Tutti gli articoli di centrostudi

Il Forte Mutin a Fenestrelle

Lunedì 18 giugno 2018 ore 18

Incontro con Bruno Usseglio

autore del volume

Le fort de Fenestrelles ovvero Il Forte Mutin

Pubblicato da Alzani nell’ambito del “Progetto di valorizzazione del patrimonio culturale del Forte Mutin” del Comune di Fenestrelle e della Compagnia di San Paolo

 

La storia di un forte francese, oggi in territorio italiano, e le sue connessioni con la popolazione locale. Salendo lungo la val Chisone, giunti a Fenestrelle, si rimane sorpresi dalla maestosità delle fortificazioni sabaude realizzate sul lato sinistro orografico. Sul versante opposto, poco noto ai non addetti ai lavori, si trova il fort de Fenestrelles, ovvero il forte Mutin… La pubblicazione è parte integrante del “Progetto di valorizzazione del patrimonio culturale del forte Mutin”, finanziato con il contributo della Compagnia di San Paolo e dal Comune di Fenestrelle.

Bruno Usseglio è Dipendente del Parco Naturale Val Troncea (oggi gestito dall’Ente di Gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie), si dedica alla ricerca storico-culturale sull’alta val Chisone. In collaborazione con il CNR – Istituto di Geoscienze e Georisorse di Torino ha curato la Carta geologica del campo trincerato dell’Assietta e La montagna racconta, Itinerari storico-geologici nelle Alpi Cozie fra il colle delle Finestre e il Gran Serin. Collabora con alcune associazioni culturali del territorio e ha al suo attivo saggi, articoli e diversi libri

La conferenza potrà essere seguita in differita sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi

Bocuse off: A tavola con il sovrano

Mercoledì 13 giugno 2018 ore 17.30

Fondazione Luigi Einaudi, Via Principe Amedeo 34, Torino

Conferenza organizzata dal Centro Studi Piemontesi

A tavola col sovrano

Una conferenza di Gustavo Mola di Nomaglio per approfondire gli antichi usi tra alimentazione, cerimoniale e politica.

Un viaggio attraverso il tempo nelle corti sabaude, osservando le tavole reali e principesche attraverso i loro rituali, spettacolarizzazione dei conviti, oggetti d’uso corrente (generalmente di gran pregio artistico). Un contesto cerimoniale, certo non privo di valenze politiche, velocemente indagato attraverso il protocollo, i compiti dei gentiluomini di corte, le feste e le musiche eseguite durante i banchetti.

Intervengono

Albina Malerba, Direttore del Centro Studi Piemontesi, Gabriella Morabito, per il Coordinamento degli Istituti Culturali del Piemonte

https://www.bocusedoreuropeoff2018.it/eventi/a-tavola-col-sovrano/

Memoria Renzo Gandolfo: la Biblioteca e l’Archivio

Lunedì 11 giugno 2018 ore 18

Memoria Renzo Gandolfo

La Biblioteca e l’Archivio Inventariati e schedati nel patrimonio del Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis

 

Incontro per illustrare – nel genetliaco del fondatore dell’Associazione, 13 giugno 1900 – la messa on-line della Biblioteca Renzo Gandolfo e dei Fondi Arrigo Frusta, Luciano Tamburini, Emma Germano, Federigo Sclopis, Camillo Alberto, Aldo Daverio, Giovanni Gianotti, Agar Pogliano, e altri Fondi minori. E l’avvio del Progetto di schedatura, riordino e inventariazione dell’Archivio del Centro Studi Piemontesi e Fondi archivistici aggregati.

Nell’occasione saranno anche illustrati i lavori di risistemazione della sede per l’allestimento della Sala Archivio.

Interverranno:

Daniela Caffaratto, Sovrintendenza Archivista e Bibliografica del Piemonte e della Valle d’Aosta

Maria Prano, Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte – Settore Promozione beni librari e archivistici, editoria e istituti culturali

Le bibliotecarie Maria Schirripa, Vera Favro; l’archivista Andrea Ludovici

il Presidente Giuseppe Pichetto, il Vice-Presidente Gustavo Mola di Nomaglio, il Direttore Albina Malerba, i membri del Comitato Scientifico e del Consiglio Direttivo.

