Archivi tag: Censin Pich

51 anni per il piemonte

L’11 giugno del 1969 un gruppo di amici (Gaudenzio Bono, Giuseppe Fulcheri, Dino Gribaudi, Gianrenzo P. Clivio, Amedeo Clivio, Camillo Brero, Alfredo Nicola, Armando Mottura, Giacomo Calleri, Censin Pich, Tavo Burat), riuniti da Renzo Gandolfo (1900-1987), davano vita al Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, una istituzione pluridisciplinare dedicata allo studio della vita e della cultura piemontese in ogni loro manifestazione.

Il verbale di fondazione

Nel corso del 2019 il Centro Studi Piemontesi ha messo in campo una serie di iniziative per siglare questo importante traguardo, fare un Bilancio di mezzo secolo di intensa attività scientifica e editoriale, costruire, sulle solide radici della memoria storica, il lavoro futuro. Ha realizzato anche una medaglia ricordo (ancora disponibile, basta richiederla in Segreteria), e un video che vogliamo riproporre oggi

Il primo Presidente ing. Gaudenzio Bono
I consultori
Il bollettino del luglio 1970

90 anni con “Ij Brandé”

An-làuda-d-nòsta-stòria-anvit-web

Nel 2017 ricorrono i 90 anni dalla fondazione de Ij Brandé

Mercoledì 1° marzo alle 17, a Palazzo Cisterna (Via Maria Vittoria 12, Torino)

porteranno i loro ricordi e le loro testimonianze Censin Pich, Sergi Girardin, Giusep Gorìa, Gianfranch Gribaud, Albina Malerba, Dario Pasé, Michél Pont, Candida Rabbia, accompagnati dalle letture di Rosanna Galleggiante e Giorgio Serra.

La manifestazione è stata promossa da Gioventura Piemontèisa con Ca dë Studi Piemontèis, Teatro Zeta, Union Associassion Piemontèise ant ël Mond, La Slòira e il patrocinio della Città Metropolitana di Torino.

Ingresso libero

Anche in piemontese il sito del Consiglio regionale del Piemonte

Il Consiglio regionale del Piemonte ha lanciato, il 4 maggio, la nuova versione del sito internet www.cr.piemonte.it, un progetto ambizioso che vede coinvolte tutte le direzioni dell’Assemblea e il Csi Piemonte.

Il nuovo spazio web è stato pensato secondo tutte le più moderne logiche di usabilità, con un layout essenziale ma accurato in ogni elemento di design. Nella fase di progettazione abbiamo guardato alle nuove tendenze di siti governativi, dallo stato dello Utah al Canada, dalla Toscana al Parlamento danese.

Il sito, come già il precedente, è disponibile in numerose lingue ma da questa versione è stata introdotta la versione piemontese.

consiglio

Per il piemontese il Consiglio si è avvalso della collaborazione gratuita del Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, e noi della supervisione dell’amico e magister Censin Pich.

Il  Direttore Comunicazione istituzionale del Consiglio regionale del Piemonte, ha riferito che la decisione è stata presa dopo i risultati di  sondaggio on line: una richiesta particolarmente caldeggiata dai nostri piemontesi nel mondo.

cons