Archivi categoria: poesia

La Divina Commedia in piemontese 3

di Giuseppe Goria

Il Canto I dell’Inferno nella traduzione di Oreste Gallina

Nato a Mango d’Alba nel 1898. Latinista, professore di lettere, legato a Nino Costa e a Pinin Pacòt fin dai tempi dell’Accademia Militare, prima della Grande Guerra. Con Pacòt e Alfredo Formica fonda, nel 1927, la prima serie della rivista “Ij Brandé”. Scrive inizialmente nella lingua della koiné e poi nella parlata langarola, più aderente alla tematica “contadina” della sua poesia. Muore il 15 ottobre del 1985 ad Arona, dove è stato per molti anni Preside delle Scuole Medie.

Ël prim cant   ëd la “Divina Commedia” voltà an piemontèis da Oreste Gallina pubblicato in “Musicalbrandé” n.18, giugn 1963

Na neuit, lì vers metà dla nòstra vita

i son trovame ‘nt na boscaja scura,

con gnanca pì la marca dla stra drita.

E a dive coma a l’era a m’é ‘n po’ dura,

col diav  ëd boscasson , ma trist, ma trist

che, mach ch’i-j pensa, am ciapa na paùra!

Fé cont ch’i fùissa’nt j’onge dl’antecrist;

ma për conteve lòn ch’i l’hai trovaje

dirai dcò d’àutre ròbe ch’i l’hai vist.

A dive come e andoa i sia intraje,

savrìa nen, tant j’era andurmentà;

ma sai ch’am foratavo le ramaje.

Ansoma che là ‘ndrinta, va chë ‘t va,

i son rivà a l’ancò ‘d na val fingarda,

con tut   ël cheur an boca e disperà!

Quand … che con j’euj an su… tòh!…guarda guarda…

un brich anluminà dal sol ch’a men-a

su la stra giusta da na stra busiarda.

E, a cola vista,  ël cheur, dòp tanta pen-a

për cola neuit sì nèira e malorosa,

sento che ‘nt un moment as rasseren-a .

E come l’òm, con pressa timorosa,

surtend dal mar, con man e pe ‘n sla  riva ,

as vòlta a guardé l’onda minaciosa,

parèj, dcò mi, che ansios im la bativa,

i son voltame a docé dré dla schin-a,

al bòsch ch’a lassa mai n’ànima viva.

Peui, arpatame   ël fià na frisinin-a,

i taco a monté su … coma i podìa,

content  ëd rivé ansima a la colin-a .

Ma ‘ncaminà ch’ i son, gieusi che strija!

Una bestiassa tuta maciorlà

as para dnans… e pa ch’andèissa via,

ansi am sautava antorn, e an sa e an là,

coma  për dime: «Alé…. torna anderera!»

Mi…gnanca a dilo, im s’era già voltà.

E, nas an aria : òh meno mal ch’a l’era

già l’alba reusa, e ‘l sol, cola matin,

a s’arlegrava d’esse an primavera.

……………

giù fin-a al fond ‘d l’Infern; peui fame andé

a sente coi ch’a vivo dë speransa;

peui…via via, fin-a a l’uss ‘d San Pé.

“Va bin! Andoma…, e là, se l’ordinansa

a l’é che ti con Chila it peussi intré,

content, an Paradis…, mi n’ài bastansa”

Dit lòn , s’é ancaminasse. E mi: daré!

La Divina Commedia in Piemontese 2

Giuseppe Goria

Le traduzioni di Giacinto Bozzi (Torino 1880 -1950)

Magistrato, compagno di Ginnasio di Giulio Segre che ne ha scritto il ricordo su “Ij Brandé”, n.83, 15 febbraio 1950.

A proposito della sua poesia e della sua traduzione di Dante, Segre scriveva: “Ij vers a l’han tentalo pì ‘d na vòlta e noi i l’oma lesù ant Ij Brandé ‘d còse fin-e, pien-e ‘d sentiment, riche d’oservassion; con na certa ingenuità nòstr amis  a l’é lassasse tiré a traduve an piemontèis quàich cant  ëd Dante, e, fin-a andova ch’as peul rivesse, ‘l tentativ a l’é riussì discretament bin”.

