Archivi tag: Amando Mottura

Volendo far tesoro di questi giorni che passiamo nel silenzio delle nostre case, abbiamo pensato di condividere una piccola antologia di poesie in piemontese.

Una scorribanda nelle diverse epoche e voci, cogliendo fior da fiore i versi che più ci pare possano trasmetterci serenità.

Armando Mottura (Torino, 22 agosto 1905 – 29 ottobre 1976). Tra i fondatori con Pinin Pacòt, Renato Bertolotto, Alfredo Nicola, Camillo Brero, Attilio Spaldo e altri scrittori e poeti piemontesi, della Companìa dij Brandé. [vedi notizie in Poeti in piemontese del Novecento, a cura di Giovanni Tesio e Albina Malerba, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1990]

Nen ëd richëssa…

Nen ëd richëssa o ‘d glòria,

ma un cantonin ëd pas,

sensa passà né stòria;

un cantonin ëd pas,

lontan da la baraca,

fàit për podèj sugné,

dove la testa straca

i peussa riposé.

Una casòta bianca

ch’a guarda un tochèt d’èira;

na tòpia, un fi, na banca,

un pugn ëd tèra nèira

ch’i peussa coltivé;

e tante reuse rosse,

tomàtiche, pensé,

na fila giàuna ‘d cosse,

povron, e magioran-a

vzin a la trasparenta

eva d’una fontan-a

petégola e rijenta.

Avèj un bel cagnass

Ch’a bàula e a mostra ij dent,

al pì leger dij pass,

a l’avziné dl agent.

E peui una fomnin-a

ch’am ciama da la fnestra,

quand ch’a l’é ora ‘d sin-a;

e che mangiand la mnestra,

am parla dla sartòira,

dij pòis ch’i cujeroma,

dij crussi dl’arvendiòira,

dij cit ch’i compreroma….

e che setà dvzin,

godendse nòst bel nì,

am parla ‘d nòstra bin

ch’a finirà mai pì!

Vive la poesìa,

tenla stërmà ‘jnt ël cheur

guardé che ‘l bel a sia

nel mës-cià al maleur.

La mia casòta bianca,

col tòch ëd tèra nèira,

la tòpia, ‘l fi, na banca,

la fontanin-a, l’èira,

la vos ëd mia fomnin-a,

la fila giàuna ‘d cosse,

ij përro, la galin-a…

e tante resue rosse!

(1928)

Non ricchezza…. Non ricchezza, o gloria,/ ma un angolo di pace,/senza passato né storia;/ un angolo di pace,//lontano dalla baracca,/ fatto per poter sognare,/dove la testa stanca/ possa riposare.// Una casetta bianca/ affacciata su un pezzo d’aia;/ un pergolato, un fico, una panca,/ un pugno di terra nera// che possa coltivare;/ e tante rose rosse,/ pomodori, viole del pensiero, / una fila gialla di zucche,/ peperoni e maggiorana/ vicino all’acqua trasparente/di una fontana/ pettegola e ridente.// Avere un bel cagnaccio/ che abbia e mostra i denti,/ al più leggero dei passi,/ all’avvicinarsi della gente,// E poi una donnina/ che mi chiama dalla finestra,/ quando è ora di cena;/ e che mangiando la minestra,/ mi parla della sarta,/ dei piselli che raccoglieremo,/ dei crucci della commessa,/ dei bimbi che nasceranno…// e che seduti vicino,/ godendoci il nostro bel nido, /mi parli del nostro amore/ che non finirà mai!// Vivere la poesia,/ tenerla nel cuore/ stare attenti che il bello non sia/mescolato alla sfortuna.// La mia casetta bianca,/ quel pezzo di terra nera, il pergolato, il fico, una panca, la fontanella, l’aia// la voce della mia donnina,/ la fila gialla di zucche,/ i conigli, la gallina../ e tante rose rosse!.