Archivi categoria: Eventi del Centro Studi

Na lòsna an fior/Un lampo in fiore

Nel nostro tradizionale calendario de “I colloqui del lunedì” della primavera 2020 – tutti tristemente rinviati per i motivi che ben conosciamo – il 6 aprile era in programma la presentazione del libro pubblicato nella collana di Letteratura piemontese moderna n. 22 del Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis

Na lòsna an fior

Poesie in lingua piemontese di Gianrenzo P. Clivio

 a cura di Albina Malerba e Dario Pasero

Versione in lingua inglese di Celestino De Iuliis

Prefazione di Giovanni Tesio

 Il volumetto raccoglie le poesie in lingua piemontese di Gianrenzo P. Clivio (Torino 1942-Toronto 2006), accompagnate dalla traduzione in italiano e in inglese.

Filologo, Professore all’Università di Toronto, tra i fondatori del Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, autore di molti studi su temi di linguistica e letteratura piemontese, Clivio è stato anche poeta per un breve segmento della sua vita, forma letteraria in cui amava utilizzare anche termini ed espressioni del piemontese antico, ormai in disuso nel XX secolo. I testi sono collocati secondo la cronologia della loro edizione nelle varie riviste che li hanno ospitati, mantenendone la grafia, peraltro perfettamente aderente alla “Pacotto-Viglongo”, al cui perfezionamento lui stesso aveva collaborato negli anni Settanta. “Tutt’altro che un esercizio a latere – scrive Giovanni Tesio nella Prefazione – è la poesia di Gianrenzo P. Clivio. Non numerosa, no, ma solida e profonda, sicuramente lirica, tendenzialmente poematica, ossia non frammentistica, e meno che mai frammentaria. Clivio porta nella sua poesia la sua passione di studioso…”.   Il libro, pubblicato nella ricorrenza dei cinquant’anni di fondazione della Ca dë Studi Piemontèis, vuole essere una testimonianza di gratitudine, di affetto, di continuità. “Le paròle ‘d poesìa sono la pera ch’a dura e nel ricordo di rinnova”.

Proseguendo nel percorso della nostra piccola antologia di poesie in piemontese, tratta da Na lòsna an fior, proponiamo la poesia

Ant j’ore

di Gianrenzo P. Clivio

Ant j’ore ch’a men-o an tormenta l’arbeuj ëd la vita,

la scòrsa dura dël nòst cheur a smija che a casca

com un ariss antorn a na castagna mura:

e a no parëss antlora che ant l’aria diversa

d’un mond sensa pressa

a canta e a piora mës-cià për mascarìa

tuta la gòj e tut ël mal dla vita,

tuta la blëssa ’d n’aragnà ‘nt ël sol,

tut lë sgiaj ëd na lòdola

sfrisà al vòle da na reusa ‘d piomb.

(1968)

Nelle ore. Nelle ore che trasformano in tormenta il ribollire della vita,/ la scorza dura del nostro cuore sembra che cada/ come un riccio intorno ad una castagna matura:/ e ci sembra allora che nell’aria diversa/ di un mondo senza fretta/canti e pianga mescolandoli per stregoneria/ tutta la felicità e tutto il male della vita,/ tutta la bellezza di una ragnatela nel sole,/ tutto il ribrezzo di una allodola/ fatta a pezzi al volo da una rosa di piombo.

In the Hours. In the hours that transform into a tempest the bustle of life,/ the hard rind of our hearts seems to fall/ like a husk around a ripe chestnut:/ then it seems to us that in the different air/ of an unhurried world/ there sings and weeps, mingling them through magic,/ all the happiness and all the evil of life,/ all the beauty of a spider’s web in the sunlight,/ all the horror of a skylark/ shredded in mid-flight by a spray of lead.

LUNA DI MARZO

La Luna

Il 24 marzo arriverà la luna nuova: luna di marzo.

Molte sono le credenze legate alla luna.

In campagna tenevano in conto la luna per seminare: con la luna nuova, durante il primo quarto, non si deve seminare altrimenti le piantine cresceranno solo in altezza, ma non saranno fruttuose. Si semina di luna calante. La luna diventerà “buona” dopo otto giorni, cioè dopo il primo quarto. C’è chi dice che trascorso il venerdì (“passatole il venerdì sopra”) allora la luna diventa buona anche se fosse venuta al giovedì (cioè il giorno prima). Con la luna nuova non si deve tagliare la legna, altrimenti tarla. Per lo stesso motivo anche la tela non si deve tagliare di luna nuova. Il bucato delle lenzuola (che una volta si faceva con acqua bollente e cenere) non si doveva fare di luna nuova, altrimenti non risultavano candide.

Se si taglia il fieno di luna nuova ammuffirà.

La luna nuova è soltanto adatta per i raccolti.

Se la luna viene con la pioggia, vuol dire che avremo brutto tempo.

E così via….

