Archivi tag: Studi Piemontesi

Tra le pagine di “Studi Piemontesi”

Il Centro Studi Piemontesi racconta….

Costanza Roggero racconta Tra le pagine del numero di dicembre 2020 di «Studi Piemontesi», la rivista di storia, arti, lettere e varia umanità pubblicata dal 1972 dal Centro Studi Piemontesi.

Ricordo per Gianrenzo P. Clivio

Il 22 gennaio 2006, a Toronto (Canada), dove era professore ordinario nel Dipartimento di Studi Italiani dell’University of Toronto, moriva Gianrenzo P. Clivio (Torino 18 gennaio1942).
Lo ricordiamo, a 79 anni dalla nascita e a 15 dalla sua scomparsa, per i suoi studi, per il suo ruolo tra i fondatori del Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis e della prestigiosa rivista semestrale interdisciplinare “Studi Piemontesi”, con una poesia tratta dalla raccolta Gianrenzo P. Clivio, Na lòsna an fior. Poesie in lingua piemontese, a cura di Dario Pasero e Albina Malerba, versione in lingua inglese di Celestino De Iuliis, Prefazione di Giovanni Tesio, Collana di Letteratura Piemontese Moderna 22. Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 2019. Pagg. XVI-94. ISBN 9788882622947.

Un di marcc-rai da sol

A gem sota tò pugn ël tavo ëd nosera,
e a smija ch’at mossa andrinta ’l vin brulé:
a ti ch’it fure ’l me pì car amis
l’é tuta dverta com ëdnans a Dé
mia ànima d’ancheuj!
Goblòt ëd branda costa sèira:
minca na stissa a l’é na gran-a
passà al gariòt ëd në spovrin dle masche,
ùltima gòj, contradansa e contraltar,
dongion d’una speransa!, për voi,
òmini moch, ch’i marce an trantoland,
parèj dij cioch…

It làudo, ò Mossant, ò S-cèt, ch’it ëm ancioche!
Ti ’t ses la sàiva, l’ùltima sàiva, ëd costa tèra…

Pòche bestie an sle colin-e, òmini
pòchi – tuti gris – apress la slòira a la matin d’otugn;
e pra d’erbass, ronze e gratacuj, e nen na man da deje feu.
Drocheri ’d veje tor, ciabòt ëd pere, rive d’arbron,
sle piasse dij pais vej sensa giovo,
e ant ij pais ij pra dla fera, ancoronà d’urtije:
tèra che tò abandon, ross, it pióres ant ël sangh
ëd j’arovej a mass sij vataron baross.
Sensa can ch’a bàulo, cassin-e langareule:
èire canavzan-e, sensa masnà ch’a geugo.

Ël tòr noviss monta pì nen la vaca
a la stagion dl’amor!

Ahidé! a l’é ben l’ora dj’ànime bastarde
ch’an anciarmo parèj dle serp oslere:
slussi d’assel, për la tèra monfrin-a,
e ant ël vent pa dle nòste, le paròle.

It làudo, ò Fòrt, ò Dru, ch’it ëm ësbòrgne!
Ti ’t ses la gòj, l’ùltima gòj, ëd costa tèra…

I l’hai ciamà për nen dëdnans la bërgerìa.
L’uss ëd malëzzo con un càuss d’amor e ’d rabia
a l’é drocà. Parèj ëd na carëssa.
Fin-a l’eva dël baciass smijava bastarda.
J’òmini strach an fons dla val,
piturà le fomne, fumeria nèira parëss ch’a dagna,
an sla toa trun-a, ò fier Piemont,
ch’l’é daspërtut, e sensa fior, e sensa lus.
A bacaja ’l fumlam, le masnà a uco.
Lassù, gnanca pì n’òm ch’a-i passa.

It làudo, sent mila vire it làudo, ò vin monfrin,
it làudo, ò vin monfrin ch’it ëm andeurme!
Ti ’t sèi ra mimòria, r’ùltima, dra mè tèra…

Mi sai che un di marcc-rai da sol
sla tèra piemontèisa, an mes
a gent strangera e a fieuj dësradisà:
venturand i pass-rai torna, com un neuv Gianpetadé1,
për le colin-e dël Monfrà, ant un’aria nissa,
e an sla piassa dël mërcà ’d minca pais
ëd fije bërnufie, masche dël temp neuv,
con la facia amblëttà am faran dë svergne.
I seu pa nen, se spìrit i sareu, o i sareu còrp:
ma i seu franch ben che un di marcc-reu da sol
sla tèra piemontèisa.

