cena;/ e che mangiando la minestra,/ mi parla della sarta,/ dei piselli che raccoglieremo,/ dei crucci della commessa,/ dei bimbi che nasceranno…// e che seduti vicino,/ godendoci il nostro bel nido, /mi parli del nostro amore/ che non finirà mai!// Vivere la poesia,/ tenerla nel cuore/ stare attenti che il bello non sia/mescolato alla sfortuna.// La mia casetta bianca,/ quel pezzo di terra nera, il pergolato, il fico, una panca, la fontanella, l’aia// la voce della mia donnina,/ la fila gialla di zucche,/ i conigli, la gallina../ e tante rose rosse!.