Degli effetti della Luna sulle attività umane ne ha scritto Cesare Pavese ne Il mestiere di vivere:

1 luglio 1942

E sempre Pavese ne La luna e i falò, capitolo nono: “…Allora credi anche nella luna? – La luna, – disse Nuto, – bisogna crederci per forza. Prova a tagliare a luna piena un pino, te lo mangiano i vermi. Una tina la devi lavare quando la luna è giovane. Perfino gli innesti, se non si fanno ai primi giorni della luna, non attaccano. Allora gli dissi che nel mondo ne avevo sentite di storie, ma le più grosse erano queste. Era inutile che trovasse tanto da dire sul governo e sui discorsi dei preti se poi credeva a queste superstizioni come i vecchi di sua nonna. E fu allora che Nuto calmo calmo mi disse che superstizione è soltanto quella che fa del male, e se uno adoperasse la luna e i falò per derubare i contadini e tenerli all’oscuro, allora sarebbe lui l’ignorante e bisognerebbe fucilarlo in piazza. Ma prima di parlare dovevo ridiventare campagnolo. Un vecchio come il Valino non saprà nient’altro ma la terra la conosceva”

LA Consolà di Nino costa

Nino Costa (Torino, 28 giugno 1886 – 5 novembre 1945)

Punto di transizione tra due età, raccoglie l’eredità poetica del passato, ma la vivifica con moderna sensibilità dando voce alle memorie, alle tradizioni, alla civiltà del Piemonte, e inaugura una nuova stagione della poesia piemontese, sulla quale si innesta l’opera di Pinin Pacòt.

La Consolà

A randa dij rastei dla Tor roman-a

-ultim avans d’un’epoca dëstissa –

con n’aria ‘d serietà tuta nostran-a

la Consolà l’é lì: bassa e massissa:

sensa spatuss: come na brava mare

ch’a l’ha ‘d fastidi gròss për la famija

e a ten da cont le soe memòrie care,

ma veul nen esse ‘d pì che lòn ch’a sia.

Davanti a chila j’é ‘d masnà ch’a coro,

d’ovriere ch’a passo e ‘d sartoirëtte;

pòver ch’a ciamo; preive ch’a dëscoro,

e le veje ch’a vendo le candlëtte.

Sò cioché, lì davsin, – ombra severa

dle glòrie dle passion d’un’autra età –

ch’a l’ha goernà la Cros e la bandiera,

fedel come ‘n tropié dij temp passà,

adess ch’a l’è vnù vej, tut-un a manda

dsora dël mond ël son dle soe campan-e

come na vos ch’a prega e as racomanda

për tute quante le miserie uman-e,

e sla piassëtta, con sò cit an brass,

la Madonin-a bianca sla colòna,

goardand an giù la gent ch’a fa ‘d fracass

a l’ha ‘n soris da mama e da Madòna.

Ma pen-a intrà ‘nt la bela cesa, as resta

come sesì da ‘n sens ëd confussion:

n’odor d’incens e ‘d fior ch’a dà a la testa,

n’aria ‘d lusso, ‘d misteri e ‘d divossion.

As torna sente an fond a la cossiensa –

për tant si pòch che la superbia an chita –

ch’a j’é quaidun pì ‘n su dla nòstra siensa

ch’a j’é quaicòs pì ‘n su dla nòstra vita.

Is ricordoma ‘l nòstr bel temp lontan

quand ch’a në mnavo sì a benedission,

che nòsta mama a në tnisìa për man

e, sotvos, an fasìa dì j’orassion,

e come ‘nlora, ‘nt la capela sombra

lagiù, lagiù, trames a doi ciairin

në smija ch’as senta ciusioné, da ‘nt l’ombra,

le doe regin-e anginojà davsin.

Oh! Come a resto le memòrie fisse

dj’impression e dij seugn dla prima età!

J’é tante fiame ch’a son già dëstisse,

ma col ciairin, lagiù ‘s dëstissa pà.

E parèj dël gognin ch’a së strensìa

tacà la mama – pià da sburdiment –

e a spalancava j’euj quand ch’a vëdìa

la Madòna vestìa d’òr e d’argent

l’òm d’adess, ch’ a l’é franch e dësgenà,

a goarda con l’antica meravìa

le richësse e ij tesòr dla gran sità

posà davanti a l’umiltà ‘d Maria.

Ma ‘l cheur dla pòvra gent faita a la bon-a,

dle coefe ‘d lan-a e dij paltò ‘d coton

ch’a diso da stërmà la soa coron-a

e, quand ch’a prego, a prego ‘nt ij canton,

a l’é nen sì; l’é là ‘nt ij coridor

sota le vòlte freide e patanuve,

l’é sle muraje sensa gnun color

trames ai “vot” dle grassie ricevuve.

Pòvri quadret dla pòvera galeria!

stòrie ‘d maleur, d’afann e dë spavent

ch’ i seve brut e pien ëd poesìa

ch’i seve gòff e pien ëd sentiment,

sota le vòstre plancie primitive,

j’é pì ‘d bon sens che drinta ij lìber gròss

j’é la speransa ch’an dà fòrsa a vive

fin ch’i restoma su cost mond balòss.