Un giorno camminerò da solo

Geme sotto il tuo pugno il tavolo di noce,/ e sembra che il vin brulé ti frizzi dentro:/ a te che fosti il mio più caro amico/ è tutta aperta come davanti a Dio/ la mia anima di oggi!/ Bicchierini di grappa questa sera:/ ogni goccia è un granello/ passato attraverso il gozzo di una clessidra di streghe,/ ultima gioia, contraddanza e contraltare,/ baluardo di una speranza!, per voi,/ uomini delusi, che camminate a tentoni/ come gli ubriachi…// Ti lodo, o Frizzante, o Schietto, che mi ubriachi!/ Tu sei la linfa, l’ultima linfa, di questa terra…// Poche bestie sulle colline, uomini/ pochi – tutti grigi – dietro l’aratro nel mattino d’autunno;/ e prati di erbe selvatiche, rovi e rose canine, e neanche una mano per bruciarle./ Ruderi di vecchie torri, capanne di pietra, rive di pioppi,/ sulle piazze dei paesi vecchi senza giovani,/ e nei paesi i prati della fiera, incoronati d’ortiche:/ terra che piangi il tuo abbandono, rosso, nel sangue/ dei rovi a mazzi sulle zolle rossicce./ Senza cani che abbaino, cascine langarole:/ aie canavesane, senza bambini che giochino.// Il toro giovane non monta più la vacca/ nella stagione dell’amore!// Ahimé! è proprio l’ora delle anime bastarde/ che ci affascinano come le serpi uccellatrici:/ luccichio d’acciaio, per la terra monferrina,/ e nel vento non delle nostre, le parole.// Ti lodo, o Forte, o Fertile, che mi accechi!/ Tu sei la gioia, l’ultima gioia, di questa terra…// Ho chiamato inutilmente davanti all’ovile./ L’uscio di larice con un calcio d’amore e di rabbia/ è caduto. Come una carezza./ Persino l’acqua della pozzanghera sembrava bastarda./ Gli uomini stanchi al fondo della valle,/ dipinte le donne, nube di fumo appare che gocciola/ sulla tua cantina, o fiero Piemonte,/ che è dappertutto, e senza fiori, e senza luce./ Grida forte il donname, i bambini ululano./ Lassù, neanche più un uomo che passi.// Ti lodo, centomila volte ti lodo, o vino monferrino,/ ti lodo, o vino monferrino che mi fai dormire!/ Tu sei la memoria, l’ultima, della mia terra…// Io so che un giorno camminerò da solo/ sulla terra piemontese, in mezzo/ a gente straniera e a ragazzi sradicati:/ alla ventura passerò di nuovo, come un novello Ebreo Errante,/ per le colline del Monferrato, in un’aria livida,/ e sulla piazza del mercato di ogni paese/ ragazze sfrontate, streghe del tempo nuovo,/ con la faccia imbellettata mi faranno sberleffi./ Non so nulla, se spirito sarò, o sarò corpo:/ ma so con assoluta certezza che un giorno camminerò da solo/ sulla terra piemontese.

One Day I Shall Walk Alone

It groans beneath your fist the chestnut table,
it is as though the vin brulé were bubbling within you:
to you, who were my dearest friend,
it lies wide open as before God
my soul this day!
Goblets of grappa this evening:
each drop a grain
passed through the gullet of a water clock of witches,
final joy, contradance and counter altar,
a bastion of hope! for you,
o hapless dreamers, who walk about groping
like drunkards…

I praise you, o Bubbly, o Pure, oh make me drunk!
You are the lymph, the final lymph of this land…

Few beasts upon the hills, men
few – all grey – behind the plough on a fall morning;
and fields of weeds, brambles and wild rose, and not one
hand to burn them.
Ruins of ancient towers, stone huts, poplars along the banks,
in the squares of the towns, the old with no young
and in the towns, the fairgrounds crowned with nettles:
land, you weep at being abandoned, red in the blood
of the tufts of brushwood on the reddish clumps of earth.
No dogs barking, farmhouses of the Langhe:
courtyards of the Canavese, where no children play.

The young bull no longer covers the cow in the season of love!

Alas! It is truly here the time of bastard souls
who bewitch us like birding serpents:
a glint of steel, throughout the land of Monferrato,
and in the wind waft, not ours, words.

I praise you, o Powerful, o Fruitful One, may you make me blind!
You are the joy, the final joy, of this land…

I have called out in vain before the fold.
The larch door with a kick of love and rage
has fallen. Like a caress.
Even the water of the mudhole seemed a bastard.
Exhausted men at the bottom of the valley,
painted the women, a cloud of smoke appears which drips
on your wine cellar, o proud Piedmont,
and it is everywhere, and without flowers, and without light.
Womenfolk scream loudly, children howl.
Up there, not one man walking past.

I praise you, a hundred thousand times I praise you, wine of Monferrato,
I praise you, o wine of Monferrato who bring me sleep!
You are the memory, the last one of my land…

I know that one day I shall walk alone
over the land of Piedmont, among
strangers and uprooted young men :
peradventure I will walk again, like a latter-day Wandering Jew,
among the hills of Monferrato, through a leaden air,
and in the market square of each town,
shameless girls, witches of the modern age,
their faces painted, will sneer at me.
I know not, whether I shall be spirit, or I shall be flesh:
but I know with absolute certainty that one day I shall walk alone
over the land of Piedmont.
(traduzione di Celestino De Iuliis)

BIBLIOGRAFIA
(delle opere di G. P. Clivio attinenti alla lingua ed alla letteratura piemontese)

Opere generali sulla lingua e la letteratura piemontese

Bibliografia ragionata della lingua regionale e dei dialetti del Piemonte e della Valle d’Aosta, e della letteratura in piemontese (con A. Clivio), Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1971, pp. XXIII-254.

Profilo di storia della letteratura in piemontese, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis 2002, pp. 508.

La letteratura in piemontese. Dalle origini al Settecento, Raccolta antologica di testi, con G. Gasca Queirazza e D. Pasero, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 2003, pp. 540.

La letteratura in piemontese. Dalla stagione giacobina alla fine dell’Ottocento, Raccolta antologica di testi, con D. Pasero, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 2004, pp. 650.

Opere su aspetti generali e particolari della lingua e della letteratura piemontese. Edizioni di testi

Camillo Brero, Gramàtica piemontèisa, sconda edission, con prefassion ëd Gianrenzo P. Clivio, Turin, Musicalbrandé, 1969, pp. X-72.

Le ridicole illusioni, un’ignota commedia piemontese dell’età giacobina, Introduzione, note, testo e glossario, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1969, pp. XXIII-92.

Camillo Brero, Breviari dl’ànima, poesìe piemontèise, a cura di G. P. Clivio, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1969, pp. XIII-69.

Arrigo Frusta, Fassin-e ’d sabia, pròse piemontèise, a cura di G. P. Clivio, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1969, pp. XI-110.