Il video dell’incontro è sul Canale You Tube del Centro Studi Piemontesi

La Collezione Marco Albera all’Archivio Storico dell’Università di Torino

giovedì 7 giugno alle ore 18

nell’Aula Magna del Palazzo del Rettorato

(Via Po 17 / Via Verdi 8, Torino)

verrà presentata la

Collezione Marco Albera

e inaugurata la mostra

con i documenti relativi alla  storia dell’Università e degli Studenti,  oltre 3.500 pezzi tra cui manoscritti, tesi di laurea rilegate, berretti goliardici, manifesti diplomi miniati, ceduti da Marco Albera all’Archivio Storico del nostro Ateneo

Interverranno

Gianmaria Ajani, Enrico Pasini, Monica Grossi, Luisa Papotti, Marco Albera

scarica l’invito

 

Il Real Collegio Carlo Alberto di Moncalieri

SGUARDI SU MONCALIERI

Incontri per una Storia di Moncalieri

Riprende il cammino attraverso la storia e le storie di Moncalieri e del suo territorio, tramite incontri frutto di una proficua collaborazione tra l’Assessorato alla Cultura della Città di Moncalieri, la Biblioteca civica “A. Arduino” e il Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis di Torino. Per aprire nuovi “Sguardi”, volti ad approfondire i temi per “scrivere” una Storia della Città.

Mercoledì 6 giugno 2018 ore 17,30

Biblioteca civica “A. Arduino” – Via Cavour, 31 – Moncalieri

Saluto dell’Assessore alla Cultura Città di Moncalieri Laura Pompeo 

Gustavo Mola di Nomaglio

Regole ferree, vita dura, futuro grande

     Il Real Collegio Carlo Alberto, i Barnabiti e la formazione dei ceti dirigenti tra antico regime ed età contemporanea

coordinamento Albina Malerba

 

Tra le eccellenze che hanno reso celebre il nome di Moncalieri, non solo in Italia, ebbe un ruolo speciale il Real Collegio Carlo Alberto, fondato nel 1838 per volere del sovrano al nome del quale fu dedicato. Il Collegio retto dai Padri Barnabiti fu un polo d’attrazione che per oltre un secolo fece di Moncalieri la sede dei giovani appartenenti a molte tra le più importanti famiglie della nobiltà e dell’alta borghesia italiana e di alcune note famiglie straniere. Al contrario della vulgata secondo cui i nobili vivevano tra agi e mollezze, la formazione e l’impegno richiesti agli allievi erano durissimi. Se ne parlerà durante l’incontro, anche analizzando regolamenti, programmi di studio, testimonianze inedite. Grazie a una formazione culturale e morale eccellente, uomini dal carattere temprato senza troppi complimenti furono presto pronti, per le sfide a cui il Piemonte e l’Italia si stavano preparando. Alle porte vi erano il Risorgimento, la conquista dell’unità e della libertà sotto la guida del Piemonte e la successiva forte crescita del paese, destinato a divenire ben presto una delle maggiori potenze mondiali (oggi troppo sottovalutata). L’inserimento “automatico” degli allievi in un fitto ed esteso reticolo di relazioni sociali contribuì non solo alla loro personale affermazione ma anche a creare una classe dirigente coesa e capace di lavorare con spirito di squadra e di servizio per l’affermazione e benessere della nazione. Lo spirito di sacrificio trasmesso agli allievi non fu meno vivo: tra essi si contarono, nelle guerre che l’Italia dovette sostenere, numerosi caduti, feriti e decorati al Valor Militare. Il loro nome e vicende, soprattutto nel momento in cui ci si avvia alla conclusione delle celebrazioni centenarie della prima guerra mondiale, non potrebbe non essere oggetto di rievocazioni e di un ricordo.

 

Una gentildonna del ‘700  fra Torino e l’Europa

Lunedì 4 giugno, ore 18

Incontro con  Giusi Audiberti

autrice del libro

Angelica alla Corte dei Savoia

Memorie di una gentildonna del ‘700  fra Torino e l’Europa

Neos Edizioni/storia

Letture di Paola Roman

 

Un viaggio nei ricordi della contessa Angelica Kottulinsky, dama d’onore della principessa Vittoria di Savoia Soissons fra Vienna e Torino. Il racconto di viaggio di una giovane donna e l’intenso romanzo della sua vita verso la maturità: su questi due assi muovono le memorie di Angelica Kottulinsky, pubblicate nel 1776 ad Augusta, con il titolo La Destinée, libro oggi reperibile solo in pochissime biblioteche europee. Giusi Audiberti ricostruisce e parafrasa i diari di Angelica. Così da una parte ci restituisce una preziosa memoria filtrata attraverso l’interpretazione di una nobiltà che non ha ancora vissuto la Rivoluzione francese; dall’altra ci coinvolge nella storia di una donna energica e coraggiosa, acuta osservatrice che si sa giostrare con grazia e savoir-faire nelle diverse Corti europee.