Ave Maria… quand che nòst cheur at ciama

e ij sangiut a fan grop drinta la gola,

ti, Madòna ‘d Turin, parèj ‘d na mama

it ses cola ch’an pasia e ch’an consola.

Tuti i vnoma da ti – pòver e sgnor,

ignorant e sapient, giovnòt e vej –

quand che l’ombra dla mòrt ò dël dolor

an fa torné, për un moment, fratej.

It mostroma, an puiorand, le nòstre cros,

it contoma ij maleur dle nòstre ca

për chi t’an giute con tò cheur pietos,

ò Vergine Maria dla Consolà.

E ti, Madòna, stèila dla matin,

confòrt ai disperà, mare ‘d Nosgnor

t’i-j das a tuti na fërvaja ‘d bin

na spluva dë speransa e ‘n pòch d’amor.

A treuvo ajut an ti, quand ch’a t’invòco

-con le lagrime a j’euj, sensa impostura –

tant la paisan-a ch’a rabasta ij sòco,

come la sgnora ch’a ven sì ‘n vitura.

A s’inginojo sì, sl’istessa banca,

e t’i-j goarde con l’istess sorìs

la “monigheta” con la scufia bianca,

e la “còcòtte” con jë scarpin ëd vernis,

e as racomando a ti ‘nt’j’ore ‘d tempesta

-quand che la ciòca dël maleur a son-a –

la verdurera con la siarpa ‘n testa

e la regin-a con la soa coron-a.

Ave Maria…da le ciaborne veje

ch’a saro le Ca neire e ‘l Borgh djë strass,

dai bej palass ch’a goardo ‘nvers le leje,

da ‘n Valdòch, dal Seraglio e dai Molass;

dal Borgh ëd Pò fin-a a le Basse ‘d Dòra,

da la Crosëtta al parch dël Valentin

j’é tut Turin ch’a prega e ch’a t’adòra

j’é tut Turin ch’at conta ij sò sagrin…

O protretris dla nòsta antica rassa,

cudiss-ne ti, fin che la mòrt an pija:

come l’acqua d’un fium la vita a passa

ma ti, Madòna, it reste…Ave Maria.

La Consolata. Accanto ai cancelli della Torre romana/ – ultimo resto di un’epoca spenta – /con un’aria di serietà tutta nostrana/ la Consolata è lì: bassa e massiccia:// senza sfarzo: come una buona mamma/ che ha grossi problemi per la famiglia/ e tiene con cura le sue memorie care,/ ma non vuole essere più di quel che è.// Davanti ci sono bambini che corrono,/ operaie che passano e sartine;/ poveri che chiedono l’elemosina; preti che discorrono,/ e le vecchie che vendono le candelette.// Il suo campanile, lì vicino, – ombra severa/ delle glorie delle passioni di un’altra età -/ che ha custodito la Croce e la bandiera,/ fedele come un soldato dei tempi passati, [il Campanile della Consolata era una delle sette torri che anticamente proteggevano la città]// adesso che è diventato vecchio, manda tuttavia/ sopra il mondo  il suono delle sue campane/ come una voce che prega e si raccomanda/ per tutte quante le miserie umane,// e sulla piazzetta, con il suo piccolo in braccio,/ la Madonnina bianca sulla colonna, /guardando giù la gente che fa baccano,/ ha un sorriso di mamma e di Madonna.// Ma appena entrati nella bella chiesa, si resta/ come frastornati da un senso di confusione:/un odore di incenso e di fiori che dà alla testa,/ un’aria di lusso, di mistero e di devozione.// Si sente dinuovo in fondo alla coscienza – / per poco che la superbia ci abbandoni – / che c’è qualcuno più in su del nostro sapere/ che c’è qualcuno più in su della nostra vita.// Ci ricordiamo del nostro bel tempo lontano/ quando ci portavano qui a benedizione,/ e la nostra mamma ci teneva per mano/ e, sottovoce, ci faceva dire le preghiere,// e, come allora, nella cappella buia/ – laggiù, laggiù – tra due lumini – // ci pare si senta bisbigliare, nell’ombra, / le due regione inginocchiate accanto.// Oh! Come restano le memorie impresse/ delle sensazioni e dei sogni della prima età!/ Molte fiamme sono già spente,/ ma quel lumino, laggiù, laggiù, non si spegne.// E come il bambinetto che si stringeva/ accanto alla mamma – preso da spavento – / e sgranava gli occhi quando vedeva / la Madonna vestita d’oro e d’argento// l’uomo di oggi, che è sicuro e disinvolto,/ guarda con l’antico stupore/ le ricchezze e i tesori della gran città/ posati davanti all’umiltà di Maria.// Ma il cuore della povera gente fatta alla buona/ dai veli di lana e dai cappotti di cotone / che recitano di nascosto il rosario/ e, quando pregano, pregano negli angoli,// non è qui; è là nei corridoi/ sotto le volte fredde e nude,/ è sui muri senza nessun colore / tra gli ex-voto delle grazie ricevute.// Povere tavolette della povera galleria!/ storie di disgrazie, d’affanni e di paure/ che siete brutti e colmi di poesia/ che siete goffi e colmi di sentimento,// sotto le vostre tele primitive,/ c’è più buon senso che sui grandi libri/ c’è la speranza che ci dà la forza di vivere/ fin che restiamo su questo mondo birbante.// Ave Maria… quando il nostro cuore ti chiama/ e i singhiozzi fanno nodo in gola,/ tu, Madonna di Torino, come una mamma/ sei quella che ci calma e ci consola.// Tutti veniamo a te – poveri e signori,/ ignoranti e sapienti, giovani e vecchi – quando l’ombra della morte o del dolore / ci fa tornare, per un momento, fratelli.// Ti mostriamo, piangendo, le nostre croci, / raccontiamo a te le sfortune delle nostre case/ perché tu ci aiuti con il tuo cuore pietoso,/ o Vergine Maria della Consolata.// E tu Madonna, stella del mattino,/ conforto ai disperati, mamma del Signore/ dai a tutti una briciola di bene / una scintilla di speranza e un po’ d’amore.// Trovano aiuto in te, quando t’invocano/ – con le lacrime agli occhi, senza inganno – / tanto la contadina che trascina gli zoccoli, / come la signora che viene qui in carrozza.// Si inginocchiano qui, sullo stesso banco,/ e tu le guardi con lo stesso sorriso / la monachina con la cuffia bianca, / e la cocotte con le scarpette di vernice, // e si raccomandano a te nelle ore di tempesta – quando la campana della sfortuna suona – / la venditrice d’ortaggi con la sciarpa in testa / e la regina con la sua corona. / Ave Maria…dai vecchi tuguri / che cingono le Case nere e il Borgo degli stracci,/ dai bei palazzi che si affacciano sui viali,/ da in Valdocco, dal Serraglio e dai Molassi;// dal Borgo di Po fino alle Basse di Dora, /dalla Crocetta al parco del Valentino /c’è tutta Torino che ti prega e che ti adora, / c’è tutta Torino che ti confida le sue pene…// O Patrona della nostra antica stirpe/ abbi Tu cura di noi, fin che la morte ci colga: / come l’acqua di un fiume la vita passa, / ma tu, Madonna, resti…Ave Maria.