Alfredo Nicola, Stòria dle Valade ‘d Lans, poesìe piemontèise, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1970, pp. IX-40.

Ël nodar onorà, commedia piemontese-italiana del secondo Settecento, Testo, traduzione e nota linguistica. Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1971, pp. LXXX-150.

Edoardo I. Calvo, Poesie piemontesi e scritti italiani e francesi, Edizione del bicentenario a cura di G. P. Clivio, Torino Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1973, pp. XXXVIII-350.

Concordanza linguistica dei Sermoni Subalpini, con Marcel Danesi, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1974, pp. XXXVII-475.

Tòni Bodrìe (Antonio Bodrero), Val d’Inghildon, poesìe piemontèise, a cura di G. P. Clivio, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1974, pp. XIX-90.

Storia linguistica e dialettologia piemontese, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1976, pp. XII-228.

Tòni Bodrìe (Antonio Bodrero), Dal prim uch a l’aluch, poesie piemontesi, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 2000, pp. XVI-190.

Curatele di Atti di convegni e di opere miscellanee

Civiltà del Piemonte. Studi in onore di Renzo Gandolfo nel suo settantacinquesimo compleanno, a cura di G. P. Clivio e R. Massano, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1975, 2 voll., pp. XV-885.

Lingue e dialetti nell’arco alpino occidentale, a cura di G. P. Clivio e G. Gasca Queirazza, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1978, pp. IX-334.

At dël Rëscontr antërnassional dë studi an sla lenga e la literatura piemontèisa, con C. Pich e D. Pasero: 1987 (Alba 1988, pp. 150)
1988 (Alba, 1989, pp. 219) 1993 (Ivrea, 1995, pp. 120) 1994 (Ivrea, 1996, pp. 152)
1989 (Alba, 1990, pp. 196) 1995-96 (Ivrea, 1998, pp. 378)
1990 (Alba, 1991, pp. 290) 1997-98 (Ivrea, 2002, pp. 250)
1991 (Alba, 1992, pp. 430)

I dialetti italiani. Storia, struttura, uso, a cura di C. Marcato, G. P. Clivio, M. Cortellazzo, N. De Blasi, Torino, Utet, 2002.

Articoli in riviste e in Volumi miscellanei

Poesie piemontesi del Seicento: una recente riscoperta, in «Musicalbrandé», 40 (dzèmber 1968), pp. 2-10.

Analogic Levelling of the Perfect in Piedmontese, in «Romance Notes», 11 (1969), pp. 452-456.

The Volgare in Piedmont from the Middle Ages to the End of the Sixteenth Century, in «Romanische Forschungen», 82 (1970), pp. 65-93.

Le particelle affermative in piemontese, in «Forum Italicum», 4 (1970), pp. 70-75.

Brevi prose in volgare piemontese del Quattrocento, in Studies in Honour of Louis Francis Solano, Chapel Hill, N. C. University of North Carolina Press, 1970, pp. 53-64.

The Pronunciation of Italian in Piedmont, in Actes du Xe Congres International des Linguistes, Bucarest, 1970, vol. 4, pp. 275-280.

Possibilità di applicazione della grammatica trasformazionale agli studi dialettologici, in Atti dell’VIII Convegno del Centro per gli studi dialettali italiani, Torino, Università di Torino, 1970, pp. 58-62.

Vocalic Prosthesis, Shwa-Deletion and Morphophonemics in Piedmontese, in «Zeitschrift für romanische Philologie», 87 (1971), pp. 334-344.

Appunti su omofonia e influssi lombardi nella storia del lessico piemontese, in Atti del XIV Congresso internazionale di linguistica e filologia romanza, Napoli, 1970, vol. 2, pp. 515-523.

L’Amor marcand da mòda di Chiaffredo Casale, a cura di G. P. Clivio, in «Almanacco Piemontese Viglongo», 1971, pp. 183-193.

La stagione giacobina e il problema della religione nella poesia di Edoardo Ignazio Calvo, in “Studi Piemontesi”, II, 1 (1973), pp. 3-26

Su alcune vicende lessicali del gallo-italico occidentale, in Civiltà del Piemonte. Studi in onore di Renzo Gandolfo nel suo settantacinquesimo compleanno, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1975, pp. 29-46.

Aspetti linguistici del Piemonte settecentesco, in Teorie e pratiche linguistiche nell’Italia del Settecento, a cura di Lia Formigari, Bologna, Il Mulino, 1984, pp. 269-279.

Passà, present e avnì dla lenga piemontèisa, in At dël III Rëscontr antërnassional dë studi an sla lenga e la literatura piemontèisa, Alba, 1986, pp. 61-73.

Dal latin al piemontèis: a l’arserca dla stòria ’d nòsta lenga, in At dël IV Rëscontr antërnassional dë studi an sla lenga e la literatura piemontèisa, Alba, 1987, pp. 125-136.

Lupus rapax: la denominazione della lince (Felis lynx L.) in piemontese e in gallo-italico, in «Studi Piemontesi», XVI, 2 (1987), pp. 341-347.

Coj ëd San Giòrs: a propòsit dël prim document ëd vej piemontèis ch’a sia datàbil e localisàbil, in At dël V Rëscontr antërnassional dë studi an sla lenga e la literatura piemontèisa, Alba, 1988, pp. 193-215.

Due noterelle lessicali piemontesi (ancora a proposito del diav e del luv ravass), in «Studi Piemontesi», XVIII, 1 (1989), pp. 119-122.

Ël piemontèis parlà, ël piemontèis literari e ’l dissionari stòrich dla lenga piemontèisa, in At dël VI Rëscontr antërnassional dë studi an sla lenga e la literatura piemontèisa, Alba, 1989, pp. 175-184.