Da: 

CANT XXI DL’INFERN

“Ij Brandé”, n. 16, 1 magg, 1947

Parèj, an parland d’àutr che i arpòrto nen,

Përchè a sarìo ‘d ricòrd fòra del cas,

Da ‘n pont a ‘n pont, soma rivà ‘n sël pien. (1)

E, stand lì an mes, i l’oma ficà ‘l nas

Ant cola bòlgia andoa a sgarisso ij mòrt

Ma nèira coma an boca al luv ravas.

A më smijava a Venessia, daré ‘l pòrt,

D’invern, quand beuj la pèis drinta ai caudron

Për rangé ij bastiment ‘d tute le sòrt,

E chi n’ampianta un neuv, chi a-j fà un tacon

‘Nt le còste a n’àutr, tut frust, tut  ëd garela, (2)

Ch’a l’era forse mej vendlo al balon,

E, alé!, d’an sima an fond, dajla e martela,

Chi sambla ‘d rem, chi fa su ‘d còrde an mass

E chi a cus a dzorman biocie a la vela. (3)

Dcò lì l’istess; la pèis l’era un paciass

Che sensa feu, për un divin dissegn,

A brandava antacand tuti ij rivass.

Mi i vedìa mach le gògole  fé ij segn

E gnente d’àutr, an mes tut col arbeuj,

E gonfié an su e calé an giù goregn.

Mentre i slumava fiss, fërtandme j’euj,

Ël Magister l’ha dame në strincon

Disendme: “Guardte an sà,gavte dj’ambreuj!”

Mi son virame antlor come un mincion

Che, volend vëdde andoa a dev nen guardé,

A bogia avanti e a smicia a l’arculon

Pien ‘d na pavan-a ch’a lo fa tramblé:

E i l’hai vist un diavlass nèir e scaros

con na furia dl’infern cor-ne daré.

(1) il colmo dell’arco descritto dal ponte

(2) di traverso, di sbieco

(3) scampoli di nessun valore

CANT XXX DL’INFERN 

“Ij Brandé”, n. 7, 15 dicembre1946

(quasi certamente tradotto da Bozzi)

Mi l’hai ciamà : “ Chi son coj doi meschin,

ch’a fumo com d’invern le man bagnà,

a la toa drita strojassà davzin?”

“l’hai trovaje” – l’ha dit – “parèj cogià

quand son piovù dcò mi tacà sto pàira

e i chërdo che dij doi pì gnun bogg-rà.

Chila l’é cola fàussa ‘d Putifàira, (1)

E chiel l’é Sinon grech, fàuss com na spia:

Un spussa për la frev  e l’àutra a fiàira”.

Ma l’òmo ch’a l’avìa daje s’na bija

‘d pijesse coj nòm, l’ha arfilaje un paton

sla pansa gonfia coma na vëssìa.

Costa, tapà ‘n sël dur, a l’ha fàit bon!

E mastro Adam a l’ha slongaje an pien

‘nt  ël mes dla ghigna dcò un bel balordon,

disendje: “Bele che mi im bogia nen,

përchè im sento le gambe ambarassà,

pura co’l brass peuss dete lòn ch’at ven!”.

E l’àutr: “ Ti ‘t j’ere pa tant dës-ciolà

quand të mnavo a rustì, ma bin linger

quand it batìe ij sòld fàuss con dle massà!”.

…….

C.

(1) il traduttore usa la consuetudine piemontese di indicare le donne con il nome del consorte al femminile. Nel nostro caso la moglie di Putifarre  è Putifaira.

La Divina Commedia in piemontese

Giuseppe Goria

Le celebrazioni del VII centenario della morte di Dante sono iniziate da poco e già le uscite editoriali, le discussioni aperte, in Italia e all’estero, ci danno un’idea del peso della sua opera e della vitalità del suo messaggio.
Come Centro Studi Piemontesi siamo stati colpiti dal fatto che in più di un’ occasione si è fatto cenno a traduzioni regionali, ignorando tuttavia (o quasi) le prove date in piemontese o considerandole più o meno come un esercizio burlesco.
Pinin Pacòt trattò brevemente ne “Ij Brandé” delle traduzioni dantesche, antiche e moderne, proponendone una nello stesso numero, lasciandoci a bocca asciutta circa l’identità dell’autore, di cui diceva soltanto che si trattava di un magistrato (“Ij Brandé”, n. 7, 15/12/1946). Di magistrati che scrivessero in piemontese ce n’erano solo due: Alessio Alvazzi Del Frate e Giacinto Bozzi.
Dall’omaggio scritto in morte del secondo (1950) da Alvazzi Del Frate apprendiamo che Bozzi affermava l’interesse alle traduzioni dantesche regionali, tanto da proporne a Pacòt una firmata, lasciando intendere che ve n’erano altre non firmate. Il segreto diventa un segreto di Gianduja (non si può dire di Pulcinella) (“Ij Brandé”, n. 83, 15/02/1950, pag. 1: “mach una vòlta a l’ha vorsù buté ciàir sò nòm e cognòm; e a l’é stàita un-a dle soe passientìssime, për nen dì miracolose, tradussion da l’ Infern ëd Dante”. Alex si riferisce al n. 16, 1^ maggio 1947).