Volendo far tesoro di questi giorni che passiamo nel silenzio delle nostre case, abbiamo pensato di condividere una piccola antologia di poesie in piemontese.

Una scorribanda nelle diverse epoche e voci, cogliendo fior da fiore i versi che più ci pare possano trasmetterci serenità.

Armando Mottura (Torino, 22 agosto 1905 – 29 ottobre 1976). Tra i fondatori con Pinin Pacòt, Renato Bertolotto, Alfredo Nicola, Camillo Brero, Attilio Spaldo e altri scrittori e poeti piemontesi, della Companìa dij Brandé. [vedi notizie in Poeti in piemontese del Novecento, a cura di Giovanni Tesio e Albina Malerba, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1990]

Nen ëd richëssa…

Nen ëd richëssa o ‘d glòria,

ma un cantonin ëd pas,

sensa passà né stòria;

un cantonin ëd pas,

lontan da la baraca,

fàit për podèj sugné,

dove la testa straca

i peussa riposé.

Una casòta bianca

ch’a guarda un tochèt d’èira;

na tòpia, un fi, na banca,

un pugn ëd tèra nèira

ch’i peussa coltivé;

e tante reuse rosse,

tomàtiche, pensé,

na fila giàuna ‘d cosse,

povron, e magioran-a

vzin a la trasparenta

eva d’una fontan-a

petégola e rijenta.

Avèj un bel cagnass

Ch’a bàula e a mostra ij dent,

al pì leger dij pass,

a l’avziné dl agent.

E peui una fomnin-a

ch’am ciama da la fnestra,

quand ch’a l’é ora ‘d sin-a;

e che mangiand la mnestra,

am parla dla sartòira,

dij pòis ch’i cujeroma,

dij crussi dl’arvendiòira,

dij cit ch’i compreroma….

e che setà dvzin,

godendse nòst bel nì,

am parla ‘d nòstra bin

ch’a finirà mai pì!

Vive la poesìa,

tenla stërmà ‘jnt ël cheur

guardé che ‘l bel a sia

nel mës-cià al maleur.

La mia casòta bianca,

col tòch ëd tèra nèira,

la tòpia, ‘l fi, na banca,

la fontanin-a, l’èira,

la vos ëd mia fomnin-a,

la fila giàuna ‘d cosse,

ij përro, la galin-a…

e tante resue rosse!