Osservazioni sui testi delle poesie di Vittorio Amedeo Borrelli e sul piemontese del Settecento, in «Studi Piemontesi», XXIII, 2 (1994), pp. 279-288.

Doe speranse cite: prim rapòrt d’un esperiment d’educassion an doe lenghe ’d famija, in At dël VIII Rëscontr antërnassional dë studi an sla lenga e la literatura piemontèisa, Alba, 1992, pp. 400-430.

Per un’edizione critica delle poesie piemontesi di Ventura Cartiermetre (Giuseppe Ignazio Avventura, 1733-1777), in At dël XII Rëscontr antërnassional dë studi an sla lenga e la literatura piemontèisa, Ivrea, 1998, pp. 97-184.

La poesia per gioco e il gioco per poesia: per un’edizione critica delle poesie piemontesi di Silvio Balbis (1737-1796), in At dël XV Rëscontr antërnassional dë studi an sla lenga e la literatura piemontèisa, Ivrea, 2002, pp. 197-239.

Pulizia linguistica o ecologia linguistica?, in “Studi Piemontesi”, XXXIII, 1 (2004), pp. 3-9

Opere poetiche

Trenin e dësmore e buàte. Poesiòte piemontèise pr’ij cit, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 2001, pp. 98.

Na lòsna an fior. Poesie in lingua piemontese, a cura di Dario Pasero e Albina Malerba, versione in lingua inglese di Celestino De Iuliis, Prefazione di Giovanni Tesio, Collana di Letteratura Piemontese Moderna 22. Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 2019. Pagg. XVI-94. ISBN 9788882622947.

E’ uscito “Studi PIemontesi”

«Studi Piemontesi»
dicembre 2020, vol. XLVIX, fasc. 2

Sarà un periodo natalizio da trascorrere in casa e la lettura potrà occupare i nostri giorni; arriva dunque giusto in tempo il secondo numero di quest’anno di «Studi Piemontesi», la rivista di storia, arti, lettere e varia umanità pubblicata dal Centro Studi Piemontesi.
Invoglieranno ad addentrarsi tra le pagine del fascicolo i due articoli che lo aprono e che si distinguono anche per l’affabilità della scrittura: Giovanni Tesio si trattiene sulle lettere dalle carceri fasciste di tre piemontesi, Vittorio Foa, Massimo Mila e del loro maestro Augusto Monti; Rosanna Roccia con la familiarità che in anni di studio ha acquisito con Camillo Cavour introduce nel privato del grande uomo di stato rievocando l’affetto con il quale seguì l’educazione del nipote Augusto e lo strazio che provò per la sua morte nella battaglia di Goito (1848).
Si resta negli anni centrali del Risorgimento con Simonetta Tombaccini che, attraverso le lettere scritte da Sabine Martini de Chateuneuf, sposa a Torino, alla sorella Sophie, sposata nella natia Nizza, delinea il vissuto quotidiano di due dame della nobiltà subalpina negli anni 1857-59. Nadia Fenoglio invece scrive delle fake news pubblicate sui giornali del Regno di Sardegna durante la spedizione dei Mille. Si scende al Settecento con Fabrizio Corrado che scrive di Giacomo Casanova a Torino; e al Seicento con Luca Pier Giorgio Isella, che torna sui fatti della guerra dei Cognati e dell’assedio di Torino del 1640, attraverso le lettere del cappuccino Fra Michelangelo dei conti San Martino di Agliè al nipote Filippo.
Entriamo nel settore della storia dell’arte con Walter Canavesio: il rinvenimento di una versione in bronzo della targa di Leonardo Bistolfi per il sepolcro (1894) del giovane poeta Alessandro Vignola gli offre l’opportunità di raccontare l’ambiente culturale di fine Ottocento a Torino. Conducono al Settecento Arabella Cifani e Franco Monetti che, proseguendo le loro ricerche sui pittori sabaudi, presentano Giovanni Battista Curlando, attivo alla corte di Torino dal 1700 al 1710. Roberto Caterino esamina la parte avuta da Bernardo Vittone nella sistemazione dell’oratorio settecentesco della Compagnia di San Paolo. Infine Liliana Pittarello continua il censimento di architetti e artisti formatosi in Piemonte operanti in Argentina fra Otto e Novecento occupandosi in particolare di Augusto e León Ferrari.
Due saggi sono dedicati all’attività teatrale nell’Ottocento: Lorenzo Mamino tratta di alcuni teatri del Cuneese (Mondovì, Saluzzo, Alba, Fossano), della loro costruzione, dei loro destini. Claudio Bertolotto, partendo dal fortunoso ritrovamento di una raccolta di scenografie teatrali di Francesco Cocchi (Budrio 1788 – Bologna 1865) illustra i riflessi torinesi e internazionali della scuola bolognese di scenografia.
Siamo così alle due rubriche linguistiche: per Onomastica piemontese Daniela Cacìa si dedica alla schiera di cognomi derivati da finocchio; Elena Papa a quelli derivati da gora (denominazione piemontese di varie piante simili al salice). Per Lessico piemontese, Giovanni Ronco parla della fetente cimice o bërnard fiairant e del fragrante pan ëd cusiòira, cioè del pane preparato in casa e portato a cuocere al forno.
Troviamo poi ritratti e ricordi di personaggi: Gabriella Olivero rievoca Mercedes Viale Ferrero (1924-2019); Aldo A. Mola lo storico del Risorgimento Romano Ugolini (1946-2020). Rita Binaghi traccia un profilo dell’ingegnere Antonio Lovera (1741-1789), socio dell’Accademia delle Scienze di Torino, mentre Milena Contini rievoca la costruzione dell’osservatorio astronomico della stessa Accademia attraverso gli scambi epistolari fra Tommaso Valperga di Caluso e l’astronomo milanese Barnaba Oriani.
Tra fine Settecento e primo Ottocento accanto agli entusiasmi per le novità giunte dalla Francia fu viva anche la polemica antifrancese: Dario Pasero ne pubblica dai manoscritti una serie di testi in piemontese con inquadramento storico e commento.
Introduce nei segreti del Centro Studi Piemontesi Andrea Maria Ludovici che ne descrive i fondi manoscritti: anzi tutto quello del suo fondatore, Renzo Gandolfo (Cuneo 1900-Torino 1987); e poi da Angelo Alessio (Aosta 1890 – Torino 1983), Giovanni Drovetti (Sesto San Giovanni 1879 – Torino 1958), Arrigo Frusta (Torino 1875 – 1965), Giuliano Gasca Queirazza (Roma 1922 – Torino 2009), Gualtiero Rizzi (Torino 1927 – San Sebastiano da Po 2003), Enrico Thovez (Torino 1869 – 1925), Giovanni Toselli (Cuneo 1819 – Genova 1886).
E potranno stimolare a mettere in programma altre letture le recensioni che insieme allo spoglio delle riviste, all’informazione sull’attività del Centro Studi Piemontesi, alle notizie di mostre, convegni e altre iniziative riguardanti la cultura regionale chiudono il volume.
Abstracts in inglese di tutti i contributi