Sulle tracce di Luigi Riccardo Piovano

Al tempo dell’articolo di Pacòt non era tuttavia ancora uscita l’edizione dantesca piemontese per eccellenza, quella di Luigi Riccardo Piovano.
Edizione alquanto misteriosa, a dire il vero, perché, l’autore (APS avrebbe detto Eco: a proprie spese) non lascia praticamente traccia (manca pure la data di pubblicazione). Le edizioni “a proprie spese” non godono oggi di attenzioni recensorie, tantomeno cinquant’anni fa un Dante in piemontese. L’unica indicazione fu, sull’ultima pagina, “tip. Stigra Torino”. L’anno fu il 1973, e lo si evince utilizzando i motori di ricerca de “La Stampa” e dei vari periodici regionali, che non furono certo prodighi di informazioni, ma piuttosto inclini a cogliere il pittoresco, sia del personaggio Piovano, sia dell’approccio al Sommo.
Il 28/06/1973 “La Stampa” si limita a comunicare che “un lettore, Luigi Riccardo Piovano, ha tradotto in piemontese la Divina Commedia di Dante Alighieri. La prima parte (Inferno) è uscita in questi giorni e gli è costata tre anni di lavoro. Il Piovano ne ha offerto cento copie a Specchio dei tempi per contribuire alla sottoscrizione per l’ambulatorio dei bambini spastici…”. Seguono poche altre informazioni, ma non sul libro! La stessa “Stampa” il 6/09/1973, nella rubrica “Saper spendere bene” gli dedica un articolo/intervista intitolato Elixir di lunga vita (“La Stampa”, 6/09/1973); sotto la sua foto con il suo “look” garibaldino, si accenna appena ai “tre anni di fatica, che per lui sono stati quasi un divertimento” ma, onorando il titolo, lo si porta ad esempio di vivere e mangiar sano: verdura a iosa, poco vino, niente caffè e liquori, acqua non gasata al mattino, bici e poi ancora bici.

Poche informazioni biografiche su Luigi Riccardo Piovano ci vengono da “Cronache Chieresi” (“Cronache Chieresi”, 6/07/1973; 13/07/1973), e ancora da “La Stampa” (“La Stampa”, 26/11/1978): il traduttore era nato a luglio 1891 a Perosa Argentina da una famiglia in cui i nonni erano proprietari agricoli originari di Andezeno. Il padre era sottufficiale del Regio Esercito e portava con sé la famiglia nei suoi spostamenti.
Ufficiale dei bersaglieri nella campagna di Libia e nella Grande Guerra, fu ferito più volte, anche gravemente. Nel periodico “Torino. Rivista mensile municipale” (“Torino”, n. 6, giugno 1935) lo troviamo premiato per il suo civismo nell’affrontare un animale imbizzarrito per le vie di Torino. Nella sua maturità si era poi trasferito ad Andora, in Liguria, che lasciava alla fine degli anni 70 per un giro d’Europa con altri arzilli ex-militari ed amici.
È nelle “Cronache Chieresi” che comunque troviamo le informazioni più consistenti sulla traduzione della Divina Commedia, ma …a partire dal 1966 (“Cronache Chieresi”, 28/01/1966), non dal 1973, per cui si può ipotizzare che il lavoro abbia avuto una gestazione più lunga di quanto detto, e che alcuni appassionati già conoscessero una prima edizione. Nel gennaio 1966, infatti, cogliamo i primi passi dell’opera, presentata con un breve saggio in grafia virigliana. Non sappiamo se a all’epoca il Piovano fosse così orientato o se la redazione delle Cronache abbia modificato la grafia (ciò che ahimè succedeva e succede).
Di Luigi Riccardo Piovano i giornali parlarono ancora pochi anni dopo, per un bel tirimbalin (per dirla alla barba Tòni), circa un misconosciuto dipinto michelangiolesco di sua proprietà. Se ne trova traccia nei giornali del tempo, insieme con altre notizie di cronaca “leggera”, visto che il Piovano aveva il dono della simpatia. Le attività in campo piemontese destavano interesse più come curiosità che altro.
Il dipinto in discussione era una Crocefissione, dipinta per Vittoria Colonna, datata 1545, ritrovata nel 1917 a Villa Bramafarina a Saluzzo. Il Piovano, che aveva formazione artistica, ed era anche pittore, scrisse pure dei saggi per difendere la tesi michelangiolesca, ma senza riscontro da parte della critica: la perizia più illustre, di Roberto Longhi, attribuiva il disegno (la composizione) a Michelangelo, ma l’esecuzione al suo allievo Venusti (“La Stampa”, 30/12/75).
Una parziale rivincita, paradossalmente, l’ebbe nel 1976 (“La Stampa”,17/11/1976), quando una lettera-ordinanza del Ministero dei beni culturali gli vietava di vendere all’estero il dipinto, riconoscendone in qualche modo il notevole interesse, anche se non l’attribuzione michelangiolesca. I suoi interessi artistici furono ancora alla ribalta nella trasmissione Portobello, popolarissima negli anni 70 (26/11/1978).
Muore ad Andora (Savona) nel 1989.

