Home Shop Storia Fulvio Peirone – Per Torino da Nizza e Savoia. Le opzioni del 1860 per la cittadinanza torinese da un Fondo dell’Archivio Storico della Città di Torino.

Fulvio Peirone – Per Torino da Nizza e Savoia. Le opzioni del 1860 per la cittadinanza torinese da un Fondo dell’Archivio Storico della Città di Torino.

30,00

A cura di Gian Savino Pene Vidari e Rosanna Roccia; Premessa di Giovanni Maria Ferraris 

Torino, Centro Studi Piemontesi, Città di Torino, pagg. 457, 2011.

ISBN: 978-88-8262-178-0

Categoria: Tag: ,

Descrizione

Tra i documenti dell’Archivio Storico del Comune di Torino c’è un fondo di grande suggestione e fascino, di indiscutibile validità, contenente cinque grossi volumi, in cui sono raccolti gli atti di cittadinanza di circa 1500 Nizzardi e Savoiardi che decisero di rimanere cittadini del Regno di Sardegna, e quindi italiani, quando nel 1860 Nizza e Savoia furono cedute alla Francia.

L’A., Fulvio Peirone, studioso, funzionario dell’Archivio Storico della Città di Torino, ha rilevato le informazioni salienti riguardanti ciascun personaggio, provenienza, professione, parentele, informazioni personali di grande interesse.

Gli ampi saggi di Paola Casana, Bénédicte Decourt Hollender, Enrico Genta, Gustavo Mola di Nomaglio, Gian Savino Pene Vidari, Rosanna Roccia, Michele Roscboch e Olivier Vernier incorniciano il documento torinese nel quadro storico-giuridico e lo collocano nella prospettiva degli avvenimenti storici e sociali, in dialogo con le ricerche nizzarde, coinvolgendo  le Università di Torino e di Nizza, premessa per un confronto successivo con le Istituzioni savoiarde.

Il volume vuol essere un omaggio alla storia di Torino che ha visto proprio nel 1860 e 1861 il culmine del processo di unificazione e conosciuto il ruolo di capitale, ma vuol essere anche un importante ricordo di quelle persone divenute torinesi per costruire insieme l’Italia del futuro.

Chiusura Estiva
Il Centro Studi Piemontesi rimarrà chiuso per il mese di agosto,
gli ordini dello shop verranno evasi a partire da 5 settembre.