Scarica il sommario

Comitato Scientifico: Renata Allìo, Alberto Basso, Gilles Bertrand, Mario Chiesa, Gabriele Clemens, Anna Cornagliotti, Guido Curto, Pierangelo Gentile, Livia Giacardi, Andreina Griseri, Corine Maitte, Isabella Massabò Ricci, Andrea Merlotti, Aldo A. Mola, Francesco Panero, Pier Massimo Prosio, Rosanna Roccia, Costanza Roggero Bardelli, Alda Rossebastiano, Giovanni Tesio, Georges Virlogeux.

Direttore, Rosanna Roccia; Responsabile, Albina Malerba. Il Comitato Scientifico si avvale di referee nazionali e internazionali

Un libro per Natale

Da martedì 15 dicembre il Centro Studi Piemontesi riaprirà al pubblico la sede di via Revel 15 per proporre la tradizionale (seppur diversa quest’anno) edizione di “Un libro per Natale”: esposizione delle pubblicazioni del Centro Studi Piemontesi, delle ultime novità editoriali, dei libri dal catalogo storico offerti a prezzi natalizi.

La mostra sarà aperta dal 15 al 22 dicembre con orario continuato 9,30-18. Chiusa il sabato e la domenica.

Per garantire il rispetto delle norme di sicurezza da osservare negli spazi comuni chiediamo di informare telefonicamente (o via mail) la Segreteria della vostra graditissima visita.

Ricordiamo che è su YouTube e sul nostro sito la clip n. 6: Verbano Cusio Ossola e Giuseppe Botti. Il primo demotista dell’egittologia italiana della serie “Dalle Alpi alle Piramidi. Piccole storie di piemontesi illustri”, un Progetto del Museo Egizio in collaborazione col Centro Studi Piemontesi e il patrocinio della Regione Piemonte. Prossime puntate il 15 dicembre: VERCELLI e Virginio Rosa. La passione per l’antico Egitto che rende immortali; 22 dicembre: TORINO e Bernardino Drovetti. L’avventuroso diplomatico che raccolse la collezione di antichità egizie.

Il 21 dicembre dalle 10 del mattino sarà sul canale YouTube e sul sito del Centro Studi Piemontesi il film-video Concerto Vijà di Natale 2020.

Con il numero 2, 2020 della rivista “Studi Piemontesi”, sono in uscita i volumi:

ALBERTO ROCCAVILLA
Michele Roccavilla. Sanfront 1787-Tacticopoli 1827. Un patriota
della Valle Po attraverso l’Europa

prefazione di Pierangelo Gentile, in coedizione con Fusta editore di Saluzzo.
Pagg. 254 (2020). Già disponibile

PATRIZIA DEABATE
Il misterioso caso del “Benjamin Button” da Torino a Hollywood
Nino Oxilia il fratello Segreto di Francis Scott Fitzgerald

prefazione di Carlo Sburlati,
volume vincitore del Premio “Acqui Inedito” nell’ambito del “Premio Acqui Storia”. Pagg. XX-350 (2020).

L’araldica tra ostensione e identità di famiglie e comunità
Atti del Convegno, in occasione del 330° anniversario del consegnamento dello stemma della Città di Bene (Bene Vagienna, 29 Settembre 2018),
a cura di Gustavo Mola di Nomaglio, in collaborazione con l’Associazione Amici di Bene (2020).

Ne troverete via via le schede sul sito

Disponibili entro la fine del 2020:

Filippo Juvarra regista di corti e capitali dalla Sicilia al Piemonte all’Europa
a cura di Chiara Devoti, Gustavo Mola di Nomaglio, Costanza Roggero, Franca Porticelli, in collaborazione con la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, l’Associazione Amici della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino (ABNUT) il DISTPolitecnico di Torino (2020).

MASSIMO D’AZEGLIO
Epistolario (1819-1866) vol. XII
(supplementi)
a cura di Georges Virlogeux (2020).