Sulle prove dantesche in piemontese, si consiglia la lettura dell’articolo ben documentato scritto da Dario Pasero su “La Voce” nel 2019 (“La Voce”, 29/11/2019. www.gioornalelavpoce.it). E nel sito ne daremo via via alcuni esempi, cominciando da Luigi Riccardo Piovano.

Luigi Riccardo Piovano (1891-1989)

CANT X DL’INFERN

Mi stasìa guardand col përzoné
ch’a l’era drit an pe tut ampalà
come ‘nsima un infern da dominé.

E mè maestro, dasendme na manà,
a l’ha possame ‘n mes ai penitent
disendme ch’im tenèissa botonà.

Col-là, come a l’ha vistme lì present,
a l’ha guardame con un fé sdegnos,
peui l’ha ciamà: “Chi j’ero ij tò parent?”.

E mi për vorèj esse scropolos
i son ëstàit sincer e bin precis.
Anlora a l’ha guardame pensieros,

e peui l’ha dit: “A j’ero fier nemis;
e ‘nt ij contrast ëd bòte soma dasne:
doe vòlte l’hai butaje ‘nt ij pastiss”.

“Ma se soma scapà, soma tornasne,
e prima e dòp – a chiel l’hai rëspondù –
ij vòstri son scapà e peui son restasne”.

CANT XI DËL PURGADEURI

“Òh! – mi l’hai dije – ti ‘t ses Oderis,
l’onor d’Agobio, si? L’onor ‘d col arte
che miniatura a l’é ciamà a Paris?”

“Fratel – l’ha dit – risplendo ‘d pì le carte
che miniand a va Franco ‘l bolognèis,
l’onor l’é sò, bzògna che ‘l mè ‘t lo scarte.

Da viv sarìo pa stàit tanto cortèis
d’amëtti ‘n chiel la superiorità,
përchè j’era ambissios, l’é bin intèis.

Për la superbia adess son castigà
e ‘nt l’antipurgateuri ancor sarìa,
ma mi da viv përdon i l’hai ciamà.

La glòria uman-a presto a l’é svanìa,
e ‘n mes al mond pochìssim temp a dura,
tranne che dòp pòchi glorios a-i sia.

Chërdìa Cimabue ‘n la pitura
d’esse ‘l pì grand, ma adess l’é superà
da Giotto, pì famos për soa bravura”.

PARADIS CANT I

La glòria dël Signor che tut a peul
s’espand për l’univers për soa virtù
o tant o pòch second come ch’a veul.

An cel, dove pì splend, mi l’hai vëdù
còse che për podèj-je bin spieghé
né sà né peul chi che da là ven giù;

përchè a Dio volendse concentré
nòstra atension a së sprofonda tant
che la memòria a jë sta nen daré.

Però le cose che ‘d col regno sant
a son restame drinta la memòria
adess sarà materia dël mè cant.

Per Ij Sant/ Per Ognissanti

Nella ricorrenza di Ognissanti, Ij Sant, nella nostra tradizione, offriamo una piccola antologia di versi di poeti in piemontese, che con le loro parole possono accompagnarci in un momento di riflessione in questi tempi difficili.