(1928)

Non ricchezza…. Non ricchezza, o gloria,/ ma un angolo di pace,/senza passato né storia;/ un angolo di pace,//lontano dalla baracca,/ fatto per poter sognare,/dove la testa stanca/ possa riposare.// Una casetta bianca/ affacciata su un pezzo d’aia;/ un pergolato, un fico, una panca,/ un pugno di terra nera// che possa coltivare;/ e tante rose rosse,/ pomodori, viole del pensiero, / una fila gialla di zucche,/ peperoni e maggiorana/ vicino all’acqua trasparente/di una fontana/ pettegola e ridente.// Avere un bel cagnaccio/ che abbia e mostra i denti,/ al più leggero dei passi,/ all’avvicinarsi della gente,// E poi una donnina/ che mi chiama dalla finestra,/ quando è ora di cena;/ e che mangiando la minestra,/ mi parla della sarta,/ dei piselli che raccoglieremo,/ dei crucci della commessa,/ dei bimbi che nasceranno…// e che seduti vicino,/ godendoci il nostro bel nido, /mi parli del nostro amore/ che non finirà mai!// Vivere la poesia,/ tenerla nel cuore/ stare attenti che il bello non sia/mescolato alla sfortuna.// La mia casetta bianca,/ quel pezzo di terra nera, il pergolato, il fico, una panca, la fontanella, l’aia// la voce della mia donnina,/ la fila gialla di zucche,/ i conigli, la gallina../ e tante rose rosse!.

incontro annullato

Lunedì 9 marzo 2020 ore 18

I novant’anni della Società per gli Studi Storici di Cuneo

Intervengono

Rinaldo Comba, Presidente Società per gli Studi Storici, Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo

Alessandro Crosetti, Università di Torino

Emanuele Forzinetti, Curatore del numero speciale del “Bollettino”

Per celebrare i 90 anni di vita, la Società per gli Studi Storici, Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo ha pubblicato un numero speciale del “Bollettino” che ricorda Le origini della Società, i Protagonisti, con schede biografiche dei Presidenti che si sono succeduti (da Luigi Burgo a Piero Camilla) e degli esponenti del Direttivo; i sommari dei  “Bollettini” dal n. 1 del 1929 al n. 160 del 2019; l’elenco delle pubblicazioni realizzate, l’elenco degli autori e degli argomenti trattati. Il numero “è stato pensato – scrive il Presidente Rinaldo Comba – come uno strumento di lavoro indispensabile e cioè come repertorio bibliografico e tematico di tutta la produzione storiografica sviluppatasi, durante quasi un secolo, in seno al sodalizio”.

L’incontro è annullato a seguito del decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Ultime notizie dalla Ca dë Studi Piemontèis

Le iniziative per il 50° di Fondazione, tutte molto seguite ed apprezzate, hanno contribuito a imprimere nuovo vigore all’attività che ogni anno il Centro Studi Piemontesi mette in campo sia per le iniziative editoriali, sia come  «socializzazione» dei saperi, con presenze su tutto il territorio regionale (e non solo) nell’ottica dell’apertura, della condivisione e della conoscenza come unici fattori di conservazione e di tutela del patrimonio materiale e immateriale di una comunità.

La sede, che è stata totalmente ristrutturata per ricavare il locale Archivio e per la sistemazione della Biblioteca Storica, sarà ancora oggetto nel corso del 2020 di alcuni lavori per le strutture che accolgono la Biblioteca e per cablatura in fibra della rete internet onde potenziare le strutture operative dell’ufficio e consentire agli ospiti e agli utenti di usufrire di una rete wi fi dedicata.

Preceduti da alcune conferenze programmate in sede, il 9 marzo prenderanno avvio i “Colloqui del Lunedì”, con appuntamenti fino a giugno. .Le conferenze in sede saranno trasmesse in differita sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi. Tutte le iniziative saranno come sempre annunciate in dettaglio sul sito che, entro la primavera sarà totalmente rinnovato. Dal nuovo sito sarà possibile effettuare il pagamento delle quote associative, effettuare donazioni; e sarà integrato un ambiente e-commerce tramite il quale saranno messi in vendita i titoli del catalogo del Centro Studi Piemontesi. Saranno inoltre disponibili in open access le annate di “Studi Piemontesi” dal 1972 al 1989, così da aprire un volano di utilizzo che possa incrementare la diffusione della rivista e acquisire anche nuovi collaboratori internazionali.

 Il numero di giugno 2020 di “Studi Piemontesi” è in preparazione. In questi mesi sono stati pubblicati i volumi:

9 marzo 1946. L’audizione di Camillo Venesio, Amministratore delegato della Banca Anonima di Credito-Torino, alla Commissione Economica del Ministero per la Costituente, prefazione di Antonio Patuelli. Pagg. 46. ISBN 978-88-8262-293-0

Il Castello di Moncalieri. Una presenza sabauda fra Corte e Città, in collaborazione con la Città di Moncalieri, a cura di Maria Carla Visconti, Andrea Merlotti, Gustavo Mola di Nomaglio, Albina Malerba. Pagg. XIV-424. ISBN 9788882622923 – DOI 10.26344/CSP.CC19.

