Archivi tag: Nino Costa

La Divina Commedia in piemontese 3

di Giuseppe Goria

Il Canto I dell’Inferno nella traduzione di Oreste Gallina

Nato a Mango d’Alba nel 1898. Latinista, professore di lettere, legato a Nino Costa e a Pinin Pacòt fin dai tempi dell’Accademia Militare, prima della Grande Guerra. Con Pacòt e Alfredo Formica fonda, nel 1927, la prima serie della rivista “Ij Brandé”. Scrive inizialmente nella lingua della koiné e poi nella parlata langarola, più aderente alla tematica “contadina” della sua poesia. Muore il 15 ottobre del 1985 ad Arona, dove è stato per molti anni Preside delle Scuole Medie.

Ël prim cant   ëd la “Divina Commedia” voltà an piemontèis da Oreste Gallina pubblicato in “Musicalbrandé” n.18, giugn 1963

Na neuit, lì vers metà dla nòstra vita

i son trovame ‘nt na boscaja scura,

con gnanca pì la marca dla stra drita.

E a dive coma a l’era a m’é ‘n po’ dura,

col diav  ëd boscasson , ma trist, ma trist

che, mach ch’i-j pensa, am ciapa na paùra!

Fé cont ch’i fùissa’nt j’onge dl’antecrist;

ma për conteve lòn ch’i l’hai trovaje

dirai dcò d’àutre ròbe ch’i l’hai vist.

A dive come e andoa i sia intraje,

savrìa nen, tant j’era andurmentà;

ma sai ch’am foratavo le ramaje.

Ansoma che là ‘ndrinta, va chë ‘t va,

i son rivà a l’ancò ‘d na val fingarda,

con tut   ël cheur an boca e disperà!

Quand … che con j’euj an su… tòh!…guarda guarda…

un brich anluminà dal sol ch’a men-a

su la stra giusta da na stra busiarda.

E, a cola vista,  ël cheur, dòp tanta pen-a

për cola neuit sì nèira e malorosa,

sento che ‘nt un moment as rasseren-a .

E come l’òm, con pressa timorosa,

surtend dal mar, con man e pe ‘n sla  riva ,

as vòlta a guardé l’onda minaciosa,

parèj, dcò mi, che ansios im la bativa,

i son voltame a docé dré dla schin-a,

al bòsch ch’a lassa mai n’ànima viva.

Peui, arpatame   ël fià na frisinin-a,

i taco a monté su … coma i podìa,

content  ëd rivé ansima a la colin-a .

Ma ‘ncaminà ch’ i son, gieusi che strija!

Una bestiassa tuta maciorlà

as para dnans… e pa ch’andèissa via,

ansi am sautava antorn, e an sa e an là,

coma  për dime: «Alé…. torna anderera!»

Mi…gnanca a dilo, im s’era già voltà.

E, nas an aria : òh meno mal ch’a l’era

già l’alba reusa, e ‘l sol, cola matin,

a s’arlegrava d’esse an primavera.

……………

giù fin-a al fond ‘d l’Infern; peui fame andé

a sente coi ch’a vivo dë speransa;

peui…via via, fin-a a l’uss ‘d San Pé.

“Va bin! Andoma…, e là, se l’ordinansa

a l’é che ti con Chila it peussi intré,

content, an Paradis…, mi n’ài bastansa”

Dit lòn , s’é ancaminasse. E mi: daré!

Per Ij Sant/ Per Ognissanti

Nella ricorrenza di Ognissanti, Ij Sant, nella nostra tradizione, offriamo una piccola antologia di versi di poeti in piemontese, che con le loro parole possono accompagnarci in un momento di riflessione in questi tempi difficili.

RENZO GANDOLFO (1900-1987)


Mè rosari

N’àutr di…n’àutra neuit… e ‘l rosari a continua.
Di dij Mòrt…di dij Sant: pare e mare, e mi fieul.

Ma për Ti la coron-a l’era, Mare, un gran sercc
ëd misteri gaudios, doloros, che a finìo
ant ël Pater e ël Glòria, alfa e omega dla vita,

mentre ‘l mè l’é na stra spèrsa, van-a, ant la nebia
dova ij ier a son seugn e ij doman a son ombre…

e j’ancheuj as bilaucio.

Un altro giorno… un’altra notte… e il rosario continua. / Giorno dei Morti…giorno dei Santi:/ padre e madre, e io, figlio. / Ma per Te la corona del rosario era, Mamma, un grande cerchio/ di misteri gaudiosi, dolorosi, che finivano/ col Padre Nostro e col Gloria, alfa e omega della vita, / mentre il mio è una strada sperduta, vana, nella nebbia/ dove i giorni di ieri sono sogni e i domani sono ombre…/ e gli oggi si alternano.

MARIO ALBANO (1880-1963)

La castagna

…..O fruta nòstra san-a, montagnin-a,
t’arlegre ‘l cheur dij grand e dle masnà,
e an tute le famije, ai Sant, dòp sin-a

s’as prega për ij Mòrt, ti ‘t mache pa.
Mentre ch’it beuje drinta la ramin-a
it bërbòte un tò requiem, da stërmà.

… O frutto nostro sano, montanaro,/ rallegri il cuore dei grandi e dei bambini,/ e in tutte le famiglie, ai Santi, dopo cena/ se si prega per i Morti, tu non manchi./ Mentre ribolli dentro la pentola/ borbotti un tuo requiem, di nascosto.

PININ PACÒT (1899-1964)

Miserere

Miserere, Nosgnor, për tuti ij mòrt,
che a-j compagna toa gràssia për confòrt.
…..

Pietà pr’ij mòrt e ij viv, póver satìa
Ai pe ‘d toa glòria. Réchie, e così sia!

Miserere, o Signore, per tutti i morti, / che la tua grazia li accompagni a conforto. /…/ Pietà per i morti e i vivi, polvere trita / ai piedi della tua gloria. Requiem, e così sia!

NINO COSTA (1886-1945)

Grisantem

Ij grisantem: ste fior ëd sangh e d’òr,
ch’a smijo nostran-e e ‘n fond son forestere,
gentile se, ma ‘n pochetin severe
e ch’a-j dan a l’otonn l’ùltim tesòr,

veuj ch’i-i pòrto a brassà sle sepolture
….
nen mach dij nòstri…Oh! ‘nsima a la sporcissia
dla gent ch’as vend, ch’as compra e ch’ambaron-a,
bsògna quaidun ch’as drissa e ch’a përdon-a
për na pietà pì granda dla giustissia,


E se mai da la stra dij simiteri
l’é vnuje ‘ncontra a l’anima dla gent
na paròla, ‘n consej, n’avertiment…
sai pa…’n sospir surtì dal gran misteri,

ch’a sìa stavòlta për ij giovo e ij vej
na paròla d’amor: uman-a e onesta,
ch’an giuta a vince st’ùltima tempesta,
ch’an mostra a torna diventé fratej.

I grisantemi: questi fiori di sangue e d’oro, / che sembrano nostrani e in fondo sono forestieri, / gentili, sì, ma un pochino severi/ e che recano all’autunno l’ultimo tesoro, / voglio che li portiamo a fasci sulle sepolture/…/non solo dei nostri…Oh! Al di sopra della sporcizia/ della gente che si vende, che si compra e che accaparra, / c’è bisogno di qualcuno che si innalzi e che perdoni/ per una pietà più grande della giustizia,/…/ E se mai dalle strade dei cimiteri/ è venuta incontro all’anima della gente/ una parola, un consiglio, un avvertimento…/ non so …un sospiro uscito dal gran mistero, / sia questa volta per i giovani e i vecchi/ una parola d’amore: umana e onesta,/ che ci aiuti a vincere quest’ultima tempesta, che ci insegni a diventare di nuovo fratelli.

Il nido dell’Ornero nel Camposanto di Plaza San Francisco (Cordoba, Argentina)

CAMILLO BRERO (1926- 2018)

Përchè soa pas conòssa nen la neuit


Andoma, cé, mentre che ‘l sol n’ancanta,
travers ai pra, coma ant un mar dë stèile:
se tò gognin l’ha greve le parpèile
ti càntje ij cant dla nòstra tèra santa.

Pòrt-me con Ti drinta ai giardin già veuid
a cheuje j’ùltim grisantém pi bei,
che i veuj quaté l’Autar dij nòstri Vej
përchè soa pas conòssa nen la neuit.

Andiamo, nonno, mentre il sole ci incanta, / attraverso i prati, come in un mare di stelle:/ se il tuo piccolo ha le ciglia stanche/ tu cantagli i canti della nostra terra santa. / Portami con Te dentro ai giardini già vuoti/ a raccogliere gli ultimi bei crisantemi, / che voglio ricoprire l’Altare dei nostri Antenati/ perché la loro pace non conosca notte.

nino costa racconta la resistenza

Martedì 8 settembre 2020, alle 21

al Polo del Novecento

Libero adattamento di Marco Gobetti e Beppe Turletti dal volume “Tempesta – (1939-1945) – Poesie Piemonteise” (Torino, 1983, Andrea Viglongo & C. Editori) e da altre opere di Nino Costa, con riferimenti a testimonianze e dichiarazioni rilasciate da Cesare Alvazzi

recitazione Marco Gobetti
musiche originali e canto Beppe Turletti
allestimento Simona Gallo
co-direzione S. Gallo, M. Gobetti, B. Turletti
immagini Domenico Sorrenti
supervisione e consulenza scientifica Corrado Borsa, Andrea Spinelli
supervisione filologica e consulenza bibliografica Giovanna e Franca Viglongo

Riallestimento 2020 / prima realizzazione 2014

spettacolo promosso da Consiglio Regionale del Piemonte – Comitato per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana
realizzato da Associazione culturale Compagnia Marco Gobetti
in collaborazione con Andrea Viglongo & C. Editori, Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus
e con la collaborazione di Centro Studi Piemontesi – Ca dë Studi Piemontèis, Fondazione Enrico Eandi, Istituto per i Beni Marionettistici e il Teatro Popolare
con il Patrocinio di Città di Torino, Comune di Ciriè, Comune di Pragelato, ANPI Comitato regionale del Piemonte

Lo spettacolo

Nino e Mario Costa, padre e figlio, sono seppelliti uno accanto all’altro nel cimitero di Ciriè. Mario, partigiano in Val Chisone, il 2 agosto 1944 assalta armato di bombe a mano un fortino occupato dal nemico durante la tremenda battaglia sul monte Génévris, nel territorio di Pragelato: colpito alla fronte, muore sul colpo, all’età di 19 anni. Nino Costa, poeta, fra i maggiori esponenti della letteratura piemontese, nell’ultima sua raccolta, “Tempesta”, evoca la Seconda guerra mondiale, con l’interruzione della pace, il crollo delle illusioni e le speranze tradite; la paura durante i bombardamenti, la risorsa – per lui preziosa – della fede religiosa di fronte al pericolo e alle avversità, l’antifascismo e la nascita della Resistenza. Sino alla morte in combattimento del figlio Mario, che con la sua benedizione era diventato partigiano. Il poeta canta intensamente il proprio dramma, calandolo nella tragedia collettiva che aveva colpito milioni di persone. Nel suo essere irreparabilmente sopraffatto dal dolore, trova infatti la forza per raccontare la libertà conquistata e la speranza restituita. Morirà poco dopo suo figlio, nel novembre del ’45, non ancora sessantenne.

I versi del poeta, provenienti soprattutto dalla raccolta “Tempesta”, sono alternati alla narrazione della guerra e della Resistenza; fondamentale, nella costruzione del testo, la diretta testimonianza di Cesare Alvazzi, che fu partigiano in Val Chisone e che conobbe sia Mario che Nino Costa. Lo spettacolo evoca così due “storie”: la storia italiana della metà del secolo scorso e una storia italiana, quella di un padre e di un figlio, di Nino e di Mario Costa.

Scriveva Luigi Einaudi: «Poeta piemontese Nino Costa? Sì, se “poeta piemontese” vuol dire cantare quel che gli uomini, che non sono capaci ad esprimersi col canto, sentono quando guardano con gli occhi intenti a quel che accade intorno ad essi e cercano di comprendere quel che veramente dicono le stelle, le piante, la terra, le bestie, gli uomini. (…) Spontaneamente, istintivamente egli ha cantato in piemontese, perché questa era la sua lingua. Non un dialetto destinato a essere a poco a poco obliterato; ma vera e propria lingua».

scarica la scheda dello spettacolo

via del Carmine 14
Cortile di Palazzo San Daniele
(in caso di mal tempo, l’evento sarà svolto al chiuso) Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

PRENOTA QUI

La poesia in piemontese di Giovanni Tesio

Il Centro Studi Piemontesi racconta…

Giovanni Tesio racconta il percorso di poeta in piemontese nelle sue più recenti pubblicazioni: Stantesèt sonet e Vita dacant e da canté per le edizioni della Ca dë Studi Piemontèis e Piture parolà e Nosgnor per Interlinea.

La Consolata/La Consolà

Il 20 giugno è per Torino la festa della Consolata, la Consolà.
Ricordiamo questo giorno con la poesia più conosciuta e amata dai torinesi.

E segnaliamo, per chi volesse approfondire, l’articolo di
GIULIANO GASCA QUEIRAZZA S.J.
La Consolà – La Consolata: il titolo caratteristico della devozione alla Madonna in Torino
pubblicato in “Studi Piemontesi”, vol. I, n. 2, novembre 1972, che invieremo in pdf a chi ce ne farà richiesta

e il libro di MARIA GRAZIA CERRI
Il campanile di Sant’Andrea alla Consolata. Percorsi di ricognizione intorno ad un’architettura benedettina
Pagg. 160, con 37 illustrazioni in b. e n. e tavole (1997)

Il campanile è testimone indenne, ed unico, del priorato benedettino torinese di Sant’ Andrea, che dipendeva dalle grandi abbazie di Novalesa e di Breme. Per chiarire il significato della sua costruzione e sottolinearne l’alta qualità, sono state sondate strade diverse, confrontando le fonti scritte con i dati forniti direttamente dal monumento e ricordando, insieme alle matrici del modo di costruire medievale, i personaggi che agivano sulla scena piemontese nei secoli intorno al Mille, ed i loro rapporti con ambiti territoriali più vasti. Il campanile è stato analizzato sottolineandone i dettagli costruttivi e le possibili derivazioni dei modelli anteriori. La ricerca, corredata da alcune indagini tecnologiche, ha permesso di avanzare un’ipotesi di datazione e di valutare il ruolo della cultura benedettina nel processo di evoluzione dell’architettura romanica.

La Consolà
di Nino Costa
(1886 –1945)

A randa dij rastei dla Tor roman-a
-ultim avans d’un’epoca dëstissa –
con n’aria ‘d serietà tuta nostran-a
la Consolà l’é lì: bassa e massissa:

sensa spatuss: come na brava mare
ch’a l’ha ‘d fastidi gròss për la famija
e a ten da cont le soe memòrie care,
ma veul nen esse ‘d pì che lòn ch’a sia.

Davanti a chila j’é ‘d masnà ch’a coro,
d’ovriere ch’a passo e ‘d sartoirëtte;
pòver ch’a ciamo; preive ch’a dëscoro,
e le veje ch’a vendo le candlëtte.

Sò cioché, lì davsin, – ombra severa
dle glòrie dle passion d’un’autra età –
ch’a l’ha goernà la Cros e la bandiera,
fedel come ‘n tropié dij temp passà,

adess ch’a l’è vnù vej, tut-un a manda
dsora dël mond ël son dle soe campan-e
come na vos ch’a prega e as racomanda
për tute quante le miserie uman-e,

e sla piassëtta, con sò cit an brass,
la Madonin-a bianca sla colòna,
goardand an giù la gent ch’a fa ‘d fracass
a l’ha ‘n soris da mama e da Madòna.
Ma pen-a intrà ‘nt la bela cesa, as resta
come sesì da ‘n sens ëd confussion:
n’odor d’incens e ‘d fior ch’a dà a la testa,
n’aria ‘d lusso, ‘d misteri e ‘d divossion.

As torna sente an fond a la cossiensa –
për tant si pòch che la superbia an chita –
ch’a j’é quaidun pì ‘n su dla nòstra siensa
ch’a j’é quaicòs pì ‘n su dla nòstra vita.

Is ricordoma ‘l nòstr bel temp lontan
quand ch’a në mnavo sì a benedission,
che nòsta mama a në tnisìa për man
e, sotvos, an fasìa dì j’orassion,

e come ‘nlora, ‘nt la capela sombra
lagiù, lagiù, trames a doi ciairin
në smija ch’as senta ciusioné, da ‘nt l’ombra,
le doe regin-e anginojà davsin.

Oh! Come a resto le memòrie fisse
dj’impression e dij seugn dla prima età!
J’é tante fiame ch’a son già dëstisse,
ma col ciairin, lagiù ‘s dëstissa pà.

E parèj dël gognin ch’a së strensìa
tacà la mama – pià da sburdiment –
e a spalancava j’euj quand ch’a vëdìa
la Madòna vestìa d’òr e d’argent

l’òm d’adess, ch’ a l’é franch e dësgenà,
a goarda con l’antica meravìa
le richësse e ij tesòr dla gran sità
posà davanti a l’umiltà ‘d Maria.

Ma ‘l cheur dla pòvra gent faita a la bon-a,
dle coefe ‘d lan-a e dij paltò ‘d coton
ch’a diso da stërmà la soa coron-a
e, quand ch’a prego, a prego ‘nt ij canton,
a l’é nen sì; l’é là ‘nt ij coridor
sota le vòlte freide e patanuve,
l’é sle muraje sensa gnun color
trames ai “vot” dle grassie ricevuve.

Pòvri quadret dla pòvera galeria!
stòrie ‘d maleur, d’afann e dë spavent
ch’ i seve brut e pien ëd poesìa
ch’i seve gòff e pien ëd sentiment,

sota le vòstre plancie primitive,
j’é pì ‘d bon sens che drinta ij lìber gròss
j’é la speransa ch’an dà fòrsa a vive
fin ch’i restoma su cost mond balòss

.…….
Ave Maria… quand che nòst cheur at ciama
e ij sangiut a fan grop drinta la gola,
ti, Madòna ‘d Turin, parèj ‘d na mama
it ses cola ch’an pasia e ch’an consola.

Tuti i vnoma da ti – pòver e sgnor,
ignorant e sapient, giovnòt e vej –
quand che l’ombra dla mòrt ò dël dolor
an fa torné, për un moment, fratej.

It mostroma, an puiorand, le nòstre cros,
it contoma ij maleur dle nòstre ca
për chi t’an giute con tò cheur pietos,
ò Vergine Maria dla Consolà.

E ti, Madòna, stèila dla matin,
confòrt ai disperà, mare ‘d Nosgnor
t’i-j das a tuti na fërvaja ‘d bin
na spluva dë speransa e ‘n pòch d’amor.

A treuvo ajut an ti, quand ch’a t’invòco
-con le lagrime a j’euj, sensa impostura –
tant la paisan-a ch’a rabasta ij sòco,
come la sgnora ch’a ven sì ‘n vitura.

A s’inginojo sì, sl’istessa banca,
e t’i-j goarde con l’istess sorìs
la “monigheta” con la scufia bianca,
e la “còcòtte” con jë scarpin ëd vernis,

e as racomando a ti ‘nt’j’ore ‘d tempesta
-quand che la ciòca dël maleur a son-a –
la verdurera con la siarpa ‘n testa
e la regin-a con la soa coron-a.

Ave Maria…da le ciaborne veje
ch’a saro le Ca neire e ‘l Borgh djë strass,
dai bej palass ch’a goardo ‘nvers le leje,
da ‘n Valdòch, dal Seraglio e dai Molass;

dal Borgh ëd Pò fin-a a le Basse ‘d Dòra,
da la Crosëtta al parch dël Valentin
j’é tut Turin ch’a prega e ch’a t’adòra
j’é tut Turin ch’at conta ij sò sagrin…

O protretris dla nòsta antica rassa,
cudiss-ne ti, fin che la mòrt an pija:
come l’acqua d’un fium la vita a passa
ma ti, Madòna, it reste…Ave Maria.

La Consolata. Accanto ai cancelli della Torre romana/ – ultimo resto di un’epoca spenta – /con un’aria di serietà tutta nostrana/ la Consolata è lì: bassa e massiccia:// senza sfarzo: come una buona mamma/ che ha grossi problemi per la famiglia/ e tiene con cura le sue memorie care,/ ma non vuole essere più di quel che è.// Davanti ci sono bambini che corrono,/ operaie che passano e sartine;/ poveri che chiedono l’elemosina; preti che discorrono,/ e le vecchie che vendono le candelette.// Il suo campanile, lì vicino, – ombra severa/ delle glorie delle passioni di un’altra età -/ che ha custodito la Croce e la bandiera,/ fedele come un soldato dei tempi passati, [il Campanile della Consolata era una delle sette torri che anticamente proteggevano la città]// adesso che è diventato vecchio, manda tuttavia/ sopra il mondo il suono delle sue campane/ come una voce che prega e si raccomanda/ per tutte quante le miserie umane,// e sulla piazzetta, con il suo piccolo in braccio,/ la Madonnina bianca sulla colonna, /guardando giù la gente che fa baccano,/ ha un sorriso di mamma e di Madonna.// Ma appena entrati nella bella chiesa, si resta/ come frastornati da un senso di confusione:/un odore di incenso e di fiori che dà alla testa,/ un’aria di lusso, di mistero e di devozione.// Si sente dinuovo in fondo alla coscienza – / per poco che la superbia ci abbandoni – / che c’è qualcuno più in su del nostro sapere/ che c’è qualcuno più in su della nostra vita.// Ci ricordiamo del nostro bel tempo lontano/ quando ci portavano qui a benedizione,/ e la nostra mamma ci teneva per mano/ e, sottovoce, ci faceva dire le preghiere,// e, come allora, nella cappella buia/ – laggiù, laggiù – tra due lumini – // ci pare si senta bisbigliare, nell’ombra, / le due regione inginocchiate accanto.// Oh! Come restano le memorie impresse/ delle sensazioni e dei sogni della prima età!/ Molte fiamme sono già spente,/ ma quel lumino, laggiù, laggiù, non si spegne.// E come il bambinetto che si stringeva/ accanto alla mamma – preso da spavento – / e sgranava gli occhi quando vedeva / la Madonna vestita d’oro e d’argento// l’uomo di oggi, che è sicuro e disinvolto,/ guarda con l’antico stupore/ le ricchezze e i tesori della gran città/ posati davanti all’umiltà di Maria.// Ma il cuore della povera gente fatta alla buona/ dai veli di lana e dai cappotti di cotone / che recitano di nascosto il rosario/ e, quando pregano, pregano negli angoli,// non è qui; è là nei corridoi/ sotto le volte fredde e nude,/ è sui muri senza nessun colore / tra gli ex-voto delle grazie ricevute.// Povere tavolette della povera galleria!/ storie di disgrazie, d’affanni e di paure/ che siete brutti e colmi di poesia/ che siete goffi e colmi di sentimento,// sotto le vostre tele primitive,/ c’è più buon senso che sui grandi libri/ c’è la speranza che ci dà la forza di vivere/ fin che restiamo su questo mondo birbante.// Ave Maria… quando il nostro cuore ti chiama/ e i singhiozzi fanno nodo in gola,/ tu, Madonna di Torino, come una mamma/ sei quella che ci calma e ci consola.// Tutti veniamo a te – poveri e signori,/ ignoranti e sapienti, giovani e vecchi – quando l’ombra della morte o del dolore / ci fa tornare, per un momento, fratelli.// Ti mostriamo, piangendo, le nostre croci, / raccontiamo a te le sfortune delle nostre case/ perché tu ci aiuti con il tuo cuore pietoso,/ o Vergine Maria della Consolata.// E tu Madonna, stella del mattino,/ conforto ai disperati, mamma del Signore/ dai a tutti una briciola di bene / una scintilla di speranza e un po’ d’amore.// Trovano aiuto in te, quando t’invocano/ – con le lacrime agli occhi, senza inganno – / tanto la contadina che trascina gli zoccoli, / come la signora che viene qui in carrozza.// Si inginocchiano qui, sullo stesso banco,/ e tu le guardi con lo stesso sorriso / la monachina con la cuffia bianca, / e la cocotte con le scarpette di vernice, // e si raccomandano a te nelle ore di tempesta – quando la campana della sfortuna suona – / la venditrice d’ortaggi con la sciarpa in testa / e la regina con la sua corona. / Ave Maria…dai vecchi tuguri / che cingono le Case nere e il Borgo degli stracci,/ dai bei palazzi che si affacciano sui viali,/ da in Valdocco, dal Serraglio e dai Molassi;// dal Borgo di Po fino alle Basse di Dora, /dalla Crocetta al parco del Valentino /c’è tutta Torino che ti prega e che ti adora, / c’è tutta Torino che ti confida le sue pene…// O Patrona della nostra antica stirpe/ abbi Tu cura di noi, fin che la morte ci colga: / come l’acqua di un fiume la vita passa, / ma tu, Madonna, resti…Ave Maria.