RENZO GANDOLFO (1900-1987)


Mè rosari

N’àutr di…n’àutra neuit… e ‘l rosari a continua.
Di dij Mòrt…di dij Sant: pare e mare, e mi fieul.

Ma për Ti la coron-a l’era, Mare, un gran sercc
ëd misteri gaudios, doloros, che a finìo
ant ël Pater e ël Glòria, alfa e omega dla vita,

mentre ‘l mè l’é na stra spèrsa, van-a, ant la nebia
dova ij ier a son seugn e ij doman a son ombre…

e j’ancheuj as bilaucio.

Un altro giorno… un’altra notte… e il rosario continua. / Giorno dei Morti…giorno dei Santi:/ padre e madre, e io, figlio. / Ma per Te la corona del rosario era, Mamma, un grande cerchio/ di misteri gaudiosi, dolorosi, che finivano/ col Padre Nostro e col Gloria, alfa e omega della vita, / mentre il mio è una strada sperduta, vana, nella nebbia/ dove i giorni di ieri sono sogni e i domani sono ombre…/ e gli oggi si alternano.

MARIO ALBANO (1880-1963)

La castagna

…..O fruta nòstra san-a, montagnin-a,
t’arlegre ‘l cheur dij grand e dle masnà,
e an tute le famije, ai Sant, dòp sin-a

s’as prega për ij Mòrt, ti ‘t mache pa.
Mentre ch’it beuje drinta la ramin-a
it bërbòte un tò requiem, da stërmà.

… O frutto nostro sano, montanaro,/ rallegri il cuore dei grandi e dei bambini,/ e in tutte le famiglie, ai Santi, dopo cena/ se si prega per i Morti, tu non manchi./ Mentre ribolli dentro la pentola/ borbotti un tuo requiem, di nascosto.

PININ PACÒT (1899-1964)

Miserere

Miserere, Nosgnor, për tuti ij mòrt,
che a-j compagna toa gràssia për confòrt.
…..

Pietà pr’ij mòrt e ij viv, póver satìa
Ai pe ‘d toa glòria. Réchie, e così sia!

Miserere, o Signore, per tutti i morti, / che la tua grazia li accompagni a conforto. /…/ Pietà per i morti e i vivi, polvere trita / ai piedi della tua gloria. Requiem, e così sia!

NINO COSTA (1886-1945)

Grisantem

Ij grisantem: ste fior ëd sangh e d’òr,
ch’a smijo nostran-e e ‘n fond son forestere,
gentile se, ma ‘n pochetin severe
e ch’a-j dan a l’otonn l’ùltim tesòr,

veuj ch’i-i pòrto a brassà sle sepolture
….
nen mach dij nòstri…Oh! ‘nsima a la sporcissia
dla gent ch’as vend, ch’as compra e ch’ambaron-a,
bsògna quaidun ch’as drissa e ch’a përdon-a
për na pietà pì granda dla giustissia,


E se mai da la stra dij simiteri
l’é vnuje ‘ncontra a l’anima dla gent
na paròla, ‘n consej, n’avertiment…
sai pa…’n sospir surtì dal gran misteri,

ch’a sìa stavòlta për ij giovo e ij vej
na paròla d’amor: uman-a e onesta,
ch’an giuta a vince st’ùltima tempesta,
ch’an mostra a torna diventé fratej.

I grisantemi: questi fiori di sangue e d’oro, / che sembrano nostrani e in fondo sono forestieri, / gentili, sì, ma un pochino severi/ e che recano all’autunno l’ultimo tesoro, / voglio che li portiamo a fasci sulle sepolture/…/non solo dei nostri…Oh! Al di sopra della sporcizia/ della gente che si vende, che si compra e che accaparra, / c’è bisogno di qualcuno che si innalzi e che perdoni/ per una pietà più grande della giustizia,/…/ E se mai dalle strade dei cimiteri/ è venuta incontro all’anima della gente/ una parola, un consiglio, un avvertimento…/ non so …un sospiro uscito dal gran mistero, / sia questa volta per i giovani e i vecchi/ una parola d’amore: umana e onesta,/ che ci aiuti a vincere quest’ultima tempesta, che ci insegni a diventare di nuovo fratelli.