 Gianrenzo P. Clivio, Na lòsna an fior. Poesie in lingua piemontese, a cura di Dario Pasero e Albina Malerba, versione in lingua inglese di Celestino De Iuliis, prefazione di Giovanni Tesio, Collana di Letteratura Piemontese Moderna 22.  Pagg. XVI-94. ISBN 978-88-8262-294-7

Ristampa del volume (prima edizione 2016):Teofilo Rossi. Il Sindaco di Torino della Grande Esposizione, a cura di Tomaso Ricardi di Netro. Pagg. 160. ISBN 978888262247.

Paolo Bagnoli, Il futuro di Piero Gobetti. Scritti storico-critici. Pagg. 216. ISBN 78- 88- 8262- 296- 1

La pubblicazione del Catalogo ragionato e illustrato delle edizioni realizzate dal 1969 al 2020, compresi i Sommari di Studi Piemontesi e dei Quaderni di Bibliofilia, sarà pubblicato per il Salone Internazionale del Libro di Torino (Lingotto Fiere 14-18 maggio 2020).

Il Centro Studi Piemontesi ha aderito al Comitato Promotore per il Bicentenario della nascita di Vittorio Emanuele II (presieduto da Gustavo Mola di Nomaglio) costituito a Torino con l’obiettivo di realizzare direttamente e di stimolare, raccogliere, pubblicizzare iniziative finalizzate a ricordare il primo re dell’Italia unita.  Tutte le iniziative che saranno messe in programma da differenti soggetti saranno inserite in un calendario collettivo che sarà diffuso ampiamente. I primi appuntamenti che coinvolgono direttamente il Centro Studi Piemontesi sono previsti all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, il 14 marzo alle 11.00; e poi alla sera nel Castello di Moncalieri per la presentazione del volume edito dal Centro Studi Piemontesi per il Comune di Moncalieri.  Il 17 marzo all’Auditorium Vivaldi della Biblioteca Nazionale Universitaria è in preparazione un Convegno scientifico, a cura di Pierangelo Gentile.

Il Centro Studi Piemontesi  è impegnato con la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, l’ Associazione Amici della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino (ABNUT), il DIST-Politecnico di Torino-Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio, con la collaborazione del Consorzio delle Residenze Reali Sabaude, di Palazzo Madama Museo Civico d’Arte Antica, della Fondazione Ordine Mauriziano e con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo, per la realizzazione della  Mostra dedicata a Filippo Juvarra regista di corti e capitali dalla Sicilia al Piemonte all’Europa, allestita alla Biblioteca Nazionale dal 22 maggio al 18 luglio 2020.

Altre iniziative, manifestazioni, novità editoriali, saranno via via comunicate ai Soci sul sito e via mail (ricordiamo ai Soci che ancora non l’avessero fatto di comunicare la loro mail alla Segreteria).

Ringraziamo i molti Soci che hanno risposto all’appello di Sostegno speciale versando na vòta tant/una tantum € 1.000, o con versamenti di un più alto contributo: una grande incoraggiante manifestazione di stima ed affetto. Ci auguriamo che altri Soci e Amici accolgano l’invito. Si raccomanda ai Soci che ancora non l’avessero fatto di rinnovare la loro adesione per il 2020: la quota associativa ordinaria è ancora sempre di 60 Euro. E ricordiamo con viva gratitudine che oltre all’indispensabile apporto dei Soci

Sede e Biblioteca sono aperte dal lunedì al giovedì 9-12, 15-18; venerdì 9-14. Per ogni informazione 011/537486; info@studipiemontesi.it.

Sostienici. Dona il tuo 5×1000  al Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis C.F.97539510012

Nel ringraziare tutti coloro che hanno rinnovato la loro adesione al Centro Studi Piemontesi, ci permettiamo di sottolineare che anche per il 2020, le Quote Associative sono rimaste invariate: Ordinaria € 60; Benemerita € 120; Consultori € 270; Consultori sostenitori – con diritto a ricevere oltre ai due fascicoli della rivista, tutte le edizioni che il Centro realizza nell’anno – € 520. Sostegno benemerito speciale € 1.000. Le quote possono essere versate direttamente in Segreteria oppure sui c.c. bancari intestati al Centro Studi Piemontesi: INTESA-SANPAOLO (IBAN: IT 84 L030 6909 6061 0000 0116 991); UNICREDIT BANCA (IBAN: IT 83 H 02008 01046 000110049932); BANCA DEL PIEMONTE (IBAN: IT 37 N 03048 01000 000000046333); o sul C.C. POSTALE n. 14695100 di Torino (IBAN: IT 16 R 07601 01000 0000 14695100).