Un saluto commosso e grato a Gian savino Pene vidari

Un saluto commosso e grato al Professor Gian Savino Pene Vidari

Con grande tristezza informiamo Soci e estimatori del Centro Studi Piemontesi che il professor Gian Savino Pene Vidari ieri, 17 novembre 2020, si è spento ad Aosta colpito da ictus.
Storico del diritto medievale e moderno, professore emerito dell’Università di Torino, presidente della Deputazione subalpina di Storia patria, membro dell’Accademia delle Scienze di Torino,
studioso attivissimo con profondi legami con le facoltà giuridiche di Nizza, Parigi-Sorbonne e Svizzere, Pene Vidari era membro del Consiglio direttivo del Centro Studi Piemontesi.
Amico del nostro fondatore Renzo Gandolfo, che ne apprezzava la serietà e la cultura, entrò trentacinquenne a far parte del nostro Comitato Scientifico di cui assunse in seguito la Presidenza, continuando la sua lunga collaborazione con la rivista «Studi Piemontesi» (fino al numero 2, 2020 in stampa) ove di lui sono pubblicati molti saggi e studi inediti e acute recensioni.

La nazione ebrea di nizza

An flanand tra le pagine del
Catalogo storico delle edizioni del Centro Studi Piemontesi

SIMONETTA TOMBACCINI
La “Nazione Ebrea” di Nizza
Popolazioni, istituzioni, usi e costumi (1814-1860)

Premessa di Giuseppe Pichetto, Introduzione di Dario Disegni, Prefazione di Alberto Cavaglion. Con il contributo della Fondazione Guglielmo De Levy. Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 2017. Pagg. XI-414, ill. a colori. ISBN 978-88-8262-266-4.

In epoca sabauda, la contea di Nizza ospitava una «nazione ebrea» di circa 300 persone. Alcuni vi dimoravano da vecchia data, soprattutto gli Hebrei nationali sudditi di casa Savoia, altri erano arrivati nel corso dei secoli, da contrade vicine e lontane. Una comunità dalle costumanze e idiomi eterogenei, costretta nel Settecento, e poi di nuovo negli anni della Restaurazione, a vivere nell’antica Giudaria, per quanto i membri più opulenti – dal banchiere Avigdor al negoziante Colombo – si guardassero dall’obbedire all’ingiunzione. Era là, nelle case prospicienti una sola strada, che la più parte dipanava il filo della propria esistenza. Là che gli adolescenti imparavano i rudimenti del sapere, che gli adulti si davano all’arte mercatoria e che tutti rispettavano le feste ebraiche. L’emancipazione del 1848 li troverà pronti ad impegnarsi nella vita pubblica, nazionale e locale, coronamento di un’integrazione nella società circostante che, tutto sommato, li aveva accolti con benevolenza.

Simonetta Tombaccini è archivista presso l’Archivio dipartimentale delle Alpi Marittime e in tale veste ha riordinato e inventariato diversi fondi archivistici del periodo sabaudo (senato, intendenza generale e consolato di mare di Nizza). Ha pubblicato articoli e saggi sul fascismo e sull’antifascismo italiano, tra cui La storia dei fuorusciti italiani in Francia. Si è dedicata in particolare allo studio della Restaurazione e del decennio antecedente la cessione della contea di Nizza alla Francia del 1860. Su questo periodo ha scritto articoli e saggi di storia sociale e un volume su La vie de la noblesse niçoise, 1814-1860, coedito dalla Acadèmia Nissarda e dal Centro Studi Piemontesi (2010). Collabora regolarmente alle riviste «Nice Historique» e “Studi Piemontesi”.

Addio a Domenico Bo

Salutiamo commossi e grati il professor Domenico Bo, decano dei Soci della nostra Ca dë Studi Piemontèis, mancato il 30 agosto. Da oggi riposa nella sua amata Garessio.

Per il Centro Studi Piemontesi ha pubblicato nel 2014 il volume Storia dalle origini ad oggi di Piazza Savoia e le sue quattro Isole nel terzo ingrandimento di Torino verso occidente, pagg. VIII-271, ill.

Così scriveva Elena Gianasso recensendo il volume in “Studi Piemontesi”, sul n. 1, 2014, vol. XLIII, pp. 196-197:
“Omaggio del Centro Studi Piemontesi alla carriera accademica del prof. Domenico Bo, già professore ordinario nelle Università di Roma “La Sapienza” e di Torino, il volume ripercorre le vicende storiche che hanno portato alla realizzazione di piazza Savoia, già piazza Susina, polo centrale di saldatura tra la «città vecchia» seicentesca e il terzo ampliamento della città. Spazio progettato in stretta relazione con lo stradone di Rivoli, tracciato nel 1711 da Michelangelo Garove, è delimitato da quattro isolati occupati da architetture prestigiose attentamente descritte nel libro. Le pagine di Bo si aprono con un capitolo che, sintetizzando la storia di Torino, introduce la figura di Vittorio Amedeo II e il suo importante impegno per la realizzazione dell’ingrandimento occidentale il cui «grande artefice», scrive l’autore, «fu Filippo Juvarra. […] Tutte le realizzazioni da corso Valdocco a Piazza Savoia, da via del Senato a via Milano, a Porta Palazzo riportano ancora oggi l’impronta urbanistica, che egli diede alla zona, anche se non riuscì a vederne l’intero compimento» (p. 24). Ideata di forma quadrata, luogo di raduno e di mercato, ha assunto prima la denominazione di piazza Susina, quindi piazza Paesana (dal nome di uno dei palazzi che vi si affaccia), poi piazza degli Stracci, in periodo napoleonico è place de France, quindi piazza Siccardi (1853-1860) e poi piazza Savoia. Intorno alla metà del XIX secolo, al centro della piazza è innalzato un monumento, l’obelisco, a ricordo dell’approvazione della legge sull’abolizione del foro ecclesiastico promulgata nel 1850 su proposta del ministro di Grazia Giustizia e Affari di Culto, senatore Giuseppe Siccardi. Nel Novecento, evidenzia puntualmente lo scrittore, la piazza è progressivamente riqualificata con nuovi negozi e piccole aree verdi.
Il libro, corredato di tavole che riproducono disegni, incisioni e fotografie del luogo, esamina quindi l’Isola di San Chiaffredo, “la più importante delle quattro” (p. 54) isole prospicienti la piazza, occupata da Palazzo Saluzzo Paesana. Costruito su disegno di Giacomo Plantery nel corso del Settecento, è descritto con rimando ai documenti d’archivio, esito di una ricerca attenta e meticolosa condotta dall’autore. Sono altresì riportati i dati del censimento napoleonico del 1802, fotografia dello stato della popolazione in periodo francese, completati da brevi profili biografici degli abitanti del palazzo.
L’Isola di San Dalmazzo, dal nome della chiesa che in parte la occupa, era posta all’estremità del settore occidentale della città ed era separata dalle mura dalla via singularis. Le vicende che interessano l’Isola sono definite dalle scelte dei Padri Barnabiti che officiano la chiesa già dal Seicento. Acquisti successivi garantiscono ai religiosi la proprietà di fabbricati a sud, a est e a nord dell’isolato, scelto come sede del loro Collegio. All’indomani della soppressione degli ordini religiosi, l’area è divisa in lotti esaminati in dettaglio da Bo che, per ognuno, ricorda gli acquirenti e i passaggi di proprietà. Scorrendo le pagine del libro si legge anche l’interessante storia della chiesa di San Dalmazzo fino agli ultimi anni del Novecento.
L’Orfanotrofio femminile, la cui esistenza è documentata da fine Cinquecento, e Palazzo Falletti di Barolo compongono l’Isola di Santa Brigida. Il primo, voluto forse dalla contessa Langosco di Stroppiana, è descritto con l’ausilio, oltre che della bibliografia, di fonti documentarie primarie conservate nei torinesi Archivio di Stato e Archivio Storico della Città. Il secondo, opera di Gian Francesco Baroncelli del 1692, è qui commentato attraverso le biografie dei suoi proprietari e abitanti perché, è già stato scritto, la biografia è strumento utile a comprendere le dinamiche storiche che hanno segnato le trasformazioni del costruito. Tra loro, è Giulia Vittorina Colbert a distinguersi per le sue doti di donna intelligente e colta, capace di sostenere e appoggiare alcune tra le più importanti attività filantropiche torinesi del XIX secolo.
L’ultimo capitolo è dedicato all’Isola San Dionigi dove sono il palazzo Martini di Cigala e il palazzo ex-Villata. Seguendo lo stesso iter di ricerca, Bo elenca i successivi acquirenti, con brevi note sulle famiglie tratte, ancora, da testi d’archivio e dai censimenti. Quadro di una interessante piazza torinese, il volume si chiude con l’indice delle tavole e un articolato indice generale”. Elena Gianasso

E’ uscita la rivista

«Studi Piemontesi», giugno 2020, vol. XLVIX, fasc. 1

Grazie al «travaj svicc» (alias «lavoro agile», alias «Smart Working») della Direzione e della Redazione, il primo dei due volumi annuali di «Studi Piemontesi», la rivista di storia, arti, lettere e varia umanità pubblicata dal Centro Studi Piemontesi, anche quest’anno esce puntuale a fine giugno. È la storia dell’arte, sempre uno dei settori più ricchi e solidi della rivista, che il lettore incontra quando apre questo fascicolo; più precisamente storia dell’architettura: il compianto Luciano Re in questo suo ultimo lavoro racconta la moda dei ponti sospesi in voga all’inizio dell’Ottocento e, in particolare, di quelli realizzati nei parchi delle ville a cominciare da quello fatto costruire dal notaio Vitale Prié nella sua di San Giorgio Canavese. Paolo San Martino passa in rassegna le varie tipologie di ville principesche, dalla Venaria Reale a quella fiorentina di Boboli.

Lauro Mattalucci descrive i giochi di putti negli affreschi del castello dei San Martino di Parella. Isabella Stancari presenta Alfonso Goldini (1863-1898) scenografo nel Teatro Regio di Torino. Lo scultore Pietro Canonica (1869-1959) lasciò in eredità al comune di Stresa una cospicua raccolta delle proprie opere: Gianluca Kannès ricostruisce le tribolate vicende relative alla loro collocazione.
Tra arte e storia si muove Paolo Anzile nel raccontare le vicende del Corpo Reale d’Artiglieria dagli anni Venti del Novecento alla fine della guerra nei “Quartieri Militari” alla Venaria Reale.
Altri temi storici prendono gran parte del fascicolo: degli Statuti resi pubblici da Amedeo VIII il 17 giugno 1430 e restati vigore fino al 1723 è stata finalmente fornita una edizione critica preparata da Franco Morenzoni dell’Università di Ginevra; illustra l’importanza del documento e dell’edizione Gian Savino Pene Vidari. Nell’ambito della storia del diritto costituzionale conduce anche Flavia Carmen Di Pasqua con le sue pagine dedicate agli esordi (1848-1855) della monarchia rappresentativa con lo Statuto albertino.
Luca Piovano delinea la figura del quarto principe di Carignano, Luigi (1721-1778), che restaurò i rapporti con il ramo regnante compromessi dal padre. Maria Teresa Reineri e Cristina Corlando presentano le memorie della marchesa Faustina Roero di Cortanze (1817-1871), interessanti per le vicende relative agli anni 1817-1850 raccontate dalla confidente della Regina Maria Teresa, moglie di Carlo Alberto. Nel saggio di Carlo Orsi è la provincia piemontese ad essere protagonista nella relazione di viaggio compiuto dalla marchesa de Taulignan nel 1822.
La sconfitta di Novara (1849) scatenò una caccia ai responsabili e si parlò di tradimento: fu istituita una Commissione d’inchiesta, che non condusse a conclusioni unanimi: Luca Zecchi ne ricostruisce i lavori.
Donato D’Urso delinea un profilo biografico di Pietro Baratono (1884-1947), al ministero dell’interno dal 1908 alla morte e si sofferma sui quattordici mesi (1937-38) in cui fu prefetto a Torino. L’articolo di Erika Luciano è dedicato a una delle conseguenze delle leggi razziali del 1938, la forzata emigrazione di un gruppo di matematici ebrei.
Due i saggi di storia della scienza: Aldo Musumarra ricorda l’opera di Orazio Silvestri (1835-1890), primo titolare di una cattedra di vulcanologia; Alessia Anna Bortolamai ricostruisce la vicenda della rivolta dei “pazzi criminali” nel manicomio di Collegno del luglio 1912 per delineare un quadro del sistema manicomiale del tempo.
I cognomi schedati nella undicesima puntata di onomastica piemontese curata da Alda Rossebastiano, Elena Papa, Daniela Cacia sono legati a due vegetali il panìco piem. baraval e il castagno.
Le pagine di Lorenzo Ferrarotti mostrano l’importanza e l’utilità per i lettori non specialisti del Piccolo Atlante Linguistico del Piemonte.
Un unico saggio, ma prezioso, tratta di temi letterari: Mariarosa Masoero presenta una lettera inedita di Guido Gozzano, del 9 maggio 1910, ad una giovane appassionata di poesia conosciuta in un soggiorno a Firenze.
Chiudono il fascicolo le ricche pagine dedicate al «Notiziario bibliografico», allo spoglio delle riviste, all’informazione sull’attività del Centro Studi, alle notizie di mostre, convegni e altre iniziative riguardanti la cultura regionale: una miniera.