Il nido dell’Ornero nel Camposanto di Plaza San Francisco (Cordoba, Argentina)

CAMILLO BRERO (1926- 2018)

Përchè soa pas conòssa nen la neuit


Andoma, cé, mentre che ‘l sol n’ancanta,
travers ai pra, coma ant un mar dë stèile:
se tò gognin l’ha greve le parpèile
ti càntje ij cant dla nòstra tèra santa.

Pòrt-me con Ti drinta ai giardin già veuid
a cheuje j’ùltim grisantém pi bei,
che i veuj quaté l’Autar dij nòstri Vej
përchè soa pas conòssa nen la neuit.

Andiamo, nonno, mentre il sole ci incanta, / attraverso i prati, come in un mare di stelle:/ se il tuo piccolo ha le ciglia stanche/ tu cantagli i canti della nostra terra santa. / Portami con Te dentro ai giardini già vuoti/ a raccogliere gli ultimi bei crisantemi, / che voglio ricoprire l’Altare dei nostri Antenati/ perché la loro pace non conosca notte.

nino costa racconta la resistenza

Martedì 8 settembre 2020, alle 21

al Polo del Novecento

Libero adattamento di Marco Gobetti e Beppe Turletti dal volume “Tempesta – (1939-1945) – Poesie Piemonteise” (Torino, 1983, Andrea Viglongo & C. Editori) e da altre opere di Nino Costa, con riferimenti a testimonianze e dichiarazioni rilasciate da Cesare Alvazzi

recitazione Marco Gobetti
musiche originali e canto Beppe Turletti
allestimento Simona Gallo
co-direzione S. Gallo, M. Gobetti, B. Turletti
immagini Domenico Sorrenti
supervisione e consulenza scientifica Corrado Borsa, Andrea Spinelli
supervisione filologica e consulenza bibliografica Giovanna e Franca Viglongo

Riallestimento 2020 / prima realizzazione 2014

spettacolo promosso da Consiglio Regionale del Piemonte – Comitato per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana
realizzato da Associazione culturale Compagnia Marco Gobetti
in collaborazione con Andrea Viglongo & C. Editori, Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus
e con la collaborazione di Centro Studi Piemontesi – Ca dë Studi Piemontèis, Fondazione Enrico Eandi, Istituto per i Beni Marionettistici e il Teatro Popolare
con il Patrocinio di Città di Torino, Comune di Ciriè, Comune di Pragelato, ANPI Comitato regionale del Piemonte

Lo spettacolo

Nino e Mario Costa, padre e figlio, sono seppelliti uno accanto all’altro nel cimitero di Ciriè. Mario, partigiano in Val Chisone, il 2 agosto 1944 assalta armato di bombe a mano un fortino occupato dal nemico durante la tremenda battaglia sul monte Génévris, nel territorio di Pragelato: colpito alla fronte, muore sul colpo, all’età di 19 anni. Nino Costa, poeta, fra i maggiori esponenti della letteratura piemontese, nell’ultima sua raccolta, “Tempesta”, evoca la Seconda guerra mondiale, con l’interruzione della pace, il crollo delle illusioni e le speranze tradite; la paura durante i bombardamenti, la risorsa – per lui preziosa – della fede religiosa di fronte al pericolo e alle avversità, l’antifascismo e la nascita della Resistenza. Sino alla morte in combattimento del figlio Mario, che con la sua benedizione era diventato partigiano. Il poeta canta intensamente il proprio dramma, calandolo nella tragedia collettiva che aveva colpito milioni di persone. Nel suo essere irreparabilmente sopraffatto dal dolore, trova infatti la forza per raccontare la libertà conquistata e la speranza restituita. Morirà poco dopo suo figlio, nel novembre del ’45, non ancora sessantenne.

I versi del poeta, provenienti soprattutto dalla raccolta “Tempesta”, sono alternati alla narrazione della guerra e della Resistenza; fondamentale, nella costruzione del testo, la diretta testimonianza di Cesare Alvazzi, che fu partigiano in Val Chisone e che conobbe sia Mario che Nino Costa. Lo spettacolo evoca così due “storie”: la storia italiana della metà del secolo scorso e una storia italiana, quella di un padre e di un figlio, di Nino e di Mario Costa.

