Archivi categoria: Colloqui del lunedì

Castelvecchio di Testona

castelvecchio

Da Fortezza a Condominio

Lunedì 9 marzo 2015, alle ore 18, nella sede di via Ottavio Revel 15
ELISA GRIBAUDI ROSSI, SIMONETTA GRIBAUDI e l’autrice MARINA PAOLA MILIA presentano il volume  Castelvecchio di Testona. Uno degli edifici più antichi della collina torinese.

 Il Castelvecchio di Testona è un antico castello medioevale immerso nel verde della collina moncalierese; oggetto di numerosi interventi architettonici in epoche successive, ha corso il rischio di diventare un rudere fino a quando, negli anni Settanta, è stato salvato da un intervento privato. Marina Milia, basandosi su fonti documentarie antiche e moderne, piante, consegnamenti, è riuscita a costruire le vicende architettoniche e quelle dei personaggi che hanno fatto la storia del Castelvecchio, accompagnando il testo con un ricco apparato fotografico.

 §   §   §

MARINA PAOLA MILIA, Castelvecchio di Testona. Introduzioni di ALBINA MALERBA, PAOLO CLARETTA-ASSANDRI, ELISA GRIBAUDI ROSSI, RICCARDO BEDRONE Torino, Centro Studi Piemontesi, pagg. 101, ill. , 2014.

 §   §   §

Colloqui del Lunedì e le Lectiones Renzo Gandolfo/Pagine dal Territori, sono i due seguitissimi cicli di incontri che il Centro Studi Piemontesi organizza nella sua sede di  Torino di via Ottavio Revel 15,  su argomenti interdisciplinari, come è nel DNA dell’attività di studi e ricerche del  Centro Studi Piemontesi, che sempre più si conferma un presidio aperto e dinamico di cultura e di civiltà, capace di coniugare insieme il “locale” e l’internazionale.

L’ingresso è libero, fino ad esaurimento dei posti in sala

Luigi Bossi, un milanese a Torino

I Colloqui del Lunedì e le Lectiones Renzo Gandolfo/Pagine dal Territorio, sono i due seguitissimi cicli di incontri che il Centro Studi Piemontesi organizza nella sua sede di  Torino di via Ottavio Revel 15,  su argomenti interdisciplinari, come è nel DNA dell’attività di studi e ricerche del  Centro Studi Piemontesi, che sempre più si conferma un presidio aperto e dinamico di cultura e di civiltà, capace di coniugare insieme il “locale” e l’internazionale.

Sarà Giorgio Federico Siboni dell’Università degli Studi di Milano, con una conferenza su Luigi Bossi (1758-1835). Un milanese a Torino tra fermenti unitari e Impero napoleonico ad aprire i Colloqui  lunedì 2 marzo alle ore 18.  Un omaggio ai rapporti che da sempre legano Torino, prima Capitale d’Italia, con Milano che tra pochi mesi ospiterà l’EXPO 2015.

luigi-bossi_LRG

L’erudito e letterato milanese Luigi Bossi (1758-1835) ricoprì nel periodo rivoluzionario e napoleonico diversi incarichi diplomatici e amministrativi che lo posero al centro della complessa macchina riformatrice napoleonica. Incaricato d’affari a Torino – prima nel 1799 e poi più lungamente dal 1801 al 1808 – il Bossi avviò nella città subalpina un’importante rete di contatti culturali con i maggiori esponenti del mondo letterario e scientifico, giungendo quindi a essere aggregato alla stessa Accademia delle Scienze, con cui collaborò attivamente nel corso degli anni. Il soggiorno torinese di Luigi Bossi lo vide protagonista di primo piano della visita di Germaine madame de Staël, della ricezione della monta merinos tra Piemonte e Lombardia e dell’introduzione del sistema metrico decimale. Anni di rivolgimenti importanti che si accompagnarono a sussulti politici precorritori della temperie risorgimentale. Di questi e di altri aspetti – diplomatici, economici e sociali – che attraversarono il Piemonte rivoluzionario e napoleonico, Luigi Bossi fu osservatore attento, sagace e privilegiato. La sua testimonianza diretta restituisce i chiaro-scuri di un’età percorsa da mutamenti epocali e tenaci persistenze

Giorgio Federico Siboni, socio e collaboratore del Centro Studi Piemontesi, Dottore di ricerca, membro di comitati scientifici per istituti culturali e società storiche nazionali ed estere, coordina progetti di studio interministeriali relativi alla storia del territorio. Autore di saggi e monografie, le sue ricerche vertono in prevalenza sul XVIII secolo e sull’Età rivoluzionaria e napoleonica. A Luigi Bossi ha dedicato un volume di studi nel 2010 per la Leone Editore di Milano.