Lunedì 24 febbraio 2020 ore 19

al Centro Studi Piemontesi

Presentazione del libro

9 marzo 1946. L’audizione di Camillo Venesio Amministratore delegato della Banca Anonima di Credito-Torino alla Commissione Economica del Ministero per la Costituente

Prefazione di Antonio Patuelli; edizione Centro Studi Piemontesi

Intervengono

Nerio Nesi, Presidente onorario Fondazione Cavour

Lodovico Passerin d’Entrèves, Consigliere Superiore Banca d’Italia

Antonio Patuelli, Presidente ABI-Associazione Bancaria Italiana

Camillo Venesio, Amministratore Delegato Banca del Piemonte

Conduce Maurizio Molinari, Direttore La Stampa

Nel “quadro di accurata e approfondita pluralista attività preparatoria dell’Assemblea Costituente si inquadra… l’audizione (allora definita impropriamente “interrogatorio”) del banchiere piemontese Camillo Venesio [1900-1983], noto al Comitato di Liberazione Nazionale (che esprimeva i Governi di quell’epoca) anche per gli aiuti che Egli fornì alla Resistenza e alla Liberazione. L’audizione del banchiere Venesio è molto accurata ed echeggia il pensiero e l’opera in particolare di Luigi Einaudi, anch’egli piemontese, che proprio negli stessi mesi guidava la ricostruzione finanziaria e produttiva dell’Italia libera come Governatore della Banca d’Italia. L’audizione del banchiere Venesio contribuì al dibattito culturale, propedeutico alle discussioni alla Costituente e rimane illuminante e attualissima per limpidezza e coerenza dei principi e dei ragionamenti, con un linguaggio al tempo stesso semplice e qualificato. Si tratta di una testimonianza importante e preziosa anche per la meticolosità della preparazione della Carta Costituzionale, la legge fondamentale dell’Italia libera. Quelle consapevolezze culturali, ideali e metodologiche, quella grande serietà e volontà di costruzione di una più matura Democrazia italiana, lontana da settarismi e da miopi interessi di parte, è sempre validissima come indicazione strategica per chi volesse, ora o in futuro, metter mano ad adeguate modifiche di parti della Costituzione della Repubblica” [dalla Prefazione di Antonio Patuelli]

La conferenza potrà essere seguita in differita sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi

Manlio Brosio Ambasciatore e Gentiluomo

Lunedì 20 gennaio 2020 ore 17

presentazione della Biografia di Manlio Brosio

di Ugo G. de Mohr

Ambasciatore e Gentiluomo

Prefazione di Francesco Perfetti

Gangemi Editore, 2019

Introduce Albina Malerba

con l’Autore interviene Massimo de Leonardis dell’Università Cattolica di Milano

Sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi il video della conferenza

Manlio Brosio (Torino, 10 luglio 1897 – 14 marzo 1980). Antifascista già vicino a Gobetti, nell’immediato dopoguerra assume brevi incarichi di Governo come Ministro senza portafoglio, Vice Presidente del Consiglio e Ministro della Guerra, rispettivamente nei Governi Bonomi, Parri e De Gasperi. Accetta la nomina ad Ambasciatore a Mosca, propostagli da Nenni, per la viva curiosità che nutre per un mondo ed un Paese che ha svolto un ruolo determinante nella sconfitta del nazismo. Nella sua lunga esperienza diplomatica di Ambasciatore a Londra (1952-1954), a Washington (1955-1961), a Parigi (1961-1964), e di Segretario Generale della NATO (1964-1971), Mosca è la prima tappa. A Mosca, Brosio deve subito confrontarsi col problema dell’assoluto silenzio osservato dai sovietici sulla sorte degli oltre 60mila militari italiani mancanti all’appello, dopo il rimpatrio nel 1946 di circa 21mila prigionieri. Attorno a tale nodo di capitale importanza, gravitano altri contenziosi, rilevanti per l’estrema gravità degli illeciti internazionali in cui si concretano. Dalla dettagliata ricostruzione della faticosa stagione negoziale attraverso cui Brosio perviene alla liberazione di molti ostaggi, emerge non soltanto la personalità di un capace ed ammirevole servitore dello Stato, ma anche quella di un gentiluomo dalle ineguagliabili doti umane, testimoniate anche dai suoi Diari di Mosca, preziosa fonte rivelatrice di tutto quanto sotteso, alla altrimenti anodina prosa burocratica, in termini di intensa partecipazione umana di questo grande Ambasciatore alla drammatica vicenda dei diplomatici della R.S.I. per lunghi anni languenti nelle galere sovietiche.

Ugo G. de Mohr. Capitano dell’Aeronautica. Diplomatico. Ha maturato per lunghi anni vasta esperienza nel settore della sicurezza, come Capo “Ufficio Controllo Armamenti e Disarmo” del M.A.E.; Primo Consigliere della Rappresentanza d’Italia presso la NATO; Capo “Ufficio NATO” del M.A.E.; Responsabile del servizio “Non Proliferazione” del MAE e Capo delle Delegazioni Interministeriali Italiane nei fori Internazionali deputati al controllo sulle esportazioni dei materiali sensibili, a duplice uso civile e militare. Ha servito come Console d’Italia in Turchia; Vice Rappresentante Permanente d’Italia presso il Consiglio d’Europa; Consigliere ed Incaricato d’Affari in Albania. Ambasciatore d’Italia in Mozambico, Swaziland e Finlandia. 

