Archivi tag: Gian Giacomo Migone

Gianfranco Gribaudo, un piemontese internazionale si racconta

Lunedì 26 novembre 2018 ore 18

Luciano Genta, Dora Marucco

e l’autore Gianfranco Gribaudo

dialogano intorno al libro

Dal Borgh al BIT 

Tra Torino e le Nazioni Unite:  fatti e pensieri di un piemontese internazionale

Chieri, Gaidano e Matta, 2018

Prefazioni di Sergio M. Gilardino e Gian Giacomo Migone

È conosciuto soprattutto come “il Gribaudo” per il suo Dissionari piemontèis. Ma Gianfranco Gribaudo è stato in primo luogo, defilato e in sordina, un protagonista dell’impegno per “portare Torino nel mondo e il mondo a Torino”. Dall’inizio degli anni Sessanta funzionario delle Nazioni Unite e dirigente del Centro internazionale di formazione tecnica e professionale per i paesi in via di sviluppo, noto alle origini semplicemente come “il Bit”, che s’insediò dopo Italia ’61 tra Palazzo Nervi e le rive del Po.  Ora, a 84 anni, Gribaudo ha ripercorso la sua vita: le radici famigliari, la formazione culturale, l’attività professionale, i viaggi, gli interessi e gli affetti privati. Un libro in cui la memoria personale s’intreccia alla storia pubblica: la Torino industriale e la Fiat dell’Avvocato, i rapporti tra l’Italia e le Nazioni Unite, il sogno lungimirante di formare lavoratori, tecnici, amministratori, una classe dirigente per quello che allora si chiamava il Terzo Mondo, ben prima che arrivasse la globalizzazione.

La conferenza può  essere seguita sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi

L’ambasciatore Augusto Rossi

Mercoledì 24 ottobre, ore 17,15

in sede, incontro di studi su

L’ambasciatore Augusto Rosso (1885-1964)

Da Tronzano Vercellese a Washington e Mosca

L’ambasciatore Augusto Rosso, funzionario statale poco conosciuto al grande pubblico, fu uno dei maggiori protagonisti della vita diplomatica italiana del XX secolo. Nato a Tronzano Vercellese da una famiglia di proprietari terrieri il 23 dicembre 1885 e deceduto a Firenze il 20 dicembre 1964, Rosso diede il suo fondamentale contributo durante quaranta anni di servizio in rappresentanza dello Stato italiano nelle principali aree del mondo: oltre che in alcune nazioni europee, tra le quali spicca l’Unione Sovietica, anche gli Stati Uniti d’America. Egli, nel periodo intercorrente tra le due guerre mondiali, assunse importantissimi ruoli istituzionali nell’ambito politico-internazionale, tra cui quello di capo dell’Ufficio Società delle Nazioni del Ministero degli Affari Esteri e Direttore Generale della sezione Affari Società delle Nazioni tra gli anni ’20 ed il decennio successivo, quello di ambasciatore a Washington e Mosca negli anni ’30 ed inizio ’40, ed infine quello di Segretario Generale sempre al Ministero degli Affari Esteri dall’estate del 1943 alla caduta del regime fascista, vale a dire nel momento più critico per l’Italia durante il secondo conflitto mondiale.

L’incontro é visibile sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi