Archivi tag: Guida letteraria di Torino

Guida letteraria di Torino

An flanand tra le pagine del
Catalogo storico delle edizioni del Centro Studi Piemontesi

Pier Massimo Prosio
Guida letteraria di Torino

Terza edizione ampliata e aggiornata. Pagg. 253, con ill. e cartine (2005). ISBN 88-8262-037-9

La prima guida storico-artistica della città di Torino, con una serie di itinerari in cui di zona in zona, di via in via, sono messi in rilievo i siti della città che danno occasione a ricordi letterari. Non si tratta quindi di una storia letteraria di Torino, né di un’antologia di brani su Torino; oggetto del libro è la città letteraria vista attraverso i siti che di questo passato letterario recano memoria: sia per motivi biografici (perché autori vi hanno soggiornato, vi sono nati, vissuti o morti), sia perché tali siti sono stati argomento o sfondo di pagine letterarie. Sono presi in considerazione poeti, narratori, drammaturghi, memorialisti, ma anche filosofi, saggisti, critici, ecc. Torino non godeva una grande fama di città “letteraria”, questo libro dimostra che anche lungo le strade della città dei Savoia e della Fiat l’uomo di cultura può rinvenire numerose e notevoli tracce di un importante e suggestivo passato letterario.

“Strade, piazze, viali, infernotti, vicoli della capitale che fu, della capitale che naturalmente Torino è […]. È ormai un classico la Guida di Pier Massimo Prosio. Per coloro che sanno, per coloro che vogliono affermare il tono subalpino, per gli ammalati di curiosità. […]. Una flânerie suprema è il teatro arredato da Pier Massimo Prosio. Sette itinerari, una carovana (una deamicisiana carrozza) affollata di egregi cocchieri, da Massimo d’Azeglio a Giuseppe Baretti, da Vittorio Bersezio a Piero Gobetti, da Cesare Pavese a Massimo Mila, da Maupassant a Tolstoj, da Erasmo a Melville, da Dumas a Larbaud, all’inarrivabile dandy, alias Antonicelli…Una giostra nei secoli. Un mappa (il tesoro è un’identità cosmopolita, alfierianamente spiemontizzata, e dunque piemontese, torinese) a prova di tempi moderni e postmoderni, di avventure virtuali” [dalla recensione di Bruno Quaranta, pubblicata in “Studi Piemontesi”, XXXV, 1 (2006), pp. 170-171].

Lo sguardo degli altri sul Piemonte

Lunedì 14 novembre, ore 18.00

Arnaldo Di Benedetton e l’autore Pier Massimo Prosio

presentano il libro

Lo sguardo degli altri. Incontri in Piemonte tra letteratura pittura musica

Collana “Civilisation de l’Europe” del Centro Interuniversitario di Ricerche sul “Viaggio in Italia” (C.I.R.V.I.), 2016

Interviene Emanuele Kanceff, Direttore C.I.R.V.I.

Cattura

Scrittori, pittori, musicisti hanno lanciato il loro sguardo su Torino e il Piemonte e lasciato tracce e testimonianze del loro incontro e del loro passaggio, con le osservazioni vergate in diari e lettere, o prendendo Torino e il Piemonte come sfondo delle loro opere letterarie o artistiche, raffigurando in modo personale e spesso inatteso città e regione.
Il volume illustra un proficuo e suggestivo scambio e rapporto tra letteratura pittura e musica, con influssi e corrispondenze tra quadri e poesie, fra tragedia e opera lirica: un quadro alla Galleria Sabauda che eccita la fantasia di uno scrittore francese; L’Isola dei morti, il dipinto di Böcklin, accolto e variamente “tradotto” dai poeti torinesi; musiche di Verdi e opere di David accostati a confronto con  le tragedie di Alfieri; legami tra lo scrittore torinese Thovez e i pittori Preraffaelliti; riflessi ed echi della poesia di Walter Scott nella Torino del 1821; rapporti della  musica di Bellini con le poesie di Diodata Saluzzo.
Una regione vista nelle sue relazioni europee e mondiali, nei suoi legami e rinvii con le letterature e le arti e le musiche europee. E una città, Torino con i suoi dintorni, rivisitata sotto varie prospettive, dalla memoria personale e storica ad un excursus sul suo “clima letterario”, su come, cioè, i vari scrittori – piemontesi e forestieri – che ne hanno parlato l’hanno rappresentata nel suo vario aspetto climatico e nei suoi mutamenti meteorologici.

Pier Massimo Prosio, membro del Comitato Scientifico del Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, collaboratore della rivista “Studi Piemontesi”; scrittore, autore tra i tanti titoli della fortunata Guida letteraria di Torino, pubblicata e aggiornata in tre edizioni, e ormai nuovamente quasi esaurita. Prontuario di (2014), Silenzi d’autore (2015), Prontuari