Abstracts in inglese di tutti i contributi

Comitato Scientifico: Renata Allìo, Alberto Basso, Gilles Bertrand, Mario Chiesa, Gabriele Clemens, Anna Cornagliotti, Guido Curto, Pierangelo Gentile, Livia Giacardi, Andreina Griseri, Corine Maitte, Isabella Massabò Ricci, Andrea Merlotti, Aldo A. Mola, Francesco Panero, Gian Savino Pene Vidari, Pier Massimo Prosio, Rosanna Roccia, Costanza Roggero Bardelli, Alda Rossebastiano, Giovanni Tesio, Georges Virlogeux.
Direttore, Rosanna Roccia; Responsabile, Albina Malerba.
Il Comitato Scientifico si avvale di referee nazionali e internazionali

GIUSEPPE LAVINI (1857-1928)

An flanand tra le pagine del
Catalogo storico delle edizioni del Centro Studi Piemontesi

GIULIA AJMONE MARSAN

ALL’OMBRA DI NOTABILI ED EROI
GIUSEPPE LAVINI (1857-1928)

PREFAZIONE DI DAVID CHIPPERFIELD
TORINO, CENTRO STUDI PIEMONTESI, 2014, PAGG. 226, ILL. ISBN: 978-88-8262-212-1

La trasformazione di Torino da Capitale in capitale industriale dava opportunità a giovani idealisti e intraprendenti di dare un contributo alla loro città. Uno di questi era Giuseppe Lavini: proveniente da una famiglia di seri professionisti, si innamorò dell’arte e dell’architettura a cui si dedicò quale critico d’arte, segretario dell’Accademia Albertina, attivissimo socio del Circolo degli Artisti e Consigliere Comunale. Forte di queste esperienze, intraprese dalle pagine di quotidiani e riviste, in particolare l’«Architettura Italiana», campagne per valorizzare l’architettura italiana e influire positivamente sullo sviluppo urbanistico di Torino. Un notabile oggi poco conosciuto, affascinante per la sua lungimiranza e schiettezza.

“Pagine intense della storia di Torino tra Ottocento e Novecento, fogli di vita di una persona e di una famiglia che è rimasta a lungo celata, All’ombra di notabili ed eroi. Giuseppe Lavini (1857-1928) propone al lettore carte inedite, utili a comprendere a fondo società e cultura del periodo in cui la città si trasforma da capitale politica a capitale industriale. Il nuovo libro pubblicato dal Centro Studi Piemontesi, scritto dalla lucida penna di Giulia Ajmone Marsan, si colloca tra le monografie dedicate a critici e letterati che, nel corso della loro esistenza, discutono di architettura e di urbanistica all’indomani dell’Unificazione nazionale. […]. Poggiandosi su uno studio profondo, l’autrice indaga il milieu culturale dell’epoca, evidenziando l’importante partecipazione di Lavini al dibattito artistico cittadino dalle sale del Circolo degli Artisti, dove è segretario della Sezione di Architettura. Sono gli anni della prima Esposizione italiana di Architettura (1890) e della prima Esposizione Internazionale d’Arte Decorativa e Moderna (1902), inizialmente discusse proprio all’interno dello stesso Circolo. […].

Il libro, completo di un repertorio iconografico in gran parte inedito e di un indice dei nomi, dei luoghi e delle riviste citate, presenta e discute per la prima volta una personalità complessa, difficile da sintetizzare, ma sapientemente indagata nel volume. Scritto quale esito di ricerche puntuali in due nazioni, sette località, otto archivi e sedici biblioteche, riunisce scientificamente più tasselli in un testo unitario che, dopo la biografia, si articola seguendo Passioni e battaglie dello stesso Lavini. I temi fondamentali sono qui ripresi – afferma David Chipperfield, architetto, nella Prefazione – «in modo esauriente e perspicace» (p. IX) dall’autrice che, scegliendo tra i tanti, evidenzia gli apporti allo studio di questioni concernenti le Belle Arti e l’Antichità, l’architettura e l’urbanistica tra Eclettismo, Art Nouveau e Razionalismo” (dalla recensione di Elena Gianasso pubblicata in “Studi Piemontesi”, 1, XLII (2014), p. 193).