Studi Piemontesi

E’ uscito il secondo fascicolo 2019 di Studi Piemontesi

«Studi Piemontesi», dicembre 2019, vol. XLVIII, fasc. 2

È Leonardo ad aprire il fascicolo invernale di «Studi Piemontesi», la rivista di storia, arti, lettere e varia umanità pubblicata dal Centro Studi Piemontesi, in distribuzione dalla metà di dicembre: nelle pagine di Chiara Devoti il lettore trova come una guida per comprendere meglio il senso delle mostre torinesi: Leonardo ‘mente politecnica’ e il suo rapporto con il Piemonte; tra i disegni del Codice Atlantico il foglio 563 raffigura il naviglio di Ivrea: ne scrive Maria Vittoria Cattaneo che traccia la storia dell’opera fino all’Ottocento; degli studi su Leonardo di Gustavo Uzielli (1839-1911) scrive Elena Gianasso.

            Anche in questo fascicolo hanno largo spazio le ricerche di storia dell’arte: Walter Canavesio offre un profilo dello scultore Pietro Canonica; Clara Seghesio, sulla base di assonanze stilistiche con dipinti firmati, propone di attribuire al pittore faentino Alessandro Ardente, attivo in Piemonte (morì a Torino nel 1595), l’anonima decollazione del Battista di Borgo San Dalmazzo. Attilio Offman scrive degli stemmi scolpiti nella fortezza di Exilles. Tre saggi riguardano altrettante chiese: Luca Pier Giorgio Isella ricotruisce le vicende che condussero alla costruzione intorno alla metà del Settecento della chiesa di Santa Maria degli Angeli (o della Rocca) in Bra. Lorenzo Mamino studia i disegni di Giovanni Battista Schellino (Dogliani 1818-1905) per la chiesa di San Giovanni Battista, sempre in Bra, come esempio di Eclettismo. Giosuè Pier Carlo Bronzino ricostruisce la storia del santuario della Beata Vergine del Trompone in Moncrivello. Infine Andreina Griseri presenta il libro appena uscito su La Grande Galleria. Spazio del sapere e rappresentazione del mondo nell’età di Carlo Emanuele I e ricorda in particolare le ricerche pionieristiche di Sergio Mamino sull’argomento.

            È ancora un ‘ricordo’, ma nell’ambito della letteratura italiana, quello di Marco Debenedetti dedicato a Nico Orengo, a dieci anni dalla morte. Dall’occasione anniversaria (un secolo dalla nascita) muove anche Giovanni Tesio, ma per tracciare un profilo a tutto tondo di Nuto Revelli. Di due grandi letterati piemontesi tratta il saggio di Maria Rosa Masoero: le tracce che Cesare Pavese ha lasciato delle sue letture di Vittorio Alfieri.

            Ci introduce nella Torino del 1819 l’epistolario della contessa Flore de L’Escarène presentato da Simonetta Tombaccini. Ad un secolo dopo porta Aldo A. Mola con le notizie su alcuni legionari fiumani piemontesi tra D’Annunzio e fascismo (negli anni 1919-1925).

            Vigna, e altri collegati alla viticultura, insieme a Verna (nome piemontese dell’ontano) sono i cognomi schedati nella decima puntata di onomastica piemontese curata da Alda Rossebastiano, Elena Papa, Daniela Cacia. Cep (tiepido) e braghèis (‘di Bra’, usato per designare il peperone quadrato di Carmagnola) sono le voci di cui ricostruisce etimo e storia Giovanni Ronco per la sesta puntata di Lessico piemontese. Ancora in ambito linguistico, Livio Tonso spiega perché si dice Turin e non Torin.

            Chiudono il fascicolo le dense pagine dedicate al «Notiziario bibliografico», allo spoglio delle riviste, all’informazione sull’attività del Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, alle notizie di mostre, convegni e altre iniziative riguardanti la cultura regionale: una miniera.

Abstracts in inglese di tutti i contributi

Comitato Scientifico: Renata Allìo, Alberto Basso, Gilles Bertrand, Mario Chiesa, Gabriele Clemens, Anna Cornagliotti, Guido Curto, Pierangelo Gentile, Livia Giacardi, Andreina Griseri, Corine Maitte, Isabella Massabò Ricci,  Andrea Merlotti, Aldo A. Mola, Francesco Panero, Gian Savino Pene Vidari, Pier Massimo Prosio,  Rosanna Roccia,  Costanza Roggero Bardelli, Alda Rossebastiano,  Giovanni Tesio,  Georges Virlogeux.

Direttore, Rosanna Roccia; Responsabile, Albina Malerba.

Il Comitato Scientifico si avvale di referee nazionali e internazionali