Tutti gli articoli di centrostudi

INCONTRO in presenza

Mercoledì 15 settembre 2021 ore 17,30

nella sede del Centro Studi Piemontesi

via Ottavio Revel 15 – Torino

Presentazione del volume

Correspondance du Roi Stanislas-Auguste et de Luigi Malabaila di Canale (1765-1773)

Edizione Institut Historii PAN, Warszawa 2020, in collaborazione con La Venaria Reale/Residenze Reali Sabaude

Intervengono

il curatore dell’opera Jakub Bajer, Accademia Polacca delle Scienze

Andrea Merlotti, Direttore Centro Studi consorzio delle Residenze Reali Sabaude

Gustavo Mola di Nomaglio, Centro Studi Piemontesi

Il curatore interverrà in francese

in collaborazione con

In ottemperanza alle normative anti Covid per partecipare alla manifestazione è necessario prenotare: tel. 011/537486 – info@studipiemontesi.it

L’accesso in sede è consentito ad un numero limitato di persone

Obbligo di mascherina

GIORGIO LOMBARDI A DIECI ANNI DALLA SCOMPARSA

Sabato 11 settembre 2021 alle ore 16:00
a Bene Vagienna presso Casa Ravera

Via Vittorio Emanuele 43

presentazione degli atti del convegno:

Giorgio Mario Lombardi. Giurista, storico e amministratore. A dieci anni dalla scomparsa

a cura di Stefano Sicardi, Gustavo Mola di Nomaglio, Michelangelo Fessia

Edizione Centro Studi Piemontesi- Associazione Culturale Amici di Bene- Città di Bene Vagienna- Università di Torino/Dipartimento di Giurisprudenza.

Verrà poi intitolata la sala conferenze di Casa Ravera alla memoria dell’illustre professore.

L’evento si svolgerà nel pieno rispetto delle norme anti-covid. Info: www.amicidibene.it

#letturaday: Massimo d’Azeglio

Per #letturaday Maria Teresa Pichetto legge un brano dal suo libro “Massimo d’Azeglio, un artista in politica”.

Giorgio Martellini e Maria Teresa Pichetto hanno proposto in una prima edizione del 1990 (per Camunia), una biografia completa fondata su una documentazione di prima mano, resa accattivante da una scrittura narrativa ritmata da pertinenti e impertinenti citazioni dai ricordi e dalle lettere del protagonista. Nel 2016 la ristampa aggiornata dell’opera per le edizioni del Centro Studi Piemontesi

Il racconto del percorso (1798-1866) di un uomo di successo, anticonformista e amabilmente autoironico, di affascinante versatilità. Pitor ëd mësté, come amava autodefinirsi, autore di fortunati romanzi come l’Ettore Fieramosca, politico lungimirante e onesto, D’Azeglio visse romanzeschi amori (con Carolina Morici, Giulia Manzoni e Luisa Maumary Blondel); ebbe duraturi sodalizi di amicizia e stima con Cesare Balbo, Tommaso Grossi e Carlo Alberto; fu protagonista di conflitti e contestazioni con Pio IX, Gioberti, Guerrazzi e Giusti; e si trovò ad essere attore spregiudicato e spettatore disincantato di più di cinquant’anni di vita delle città italiane (Torino, Roma, Milano, Bologna, Firenze, Genova, Napoli) che furono l’epicentro dei grandi cambiamenti politici e sociali dell’Ottocento

Saluto a Censin Pich

È mancato il 4 settembre, all’età di 91 anni, Censin Pich, scrittore, poeta, Brandé, strenuo, instancabile militante per la lingua e la cultura piemontese. 

È stato tra i fondatori, con Renzo Gandolfo, Gianrenzo P. Clivio e altri amici, del Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis nel 1969. Da diversi anni era nel Consiglio Direttivo come membro del Collegio dei Probiviri.

L’ultimo saluto a Censin Pich sarà domani 7 settembre, alle ore 10 nella Chiesa di Sant’Agostino, via Santa Chiara 9 – Torino.

La Ca dë Studi Piemontèis an deul a saluta con tuta soa grinor l’amis e frel piemontèis Censin Pich, e a n’arcòrda l’angagi sensa sosta për la lenga e la literatura piemontèisa.

Coma a scriv Giovanni Tesio:  “Tra ‘d noi a bastava sò nòm a fé foson, a fé fiusa, a fene companìa, chiel ch’a l’era l’ultima bandiera – l’ùltima ‘nsigna – dla tradission Brandé”.