Oreste Gallina (Mango d’Alba 1898 – Arona 1985)

“Ci piace vedere in Oreste Gallina un precursore del riscatto dei “paisan” piemontesi dalla secolare miseria, che si è realizzato negli ultimi decenni proprio attraverso la terra e il lavoro, facendo della Langa, patrimonio mondiale dell’Unesco, delle sue vigne e dei suoi prodotti, un gioiello del made in Italy. E profeta, forse, del messaggio del cibo “buono, pulito e giusto”, che nasce prima di tutto dal rispetto del “paisan” e del suo lavoro, che Carlin Petrini e il suo “Slow food”, nati non a caso sulle stesse colline proprio mentre Gallina ci lasciava, giusto trent’anni fa, diffondono nel mondo intero” (dal resoconto del Convegno dedicato a Oreste Gallina nel 30° anniversario della scomparsa tenuto ad Arona il 16 aprile 2016).

     Nato a Mango d’Alba nel 1898. Latinista, professore di lettere, legato a Nino Costa e a Pinin Pacòt fin dai tempi dell’Accademia Militare, prima della Grande Guerra. Con Pacòt e Alfredo Formica fonda, nel 1927, la prima serie della rivista “Ij Brandé”. Scrive inizialmente nella lingua della koiné e poi nella parlata langarola, più aderente alla tematica “contadina” della sua poesia. Muore il 15 ottobre del 1985 ad Arona, dove è per tanti anni Preside delle Scuole Medie.

  Il suo itinerario poetico, dall’esordio di Freidolin-e, [Colchici] (1926) fino alla scelta antologica Arie langarole [Arie di Langa] (1970), passando per le tappe di mezzo costituite dai tre libri Canta, Péro! [Canta, Pietro!] (1933), Pare e fieul [Padre e figlio] (1946), Mia tèra [Mia terra] (1960), che è un po’ la summa poetica di una vita, è marcato dal passaggio cruciale da un mondo cittadino e d’occasione ad un mondo contadino e di elezione. “Non però irreversibilmente, se è vero che dopo Canta, Péro!, in questo senso il libro più rigoroso, molti dei componimenti del di fatto ultimo libro originale, Mia tèra, ritornano alla koiné e ai temi più convenzionali. Del resto anche quando Gallina sposa la parlata locale, lo fa secondo le prudenze che gli impone la sua seconda nascita: quella poetica e culturale della città vissuta specialmente all’insegna del sodalizio con Pacòt. Non dunque una discesa radicale lungo i gradi dell’essere, ma piuttosto la faticosa scoperta della pari dignità culturale di un mondo e di un linguaggio periferici, poeticamente affermata in equilibrato conguaglio di forme e di scambi lessicali: come dire un andirivieni frequente tra dialetto di Langa e koiné, stando a quanto conferma la stessa vicenda narrativa di Péro, personaggio eponimo. Péro vive in Langa, ma per una questione di campi e di confini dà il suo addio alla terra e va a conoscere il mare, salvo pentirsene presto e tornarsene a casa, per un soggiorno tuttavia breve, giusto il tempo per fare la sua dichiarazione d’amore a Catlin-a (Caterina) e riprendere la strada che va in città, a vivere di lavoro e nostalgia. Solo allora, come in un piccolo romanzo di formazione, Péro torna a casa definitivamente, si sposa, ha un figlio, lavora la terra e vive in pace con il ciclo delle stagioni, elegiacamente invecchiando come un saggio” (Giovanni Tesio).

In Gallina la poesia della terra perde ogni connotazione moraleggiante o coloristica. La terra non è solo la proprietà: «L’é queicòsa ‘d pì che la campagna, queicòsa ‘d pì che la natura. E col queicòsa ‘d pì a l’é l’òm». E la sua lingua è quell’idioma che è tutt’uno con «la tèra che, prim an nòst parlé, a l’ha cantà Oreste Gallina » .
“In fondo poi, c’è sempre un melanconico indugio nei ricordi, un senso del tempo e delle stagioni della terra e della vita, come s’addice ad una natura sensibile che il suo paese, la sua gente e la sua cultura, maturarono in poesia, dal classico accento e dalla scottante verità lirica” (Gino Giordanengo)
Il Centro Studi “Beppe Fenoglio” ha proposto all’Amministrazione comunale di Alba l’intitolazione di una via che è stata a lui intitolata il 30 aprile 2013.

MIA TERA… !
«a me pare »
Parla, me cheur, ch’it bate sensa pas,
sperdù parèj ‘d na ciòca an fond dla val;
parla për ti, ma dislo lòn ch’it l’has,
ch’it ses così s-ciassà ch’it ëm fas mal.
[…]
At torno fòrse i seugn viscà dal sol
e spatarà dal vent quand ch’i durmìa,
cunà dal crij ‘d le siale, ai pé ‘d na rol,
i rissolin ant l’erba ch’a fiorìa?
Guarda, me cheur, i seugn a son farfale,
l’é inùtil ch’i të sbate e ch’i t’arbate:
lor a svolato al sol, së sfriso j’ale,
a casco an tèra e peui, guardje, a son gate!
[…] Veuj sentme monté su për le nariss,
intré ant ij dij, ant j’òss, fin-a ‘nt la miola,
l’odor dla tèra, ‘l gëmme11 dle radis
e le canson che a mi as dëstisso an go/la!
N’hai pro ‘d soris ëd boche ambërlifà,
n’hai basta d’arie dròle e d’impostura,
me cheur a seufr, a sëcca ‘nt la sità,
i sarai quàder12 , ma veuj d’aria pura!
[…]
Là, j’é la smens dla volontà d’assel,
la smens dla pas, dla gòj, la smens dla fòrsa,
che mi l’hai nen përchè tò arbut novel,
ti, pare, t’has vestilo ‘d n’autra scòrsa16 !
E adess, për me maleur, l’hai mach ëd feuje,
che ‘l vent a s-cianca, ël vent ëd la sità;
e i podrai nen canté, s’i peuss nen cheuje
jë spi d’òr an sle pere ‘d mia carzà.
L’hai da manca dël sol e dla frëscura:
l’hai mach un seugn ch’a rij mentre a s’avsin-a:
pòrtme, pare, lassù ‘nt col’aria pura,
lassù mi veuj arnasse! An sla colin-a!

La mia terra. A mio padre. Parla, mio cuore, che batti senza pace, / sperduto come una campana in fondo alla valle;/ parla per te, ma dì che cosa hai,/ che sei così stretto da farmi male.//[…]Ti tornano forse i sogni accesi dal sole/ e sparsi dal vento quando dormivo,/ cullato dal canto delle cicale, ai piedi di una quercia,/ i riccioli nell’erba che fioriva?// Guarda, mio cuore, i sogni sono farfalle, / è inutile che ti dibatta e ti agiti:/ loro svolazzano al sole, si sbriciolano le ali,/ cadono a terra e poi, guardale, sono bruchi! // […] Voglio sentirmi salire su per le narici, / entrare nelle dita, nelle ossa, fino al midollo, / l’odore della terra, il gemito delle radici/ e le canzoni che a me si spengono in gola!// Ne ho abbastanza di bocche truccate,/ ne ho abbastanza di arie strane e d’impostura,/ il mio cuore soffre, appassisce in città,/ sarò quadrato, ma voglio aria pura!// […] Là, c’è il seme della volontà d’acciaio,/ il seme della pace, della gioia, il seme della forza,/ che io non ho perché il tuo giovane germoglio,/ tu, padre, l’hai vestito di un’altra corteccia!// E adesso, per sfortuna, ho solo foglie, / che il vento strappa, il vento di città;/ e non potrò cantare, se non posso raccogliere/ le spighe d’oro sulle pietre della mia carreggiata.// Ho bisogno del sole e della frescura:/ ho soltanto un sogno che mi sorride mentre si avvicina:/ Portami, padre, lassù in quell’aria pura,/ lassù voglio rinascere! Sulla collina!