Giusi Audiberti, torinese, laureata in Lettere a indirizzo storico, ha insegnato nei licei e tiene oggi un corso di Storia all’Unitre di Torino. Ha pubblicato tra l’altro, con Neos Edizioni, Colombina d’amore e le sue sorelle (2004); Il fiore del lino (2008)e  sempre per Neos ha curato le antologie storiche C’era una volta il Settecento (2009) e C’era una volta l’Ottocento(2012.

La conferenza può essere seguita sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi

Briciole di nobiltà a Buttigliera Alta

sabato 2 giugno, alle 17

Buttigliera Alta

Villa San Tommaso (Via S. Tommaso 9)

Briciole di nobiltà

rievocazione storica con degustazione di eccellenze piemontesi

 

Da Anna Maria d’Orléans a Clementina Carron di San Tommaso, a cura di Maria Teresa Reineri e Manuela Massola

Presentazione de Il grande libro della cucina piemontese, di Elma Schena e Adriano Ravera

Degustazione di eccellenze enogastronomiche

Scarica l’invito

E’ gradita la prenotazione: 333/7766962 ilfilodellamemoria18323@gmail.com

Partecipazione ad offerta libera, a favore di progetti per la cura dell’Alzheimer presso CSDA Villa San Tommaso

 

Menu e ricette a Piovà Massaia

A Piovà Massaia

 nella sede dell’Associazione fra’ Guglielmo Massaia

Piazza don Borio, 1

il 2 e 3 giugno

è allestita la mostra

Un viaggio nel tempo fra menu, ricette e tavole imbandite

 

Il catalogo è a cura di Paolo Lupo, con le fotografie di Gilio Moiso

La mostra potrà essere visitata fino al 30 settembre prenotando al 349/4501408

 

Croati in Piemonte

Lunedì 28 maggio, ore 18

Gustavo Mola di Nomaglio

e l’Autore Luca Guglielmino

dialogano intorno al libro

Croati a Torino e in Piemonte

Interverrà la Console Generale della Repubblica di Croazia Iva Pavić

 …una storia della presenza dei croati in Piemonte, e in particolare a Torino, a partire dal XVII secolo fino ai giorni nostri. Nel Seicento parecchi croati furono in Piemonte per la loro attività di mercenari […]. Un militare di spicco fu Josip Filip Vukasovic che a Dego l’11 aprile 1796 comandava un reggimento austriaco e poi partecipò alla presa di Torino (cacciando i francesi) nel maggio-giugno dello stesso anno. Ma non solo militari: nel 1673 alla Venaria Reale venne rappresentata l’Atalanta per la presentazione in società del piccolo Vittorio Amedeo II; la musica era di Giovanni Sebenico (1640-1705), maestro di cappella a Torino fino al 1690. Nell’Ottocento sono soprattutto esuli coinvolti nei movimenti indipendentistici europei a far tappa a Torino; l’A. ricorda Eugen Kvaternik […].Varie pagine sono dedicate a Nicolò Tommaseo «un dalmata per metà croato e per metà italiano, anche se propriamente non fu né l’uno né l’altro» (p. 40) e a Pier Alessandro Paravia, professore di eloquenza a Torino che, nato a Zara, fu costantemente legato alla città natale […]. Per il Novecento viene ricordato il capo del movimento ustascia Ante Pavelić […]. Oltre ai personaggi noti sono stati a Torino molti «croati minori o della quotidianità»; così troviamo dati statistici sui residenti attuali. Ma non si manca di ricordare quei croati che sono stati in Piemonte per la loro attività, anche solo di passaggio; per fare un nome, il direttore d’orchestra e compositore Lovro von Matačić (1899-1985), a Torino negli anni 70. Il libro, che affronta l’argomento in maniera pionieristica, apre la prospettiva di nuovi approfondimenti [dalla recensione di M. Chiesa in “Studi Piemontesi”, 2, 2017].