I Colloqui del Lunedì si tengono in sede, tutti i lunedì  – fino al 4 maggio – alle ore 18. L’ingresso è aperto a tutti, fino ad esaurimento dei posti in sala.

incontri al Centro Studi Piemontesi

Vittorio Emanuele III tra i protagonisti della Grande Guerra

Lunedì 1° dicembre, ore 18, in sede, si chiude il ciclo autunnale dei Colloqui del Lunedì con la  conferenza di Pierangelo Gentile, Università di Torino, su I Protagonisti della Grande Guerra: Vittorio Emanuele IIIpersonaggio del quale ha affrontato il complesso profilo biografico con profonda competenza ed equilibrio in un volume pubblicato per Il Sole 24 Ore.

Torino e Siena a confronto

Lunedì 24 novembre, ore 18, nella sede di via Ottavio Revel 15,  Torino, per i Colloqui del Lunedì del Centro Studi Piemontesi, incontro con  Giacomo Zanibelli dell’Università di Siena, che terrà una conversazione su Scuola e classe dirigente tra Sette e Ottocento. Piemonte e Toscana a confronto .

Elisa Gribaudi su Jacqueline d’Entremont

Lunedì 17 novembre, ore 18, nella sede di via Ottavio Revel 15, Torino, per i Colloqui del Lunedì del Centro Studi Piemontesi, incontro con la scrittrice Elisa Gribaudi Rossi che terrà una conversazione su L’avventurosa e travagliata vita di Jacqueline d’Entremont dalla Savoia a Moncalieri .

 

Nel  1994 a Giacolina d’Entremont, Elisa Gribaudi Rossi con il titolo Madama e Monsignore. Vita e tempi di una donna tra Francia, Savoia e Piemonte (1541-1599) aveva dedicato una biografia romanzata pubblicata dalle edizioni Fògola.

Colloqui del lunedì

Prosegue la stagione autunnale dei Colloqui del lunedì, dieci appuntamenti in sede, tutti i lunedì alle ore 18 – a partire dal 6 ottobre fino al 1° dicembre – per affrontare temi interdisciplinari legati alla cultura, alla storia, ai personaggi del Piemonte.

La partecipazione agli incontri è gratuita, aperta a tutti fino ad esaurimento dei posti in sala.

Lunedì 3 novembre Carlo Naldi, del Politecnico di Torino, terrà una conferenza con immagini sui Frescanti negli oratori e cappelle delle Alpi Marittime nella seconda metà del Quattrocento

Lunedì 27 ottobre si parlerà di Massimo d’Azeglio  con la conferenza di   Claudio Gigante, Università di Bruxelles, sul tema: La nazione necessaria. La questione italiana nell’opera di Massimo d’Azeglio, in margine al suo volume pubblicato a Firenze da Franco Cesati Editore.

Lunedì 20 ottobre si parlerà delle Valli di Lanzo con la conferenza di Bruno Guglielmotto Ravet, Dall’ultimo montanaro alla città culturale: ruolo e azione della Società Storica delle Valli di Lanzo.

lunedì 13  ottobre alle 18Patrizia Pellizzari, dell’Università di Torino, Gustavo Mola di Nomaglio,  Gabriella Olivero,curatrice dell’opera Della vita d’Emanuel Filiberto  di Ioannes Tonsus (1596), presenteranno  i due volumi pubblicati dall’editore Aragno che, grazie alla versione italiana a fronte del testo originale latino, rendono fruibile al grande pubblico una tra le più interessanti e ancora attuali biografie del sovrano sabaudo, grande condottiero, statista e uomo di cultura.

Il De vita Emmanuelis Philiberti, pubblicato nel 1596, fu commissionato all’umanista milanese Ioannes Tonsus (Giovanni Tosi) dal duca Carlo Emanuele I  per onorare la memoria di suo padre e rafforzare il prestigio della stirpe sabauda presso le altre corti europee.  La traduzione italiana preparata dallo stesso Tosi, manoscritta e rimasta inedita, viene ora pubblicata a cura di Gabriella Olivero, nei due volumi editi da Aragno (2014, pp. 988): l’elegante raffinata edizione presenta a fronte il testo latino e la traduzione, permettono di leggere e confrontare le due redazioni dell’opera.

QUI il programma completo dei Colloqui del lunedì