Il 25 aprile nella poesia in piemontese

Giuseppe Goria

Il Piemonte ha testimoniato la tragedia della Seconda Guerra Mondiale attraverso le pagine di scrittori in lingua italiana come Cesare Pavese, Beppe Fenoglio, Primo Levi, Nuto Revelli e tanti altri.
Nelle loro pagine si possono leggere con diverso accento le diverse parole che compongono la coralità di quella tragedia: la distruzione, la fame, la morte, l’altrove, la persecuzione, la perdita della dignità, la volontà di riscatto. Benché meno conosciuti, anche gli scrittori in piemontese hanno testimoniato quel momento storico e vogliamo ricordare il momento della Liberazione di Torino con le parole di poeti che vissero – quasi tutti – in prima persona quell’ultima fase della guerra.

Credo che un po’ tutti conoscano Coj ch’a marcio an prima fila, di Nino Costa dedicata al figlio Mario, caduto in Val di Susa, e “a tutti i patrioti morti per l’Italia”, o la lucida visione – sempre attuale – della “nita nèira dle miserie uman-e” ( “mota nera delle miserie umane”), habitat naturale “dij verm drinta soe tan-e” (“dei vermi nelle loro tane”).
Vorrei proporre nomi, meno noti, che mi pare giusto rimettere in evidenza.

Inizio con Ettore Piazza (Carpignano S. 1901 – Genova 1962), membro del CLN novarese, attivista del PCI, poeta nel piemontese di Carpignano. La sua unica raccolta, Canto ancora a bocca chiusa, con prefazione di Davide Lajolo, è del 1977. Spigoliamo alcune immagini, dove si allungano le ombre del funerale di un Garibaldino, morto

fin da marz dal quareuntacinch –
e l’ànima secreta dël pais
squasi vargognosa da mostressi
greunda sota l’eucc dël sol
al pass dël fineral” (da Carpigneun)

‘l di dla seu pruma azion
fin da marz dël quareuntacinch
batèsim dal feuv
batèsim dal seungh
batèsim dla mòrt.

Vòii ‘l cai , negra la stra,
sfida a todesch e fascista

(“il giorno della sua prima azione/ fine marzo 1945/ battesimo del fuoco / battesimo del sangue / battesimo della morte-/ .. Vedo le case, nera la strada,/ sfida a tedeschi e fascisti / ” fine marzo 1945- / e l’anima segreta del paese / quasi vergognosa di mostrarsi / grande sotto l’occhio del sole / al passo del funerale”)

Sentiamo poi la rabbia sorda di Carlo Regis (Mondovì 1929 – 2017) che ricorda su una lapide di Piassa Magior di Mondovì un’atrocità del 1945:

“Mace ‘d sangh su la piassa stamatin,
an sle pere grise, sul murajon scrostà,
doi pòvri fagòt, un prèive e dij sassin:
a costa mace ‘d sangh la libertà.

( “Macchie di sangue sulla piazza stamattina / sulle pietre grigie, sul muro scrostato, / due poveri fagotti, un prete e degli assassini: / a queste macchie di sangue la libertà”).

È la rabbia cupa della nostra gente, “gent ch’a sà nen brajé, / che cito a travaja,/ ma ch’a dësmentia nen” (“gente che non sa gridare,/ che silenziosa lavora,/ ma che non dimentica”, “Se…”).
Umberto Luigi Ronco (Pamparato 1913 – Roma 1997), poeta e pittore del secondo futurismo, ferma un istante di speranza e di morte:

Adess, ël partisan,
a l’é lì, sol ant la neuit, a confidene
che chiel a l’ha lesù
andrinta ai nòstri cheur.
A l’ha lesù
ij nòstri desideri ‘d Libertà,
la nòstra fiusa ant j’òmo lìber ëd doman.

Tut sòn a l’ha lesù, ‘nt ël cheur uman
l’òm cogià sensa vita dzora ij sorch:
ël partisan
con ij dij rèid e ross ëd sangh
fòrt angripà a la sengia ‘d sò fusil,
con la boca fongà ‘nt la tèra nèira
come un garij ‘d persi
s-ciapà dal sol.

(da Partisan con folar ansangonà)

(Adesso, il partigiano,/ è lì, solo nella notte, a confidarci/che lui ha letto/ dentro i nostri cuori./ Ha letto / i nostri desideri di Libertà,/ la nostra speranza negli uomini liberi di domani.//Tutto ciò ha letto, nel cuore umano,/ l’uomo disteso senza vita sopra i solchi: il partigiano/ con le dita rigide e rosse di sangue/ strtto forte alla cinghia del suo fucile,/ con la bocca affondata nella terra nera/ / come un nocciolo di pesca/ spaccato dal sole).

Armando Mottura (Torino 1905 – 1976), rivolto spesso a tematiche sociali, in particolare negli ultimi testi, così dà voce al Lament dël partigian :

Fischia il vento…soffia la bufera
…le panse veuide e pòchi strass adòss…
Tut provisòri antorn! Na còsa vèra:
sta rabia sorda ch’is portoma ant j’òss!

(Fischia il vento…/ le pance vuote e pochi stracci addosso…/Tutto provvisorio intorno! Una cosa vera:/ questa rabbia sorda che ci portiamo dentro le ossa!).

Se Nino Costa colloca la patria del resistente in quella montagna dov’è possibile un ripristino di umanità e di dignità (La mia patria l’é sla montagna / l’é sla montagna servaja) anche Armando Mottura vede in quella scelta un’elezione:

E ti, montagna nòstra, granda e pura,
t’ën guerne, bon-a mare, ant ij tò brass
(idem).

(E tu, montagna nostra, grande e pura, / ci reggi, buona madre, nelle tue braccia)

Tavo Burat (Stezzano, BG, 1932 – Biella 2009) coglie in una delle tante immagini di morte un luccichio di speranza legata alla stessa natura della montagna:

Ël Partigian regala al vent
ant n’ambrassada drùa
costa soa cros eterna
anzolivà ‘d fërpe ‘d sol
e ‘d lerme ‘d galaverna.
(da Pasqua)

(Il partigiano regala al vento / in un abbraccio vigoroso/ questa sua croce eterna / ornata con merletti di sole / e lacrime di brina).

Meno emozionale (meditato ma non vissuto), più pacato ed etico è il messaggio di Giovanni Tesio, che invita a ricordare i valori di quei giorni non solo nelle tempeste, ma proprio nei giorni migliori:

… Ma peui – se sòn a conta pì che tut –
a l’é përchè ch’an lassa na consigna:
ëd fesse resistent ‘nt ij di brut
ma cò ‘n coj bej, coj ëd j’arcòlt ën vigna …

( Ma poi – se questo conta più di tutto –/ è perché ci lascia una consegna:/ di farci resistenti nei giorni brutti/ ma anche in quelli belli, quelli dei raccolti in vigna).

Chiudo questa piccola rassegna (brillante di luce propria per incompletezza) con Tavio Cosio (Villafalletto 1923 – 1989), spessiari dal Mel , farmacista di Melle, scrittore vivacissimo in piemontese ed in occitano alpino, che in questa lingua volle ricordare le vittime civili a cui è intestata la via Tre Martiri di Melle. Pare assistere ad una medievale danza macabra, una Totentanz valligiana:

passa la Mòrt, lo dalh estrech en punh
passa un àngel ente l’àire, a vòl rasent
marca tres noms sus lo carnet di Martres

(da Dralha Tres Martres)

(passa la Morte, la falce stretta in pugno, / passa un angelo nell’aria, a volo rasente, / scrive tre nomi sul libro dei Martiri).

…E con grande rincrescimento per tutti quelli non citati (tanti!) invito i lettori a scoprirli.

Ramoliva/Domenica delle Palme

In piemontese la “Ramoliva”, lett. “ramo d’olivo”, è la Domenica delle Palme. Diversi i proverbi legati a questa giornata, ne citiamo uno beneaugurante: “La Ramoliva a vest ëd fior la riva/ La Domenica delle Palme veste di fiori la riva”. La tradizione popolare e religiosa vuole che in questo giorno si porti in casa un ramo d’ulivo benedetto, augurio di gentilezza e di pace.