La conferenza può essere seguita sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi

 

I luoghi del fiammingo: il Sacro Monte di Crea

Sabato 26 maggio 2018

Sacro Monte di Crea

Visita e presentazione del volume

di Graziella Riviera

La strada del Fiammingo

Dal Brabante al Monferrato: i Tabachetti di Fiandra

Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis

 

Programma:

Ore 15,30  Visita guidata Cappelle del Sacro Monte di Crea accompagnati dal Direttore Ente di Gestione dei Sacri Monti del Piemonte  Elena De Filippis

Ore 17  Auditorium S. Giuseppe Sacro Monte di Crea:

Saluti di Mons. Francesco Mancinelli Rettore Santuario Madonna di Crea – Vice Presidente Ente Gestione Sacri Monti del Piemonte

Introduzione di Renata LodarPresidente Ente Gestione Sacri Monti del Piemonte

Con l’Autrice intervengono

Giuseppe Pichetto Presidente Centro Studi Piemontesi

Dionigi Roggero Scrittore, Capo Delegazione Fai Casale Monferrato

Letture di Laura Cavigliasso

Coordina Albina Malerba

 

 

Dinant-sur-Meuse, 8 luglio 1587. Orfano e privo di mezzi, ricco solo di talento e di tenacia, Jean de Wespin detto Tabaguet lascia a vent’anni il natìo Brabante per imboccare la strada che porta a sud, verso le Alpi e l’Italia. È l’inizio di una lunga avventura che dalle rive della Mosa lo condurrà al Po, al Monferrato e alla Valsesia, fino a Varallo e a Crea, dove più tardi lo raggiungerà il fratello Nicolas. Lassù il giovane si rivelerà presto come uno dei più significativi artisti dei Sacri Monti piemontesi fra Cinque e Seicento. Ma prima dovrà superare drammi familiari, guerre e malattie, e soprattutto affrontare la sfida più importante, quella per ottenere la vittoria contro se stesso e l’amore pieno della sua donna.

Costruita sulle basi di una rigorosa documentazione storica, ma raccontata con i criteri della narrazione romanzesca, la vicenda si muove dai capolavori della scultura mosana e della pittura fiamminga al fervore artistico promosso dalla Chiesa della Controriforma in Piemonte e Lombardia; dalle grandi processioni figurate dei Paesi Bassi ai nuovi itinerari di cappelle sulle boscose colline nostrane, affollate di gruppi statuari evocatori dei Misteri del Rosario e della Passione di Cristo.

I due fratelli protagonisti, conosciuti in Italia come Giovanni e Nicola Tabachetti, attraversano le guerre di Fiandra e del Monferrato, vivono assedi, epidemie, conflitti religiosi. Nel loro percorso, fra realtà e immaginazione, incontrano la regina Margot di Navarra, sfiorano la visita a Varallo di Carlo Emanuele I di Savoia con l’Infanta Catalina Micaela e il viaggio nuziale sul Po della loro figlia Margherita, sposa di Francesco Gonzaga di Mantova.

Dai traffici internazionali del porto di Anversa ai microcosmi vivaci e laboriosi di Crea e Varallo, Moncalvo e Casale, Salabue, Forneglio, Costigliole d’Asti: Jean e Nicolas firmano contratti con Priori e canonici, si immergono nella vita quotidiana di cantieri e mercati, infondono nelle loro composizioni di argilla un’originale vena nordica, drammatica ed emozionante.

Li accompagna in controluce la figurina svelta e vivace della piccola Theodora Caccia, figlia del pittore Guglielmo e sensibile interprete, come il padre, della fede del territorio. Sullo sfondo la presenza costante del Gran Teatro dei Sacri Monti, spettacolare pietrificato scenario di devozione subalpina; respiro potente di sacralità mistica e misteriosa.

“La vicenda – scrive l’autrice – è nota agli studiosi ma sconosciuta al grande pubblico. Ho pensato valesse la pena di raccontarla, immergendola nel suo tempo e nei suoi paesaggi”.

 

Graziella Riviera: Torinese di radici monferrine ha lavorato alla RAI come autrice e regista realizzando numerosi programmi televisivi e radiofonici: fra questi i telefilm Lunedì dell’Angelo; Un sogno a Colonia, in collaborazione con la WDR; gli sceneggiati Guido Gozzano; La Signora dei Misteri (Carolina Invernizio); e il pluriennale programma in diretta Colloqui per RadioDue.  In qualità di giornalista ha curato servizi di arte, musica e spettacoli per il settore Cultura del TGR Piemonte, collaborando con le testate nazionali e le trasmissioni Bellitalia e TG Leonardo. Appassionata di storia e folklore, continua ricerche e studi sul territorio.

 

 

 

 

 

CENTRO STUDI PIEMONTESI

Tel: 011 537486

info@studipiemontesi.it. www.studipiemontesi.it