Per il significato della voce ramolivo, è da segnalare che nel latino ecclesiastico l’ulivo ha sostituito la palma nella denominazione della Domenica delle Palme…si è poi aggiunto il sostantivo ramo dando origine all’espressione di dla ramoliva[citazione da Repertorio Etimologico Piemontese-REP, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 2015]

Disegno di DANIELA RISSONE per il Centro Studi Piemontesi

Ramoliva

Una bella poesia di Nino Costa (Torino, 28 giugno 1886 – 5 novembre 1945), che pare una preghiera scritta per i giorni che stiamo vivendo

Duminica dle Palme, alegra e viva,

ch’it marche ‘l pass a la stagion fiorìa,

pòrta ‘nt le nòstre ca ‘n po’ d’armonìa,

ponta ‘ns ij nòstri lett la ramoliva.

Sla mia bela sità pien-a ‘d baldansa,

sle mie tere ‘d Piemont pien-e ‘d promësse

dësperd le nebie, pasia le tristësse,

sëmna ‘l travaj, la pas e l’abodansa.

Dal gran dij camp e da j’arbut dle vigne

ten distante le brin-e e le tempeste;

goerna j’anime oneste e disoneste

dai seugn cativ e la frev maligne.

Mostra a jë sgnori la passion dij pòver,

e mostra ai pòver la passion d’jë sgnor…

Për coi ch’a seufro daje ‘m pòch d’amor;

për tuti jë sperdù prontie ‘n ricòver,

e quand ch’a-i torna Pasqua benedìa

con le baodëtte ch’a së spantio ‘n cel,

disie ch’an pòrta sò regal pì bel:

lòn ch’a-i manca ‘nt ël mond: la Poesìa

L’ulivo benedetto. Domenica delle Palme, allegra e viva,/ che cadenzi il passo alla primavera,/ porta nelle nostre case un po’ d’armonia,/ appunta sui nostri letti l’ulivo benedetto. // Sulla mia bella città piena d’ardimento, / sulle mie terre di Piemonte piene di promesse / disperdi le nebbie, rasserena le tristezze, / semina lavoro, pace e abbondanza. // Dal grano dei campi e dai virgulti delle vigne / tieni lontane le brine e le tempeste; / cura le anime oneste e disoneste / dai sogni cattivi e dalle febbri maligne. // Rivela ai ricchi il tormento dei poveri, / ed ai poveri il tormento dei ricchi…/ A coloro che soffrono regala un po’ d’amore; / a tutti gli sperduti prepara un rifugio, // e quando torna la Pasqua benedetta / con lo scampanio che si diffonde in cielo, /dille che ci porti il suo regalo più bello:/ ciò che manca al mondo: la Poesia.

[Tutta l’opera di Nino Costa è pubblicata dall’editore Viglongo.  Citiamo Ramoliva e traduzione da: Nino Costa, Cento poesie, prefazione di Albina Malerba e Giovanni Tesio, La biblioteca di Papa Francesco, edizione speciale per Corriere della Sera, Milano, 2014, per concessione di Viglongo, Torino, 1995, 2013].

Il papa e la consolata

Riproponiamo la poesia di Nino Costa, “La Consolà“, citata dal Papa nell’intervista a Papa Francesco di Domenica Agasso, su “La Stampa” del 20 marzo 2020.

A randa dij rastei dla Tor roman-a

-ultim avans d’un’epoca dëstissa –

con n’aria ‘d serietà tuta nostran-a

la Consolà l’é lì: bassa e massissa:

sensa spatuss: come na brava mare

ch’a l’ha ‘d fastidi gròss për la famija

e a ten da cont le soe memòrie care,

ma veul nen esse ‘d pì che lòn ch’a sia.

Davanti a chila j’é ‘d masnà ch’a coro,

d’ovriere ch’a passo e ‘d sartoirëtte;

pòver ch’a ciamo; preive ch’a dëscoro,

e le veje ch’a vendo le candlëtte.

Sò cioché, lì davsin, – ombra severa

dle glòrie dle passion d’un’autra età –

ch’a l’ha goernà la Cros e la bandiera,

fedel come ‘n tropié dij temp passà,

adess ch’a l’è vnù vej, tut-un a manda

dsora dël mond ël son dle soe campan-e

come na vos ch’a prega e as racomanda

për tute quante le miserie uman-e,

e sla piassëtta, con sò cit an brass,

la Madonin-a bianca sla colòna,

goardand an giù la gent ch’a fa ‘d fracass

a l’ha ‘n soris da mama e da Madòna.

Ma pen-a intrà ‘nt la bela cesa, as resta

come sesì da ‘n sens ëd confussion:

n’odor d’incens e ‘d fior ch’a dà a la testa,

n’aria ‘d lusso, ‘d misteri e ‘d divossion.

As torna sente an fond a la cossiensa –

për tant si pòch che la superbia an chita –

ch’a j’é quaidun pì ‘n su dla nòstra siensa

ch’a j’é quaicòs pì ‘n su dla nòstra vita.

Is ricordoma ‘l nòstr bel temp lontan

quand ch’a në mnavo sì a benedission,

che nòsta mama a në tnisìa për man

e, sotvos, an fasìa dì j’orassion,

e come ‘nlora, ‘nt la capela sombra

lagiù, lagiù, trames a doi ciairin

në smija ch’as senta ciusioné, da ‘nt l’ombra,

le doe regin-e anginojà davsin.

Oh! Come a resto le memòrie fisse

dj’impression e dij seugn dla prima età!

J’é tante fiame ch’a son già dëstisse,

ma col ciairin, lagiù ‘s dëstissa pà.

E parèj dël gognin ch’a së strensìa

tacà la mama – pià da sburdiment –

e a spalancava j’euj quand ch’a vëdìa

la Madòna vestìa d’òr e d’argent

l’òm d’adess, ch’ a l’é franch e dësgenà,

a goarda con l’antica meravìa

le richësse e ij tesòr dla gran sità

posà davanti a l’umiltà ‘d Maria.

Ma ‘l cheur dla pòvra gent faita a la bon-a,

dle coefe ‘d lan-a e dij paltò ‘d coton

ch’a diso da stërmà la soa coron-a

e, quand ch’a prego, a prego ‘nt ij canton,

a l’é nen sì; l’é là ‘nt ij coridor

sota le vòlte freide e patanuve,

l’é sle muraje sensa gnun color

trames ai “vot” dle grassie ricevuve.

Pòvri quadret dla pòvera galeria!

stòrie ‘d maleur, d’afann e dë spavent

ch’ i seve brut e pien ëd poesìa

ch’i seve gòff e pien ëd sentiment,

sota le vòstre plancie primitive,

j’é pì ‘d bon sens che drinta ij lìber gròss

j’é la speransa ch’an dà fòrsa a vive

fin ch’i restoma su cost mond balòss.

…….

Ave Maria… quand che nòst cheur at ciama

e ij sangiut a fan grop drinta la gola,

ti, Madòna ‘d Turin, parèj ‘d na mama

it ses cola ch’an pasia e ch’an consola.

Tuti i vnoma da ti – pòver e sgnor,

ignorant e sapient, giovnòt e vej –

quand che l’ombra dla mòrt ò dël dolor

an fa torné, për un moment, fratej.

It mostroma, an puiorand, le nòstre cros,

it contoma ij maleur dle nòstre ca

për chi t’an giute con tò cheur pietos,

ò Vergine Maria dla Consolà.

E ti, Madòna, stèila dla matin,

confòrt ai disperà, mare ‘d Nosgnor

t’i-j das a tuti na fërvaja ‘d bin

na spluva dë speransa e ‘n pòch d’amor.

A treuvo ajut an ti, quand ch’a t’invòco

-con le lagrime a j’euj, sensa impostura –

tant la paisan-a ch’a rabasta ij sòco,

come la sgnora ch’a ven sì ‘n vitura.

A s’inginojo sì, sl’istessa banca,

e t’i-j goarde con l’istess sorìs

la “monigheta” con la scufia bianca,

e la “còcòtte” con jë scarpin ëd vernis,

e as racomando a ti ‘nt’j’ore ‘d tempesta

-quand che la ciòca dël maleur a son-a –

la verdurera con la siarpa ‘n testa

e la regin-a con la soa coron-a.

Ave Maria…da le ciaborne veje

ch’a saro le Ca neire e ‘l Borgh djë strass,

dai bej palass ch’a goardo ‘nvers le leje,

da ‘n Valdòch, dal Seraglio e dai Molass;

dal Borgh ëd Pò fin-a a le Basse ‘d Dòra,

da la Crosëtta al parch dël Valentin

j’é tut Turin ch’a prega e ch’a t’adòra

j’é tut Turin ch’at conta ij sò sagrin…

O protretris dla nòsta antica rassa,

cudiss-ne ti, fin che la mòrt an pija:

come l’acqua d’un fium la vita a passa

ma ti, Madòna, it reste…Ave Maria.

La Consolata. Accanto ai cancelli della Torre romana/ – ultimo resto di un’epoca spenta – /con un’aria di serietà tutta nostrana/ la Consolata è lì: bassa e massiccia:// senza sfarzo: come una buona mamma/ che ha grossi problemi per la famiglia/ e tiene con cura le sue memorie care,/ ma non vuole essere più di quel che è.// Davanti ci sono bambini che corrono,/ operaie che passano e sartine;/ poveri che chiedono l’elemosina; preti che discorrono,/ e le vecchie che vendono le candelette.// Il suo campanile, lì vicino, – ombra severa/ delle glorie delle passioni di un’altra età -/ che ha custodito la Croce e la bandiera,/ fedele come un soldato dei tempi passati, [il Campanile della Consolata era una delle sette torri che anticamente proteggevano la città]// adesso che è diventato vecchio, manda tuttavia/ sopra il mondo  il suono delle sue campane/ come una voce che prega e si raccomanda/ per tutte quante le miserie umane,// e sulla piazzetta, con il suo piccolo in braccio,/ la Madonnina bianca sulla colonna, /guardando giù la gente che fa baccano,/ ha un sorriso di mamma e di Madonna.// Ma appena entrati nella bella chiesa, si resta/ come frastornati da un senso di confusione:/un odore di incenso e di fiori che dà alla testa,/ un’aria di lusso, di mistero e di devozione.// Si sente dinuovo in fondo alla coscienza – / per poco che la superbia ci abbandoni – / che c’è qualcuno più in su del nostro sapere/ che c’è qualcuno più in su della nostra vita.// Ci ricordiamo del nostro bel tempo lontano/ quando ci portavano qui a benedizione,/ e la nostra mamma ci teneva per mano/ e, sottovoce, ci faceva dire le preghiere,// e, come allora, nella cappella buia/ – laggiù, laggiù – tra due lumini – // ci pare si senta bisbigliare, nell’ombra, / le due regione inginocchiate accanto.// Oh! Come restano le memorie impresse/ delle sensazioni e dei sogni della prima età!/ Molte fiamme sono già spente,/ ma quel lumino, laggiù, laggiù, non si spegne.// E come il bambinetto che si stringeva/ accanto alla mamma – preso da spavento – / e sgranava gli occhi quando vedeva / la Madonna vestita d’oro e d’argento// l’uomo di oggi, che è sicuro e disinvolto,/ guarda con l’antico stupore/ le ricchezze e i tesori della gran città/ posati davanti all’umiltà di Maria.// Ma il cuore della povera gente fatta alla buona/ dai veli di lana e dai cappotti di cotone / che recitano di nascosto il rosario/ e, quando pregano, pregano negli angoli,// non è qui; è là nei corridoi/ sotto le volte fredde e nude,/ è sui muri senza nessun colore / tra gli ex-voto delle grazie ricevute.// Povere tavolette della povera galleria!/ storie di disgrazie, d’affanni e di paure/ che siete brutti e colmi di poesia/ che siete goffi e colmi di sentimento,// sotto le vostre tele primitive,/ c’è più buon senso che sui grandi libri/ c’è la speranza che ci dà la forza di vivere/ fin che restiamo su questo mondo birbante.// Ave Maria… quando il nostro cuore ti chiama/ e i singhiozzi fanno nodo in gola,/ tu, Madonna di Torino, come una mamma/ sei quella che ci calma e ci consola.// Tutti veniamo a te – poveri e signori,/ ignoranti e sapienti, giovani e vecchi – quando l’ombra della morte o del dolore / ci fa tornare, per un momento, fratelli.// Ti mostriamo, piangendo, le nostre croci, / raccontiamo a te le sfortune delle nostre case/ perché tu ci aiuti con il tuo cuore pietoso,/ o Vergine Maria della Consolata.// E tu Madonna, stella del mattino,/ conforto ai disperati, mamma del Signore/ dai a tutti una briciola di bene / una scintilla di speranza e un po’ d’amore.// Trovano aiuto in te, quando t’invocano/ – con le lacrime agli occhi, senza inganno – / tanto la contadina che trascina gli zoccoli, / come la signora che viene qui in carrozza.// Si inginocchiano qui, sullo stesso banco,/ e tu le guardi con lo stesso sorriso / la monachina con la cuffia bianca, / e la cocotte con le scarpette di vernice, // e si raccomandano a te nelle ore di tempesta – quando la campana della sfortuna suona – / la venditrice d’ortaggi con la sciarpa in testa / e la regina con la sua corona. / Ave Maria…dai vecchi tuguri / che cingono le Case nere e il Borgo degli stracci,/ dai bei palazzi che si affacciano sui viali,/ da in Valdocco, dal Serraglio e dai Molassi;// dal Borgo di Po fino alle Basse di Dora, /dalla Crocetta al parco del Valentino /c’è tutta Torino che ti prega e che ti adora, / c’è tutta Torino che ti confida le sue pene…// O Patrona della nostra antica stirpe/ abbi Tu cura di noi, fin che la morte ci colga: / come l’acqua di un fiume la vita passa, / ma tu, Madonna, resti… Ave Maria.

LA Consolà di Nino costa

Nino Costa (Torino, 28 giugno 1886 – 5 novembre 1945)

Punto di transizione tra due età, raccoglie l’eredità poetica del passato, ma la vivifica con moderna sensibilità dando voce alle memorie, alle tradizioni, alla civiltà del Piemonte, e inaugura una nuova stagione della poesia piemontese, sulla quale si innesta l’opera di Pinin Pacòt.

La Consolà

A randa dij rastei dla Tor roman-a

-ultim avans d’un’epoca dëstissa –

con n’aria ‘d serietà tuta nostran-a

la Consolà l’é lì: bassa e massissa:

sensa spatuss: come na brava mare

ch’a l’ha ‘d fastidi gròss për la famija

e a ten da cont le soe memòrie care,

ma veul nen esse ‘d pì che lòn ch’a sia.

Davanti a chila j’é ‘d masnà ch’a coro,

d’ovriere ch’a passo e ‘d sartoirëtte;

pòver ch’a ciamo; preive ch’a dëscoro,

e le veje ch’a vendo le candlëtte.

Sò cioché, lì davsin, – ombra severa

dle glòrie dle passion d’un’autra età –

ch’a l’ha goernà la Cros e la bandiera,

fedel come ‘n tropié dij temp passà,

adess ch’a l’è vnù vej, tut-un a manda

dsora dël mond ël son dle soe campan-e

come na vos ch’a prega e as racomanda

për tute quante le miserie uman-e,

e sla piassëtta, con sò cit an brass,

la Madonin-a bianca sla colòna,

goardand an giù la gent ch’a fa ‘d fracass

a l’ha ‘n soris da mama e da Madòna.

Ma pen-a intrà ‘nt la bela cesa, as resta

come sesì da ‘n sens ëd confussion:

n’odor d’incens e ‘d fior ch’a dà a la testa,

n’aria ‘d lusso, ‘d misteri e ‘d divossion.

As torna sente an fond a la cossiensa –

për tant si pòch che la superbia an chita –

ch’a j’é quaidun pì ‘n su dla nòstra siensa

ch’a j’é quaicòs pì ‘n su dla nòstra vita.

Is ricordoma ‘l nòstr bel temp lontan

quand ch’a në mnavo sì a benedission,

che nòsta mama a në tnisìa për man

e, sotvos, an fasìa dì j’orassion,

e come ‘nlora, ‘nt la capela sombra

lagiù, lagiù, trames a doi ciairin

në smija ch’as senta ciusioné, da ‘nt l’ombra,

le doe regin-e anginojà davsin.

Oh! Come a resto le memòrie fisse

dj’impression e dij seugn dla prima età!

J’é tante fiame ch’a son già dëstisse,

ma col ciairin, lagiù ‘s dëstissa pà.

E parèj dël gognin ch’a së strensìa

tacà la mama – pià da sburdiment –

e a spalancava j’euj quand ch’a vëdìa

la Madòna vestìa d’òr e d’argent

l’òm d’adess, ch’ a l’é franch e dësgenà,

a goarda con l’antica meravìa

le richësse e ij tesòr dla gran sità

posà davanti a l’umiltà ‘d Maria.

Ma ‘l cheur dla pòvra gent faita a la bon-a,

dle coefe ‘d lan-a e dij paltò ‘d coton

ch’a diso da stërmà la soa coron-a

e, quand ch’a prego, a prego ‘nt ij canton,

a l’é nen sì; l’é là ‘nt ij coridor

sota le vòlte freide e patanuve,

l’é sle muraje sensa gnun color

trames ai “vot” dle grassie ricevuve.

Pòvri quadret dla pòvera galeria!

stòrie ‘d maleur, d’afann e dë spavent

ch’ i seve brut e pien ëd poesìa

ch’i seve gòff e pien ëd sentiment,

sota le vòstre plancie primitive,

j’é pì ‘d bon sens che drinta ij lìber gròss

j’é la speransa ch’an dà fòrsa a vive

fin ch’i restoma su cost mond balòss.

Ave Maria… quand che nòst cheur at ciama

e ij sangiut a fan grop drinta la gola,

ti, Madòna ‘d Turin, parèj ‘d na mama

it ses cola ch’an pasia e ch’an consola.

Tuti i vnoma da ti – pòver e sgnor,

ignorant e sapient, giovnòt e vej –

quand che l’ombra dla mòrt ò dël dolor

an fa torné, për un moment, fratej.

It mostroma, an puiorand, le nòstre cros,

it contoma ij maleur dle nòstre ca

për chi t’an giute con tò cheur pietos,

ò Vergine Maria dla Consolà.

E ti, Madòna, stèila dla matin,

confòrt ai disperà, mare ‘d Nosgnor

t’i-j das a tuti na fërvaja ‘d bin

na spluva dë speransa e ‘n pòch d’amor.

A treuvo ajut an ti, quand ch’a t’invòco

-con le lagrime a j’euj, sensa impostura –

tant la paisan-a ch’a rabasta ij sòco,

come la sgnora ch’a ven sì ‘n vitura.

A s’inginojo sì, sl’istessa banca,

e t’i-j goarde con l’istess sorìs

la “monigheta” con la scufia bianca,

e la “còcòtte” con jë scarpin ëd vernis,

e as racomando a ti ‘nt’j’ore ‘d tempesta

-quand che la ciòca dël maleur a son-a –

la verdurera con la siarpa ‘n testa

e la regin-a con la soa coron-a.

Ave Maria…da le ciaborne veje

ch’a saro le Ca neire e ‘l Borgh djë strass,

dai bej palass ch’a goardo ‘nvers le leje,

da ‘n Valdòch, dal Seraglio e dai Molass;

dal Borgh ëd Pò fin-a a le Basse ‘d Dòra,

da la Crosëtta al parch dël Valentin

j’é tut Turin ch’a prega e ch’a t’adòra

j’é tut Turin ch’at conta ij sò sagrin…

O protretris dla nòsta antica rassa,

cudiss-ne ti, fin che la mòrt an pija:

come l’acqua d’un fium la vita a passa

ma ti, Madòna, it reste…Ave Maria.

La Consolata. Accanto ai cancelli della Torre romana/ – ultimo resto di un’epoca spenta – /con un’aria di serietà tutta nostrana/ la Consolata è lì: bassa e massiccia:// senza sfarzo: come una buona mamma/ che ha grossi problemi per la famiglia/ e tiene con cura le sue memorie care,/ ma non vuole essere più di quel che è.// Davanti ci sono bambini che corrono,/ operaie che passano e sartine;/ poveri che chiedono l’elemosina; preti che discorrono,/ e le vecchie che vendono le candelette.// Il suo campanile, lì vicino, – ombra severa/ delle glorie delle passioni di un’altra età -/ che ha custodito la Croce e la bandiera,/ fedele come un soldato dei tempi passati, [il Campanile della Consolata era una delle sette torri che anticamente proteggevano la città]// adesso che è diventato vecchio, manda tuttavia/ sopra il mondo  il suono delle sue campane/ come una voce che prega e si raccomanda/ per tutte quante le miserie umane,// e sulla piazzetta, con il suo piccolo in braccio,/ la Madonnina bianca sulla colonna, /guardando giù la gente che fa baccano,/ ha un sorriso di mamma e di Madonna.// Ma appena entrati nella bella chiesa, si resta/ come frastornati da un senso di confusione:/un odore di incenso e di fiori che dà alla testa,/ un’aria di lusso, di mistero e di devozione.// Si sente dinuovo in fondo alla coscienza – / per poco che la superbia ci abbandoni – / che c’è qualcuno più in su del nostro sapere/ che c’è qualcuno più in su della nostra vita.// Ci ricordiamo del nostro bel tempo lontano/ quando ci portavano qui a benedizione,/ e la nostra mamma ci teneva per mano/ e, sottovoce, ci faceva dire le preghiere,// e, come allora, nella cappella buia/ – laggiù, laggiù – tra due lumini – // ci pare si senta bisbigliare, nell’ombra, / le due regione inginocchiate accanto.// Oh! Come restano le memorie impresse/ delle sensazioni e dei sogni della prima età!/ Molte fiamme sono già spente,/ ma quel lumino, laggiù, laggiù, non si spegne.// E come il bambinetto che si stringeva/ accanto alla mamma – preso da spavento – / e sgranava gli occhi quando vedeva / la Madonna vestita d’oro e d’argento// l’uomo di oggi, che è sicuro e disinvolto,/ guarda con l’antico stupore/ le ricchezze e i tesori della gran città/ posati davanti all’umiltà di Maria.// Ma il cuore della povera gente fatta alla buona/ dai veli di lana e dai cappotti di cotone / che recitano di nascosto il rosario/ e, quando pregano, pregano negli angoli,// non è qui; è là nei corridoi/ sotto le volte fredde e nude,/ è sui muri senza nessun colore / tra gli ex-voto delle grazie ricevute.// Povere tavolette della povera galleria!/ storie di disgrazie, d’affanni e di paure/ che siete brutti e colmi di poesia/ che siete goffi e colmi di sentimento,// sotto le vostre tele primitive,/ c’è più buon senso che sui grandi libri/ c’è la speranza che ci dà la forza di vivere/ fin che restiamo su questo mondo birbante.// Ave Maria… quando il nostro cuore ti chiama/ e i singhiozzi fanno nodo in gola,/ tu, Madonna di Torino, come una mamma/ sei quella che ci calma e ci consola.// Tutti veniamo a te – poveri e signori,/ ignoranti e sapienti, giovani e vecchi – quando l’ombra della morte o del dolore / ci fa tornare, per un momento, fratelli.// Ti mostriamo, piangendo, le nostre croci, / raccontiamo a te le sfortune delle nostre case/ perché tu ci aiuti con il tuo cuore pietoso,/ o Vergine Maria della Consolata.// E tu Madonna, stella del mattino,/ conforto ai disperati, mamma del Signore/ dai a tutti una briciola di bene / una scintilla di speranza e un po’ d’amore.// Trovano aiuto in te, quando t’invocano/ – con le lacrime agli occhi, senza inganno – / tanto la contadina che trascina gli zoccoli, / come la signora che viene qui in carrozza.// Si inginocchiano qui, sullo stesso banco,/ e tu le guardi con lo stesso sorriso / la monachina con la cuffia bianca, / e la cocotte con le scarpette di vernice, // e si raccomandano a te nelle ore di tempesta – quando la campana della sfortuna suona – / la venditrice d’ortaggi con la sciarpa in testa / e la regina con la sua corona. / Ave Maria…dai vecchi tuguri / che cingono le Case nere e il Borgo degli stracci,/ dai bei palazzi che si affacciano sui viali,/ da in Valdocco, dal Serraglio e dai Molassi;// dal Borgo di Po fino alle Basse di Dora, /dalla Crocetta al parco del Valentino /c’è tutta Torino che ti prega e che ti adora, / c’è tutta Torino che ti confida le sue pene…// O Patrona della nostra antica stirpe/ abbi Tu cura di noi, fin che la morte ci colga: / come l’acqua di un fiume la vita passa, / ma tu, Madonna, resti…Ave Maria.