Scriveva Luigi Einaudi: «Poeta piemontese Nino Costa? Sì, se “poeta piemontese” vuol dire cantare quel che gli uomini, che non sono capaci ad esprimersi col canto, sentono quando guardano con gli occhi intenti a quel che accade intorno ad essi e cercano di comprendere quel che veramente dicono le stelle, le piante, la terra, le bestie, gli uomini. (…) Spontaneamente, istintivamente egli ha cantato in piemontese, perché questa era la sua lingua. Non un dialetto destinato a essere a poco a poco obliterato; ma vera e propria lingua».

scarica la scheda dello spettacolo

via del Carmine 14
Cortile di Palazzo San Daniele
(in caso di mal tempo, l’evento sarà svolto al chiuso) Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

PRENOTA QUI

Il 25 aprile nella poesia in piemontese

Giuseppe Goria

Il Piemonte ha testimoniato la tragedia della Seconda Guerra Mondiale attraverso le pagine di scrittori in lingua italiana come Cesare Pavese, Beppe Fenoglio, Primo Levi, Nuto Revelli e tanti altri.
Nelle loro pagine si possono leggere con diverso accento le diverse parole che compongono la coralità di quella tragedia: la distruzione, la fame, la morte, l’altrove, la persecuzione, la perdita della dignità, la volontà di riscatto. Benché meno conosciuti, anche gli scrittori in piemontese hanno testimoniato quel momento storico e vogliamo ricordare il momento della Liberazione di Torino con le parole di poeti che vissero – quasi tutti – in prima persona quell’ultima fase della guerra.

Credo che un po’ tutti conoscano Coj ch’a marcio an prima fila, di Nino Costa dedicata al figlio Mario, caduto in Val di Susa, e “a tutti i patrioti morti per l’Italia”, o la lucida visione – sempre attuale – della “nita nèira dle miserie uman-e” ( “mota nera delle miserie umane”), habitat naturale “dij verm drinta soe tan-e” (“dei vermi nelle loro tane”).
Vorrei proporre nomi, meno noti, che mi pare giusto rimettere in evidenza.

Inizio con Ettore Piazza (Carpignano S. 1901 – Genova 1962), membro del CLN novarese, attivista del PCI, poeta nel piemontese di Carpignano. La sua unica raccolta, Canto ancora a bocca chiusa, con prefazione di Davide Lajolo, è del 1977. Spigoliamo alcune immagini, dove si allungano le ombre del funerale di un Garibaldino, morto

fin da marz dal quareuntacinch –
e l’ànima secreta dël pais
squasi vargognosa da mostressi
greunda sota l’eucc dël sol
al pass dël fineral” (da Carpigneun)

‘l di dla seu pruma azion
fin da marz dël quareuntacinch
batèsim dal feuv
batèsim dal seungh
batèsim dla mòrt.

Vòii ‘l cai , negra la stra,
sfida a todesch e fascista

(“il giorno della sua prima azione/ fine marzo 1945/ battesimo del fuoco / battesimo del sangue / battesimo della morte-/ .. Vedo le case, nera la strada,/ sfida a tedeschi e fascisti / ” fine marzo 1945- / e l’anima segreta del paese / quasi vergognosa di mostrarsi / grande sotto l’occhio del sole / al passo del funerale”)

Sentiamo poi la rabbia sorda di Carlo Regis (Mondovì 1929 – 2017) che ricorda su una lapide di Piassa Magior di Mondovì un’atrocità del 1945:

“Mace ‘d sangh su la piassa stamatin,
an sle pere grise, sul murajon scrostà,
doi pòvri fagòt, un prèive e dij sassin:
a costa mace ‘d sangh la libertà.

( “Macchie di sangue sulla piazza stamattina / sulle pietre grigie, sul muro scrostato, / due poveri fagotti, un prete e degli assassini: / a queste macchie di sangue la libertà”).

È la rabbia cupa della nostra gente, “gent ch’a sà nen brajé, / che cito a travaja,/ ma ch’a dësmentia nen” (“gente che non sa gridare,/ che silenziosa lavora,/ ma che non dimentica”, “Se…”).
Umberto Luigi Ronco (Pamparato 1913 – Roma 1997), poeta e pittore del secondo futurismo, ferma un istante di speranza e di morte:

Adess, ël partisan,
a l’é lì, sol ant la neuit, a confidene
che chiel a l’ha lesù
andrinta ai nòstri cheur.
A l’ha lesù
ij nòstri desideri ‘d Libertà,
la nòstra fiusa ant j’òmo lìber ëd doman.

Tut sòn a l’ha lesù, ‘nt ël cheur uman
l’òm cogià sensa vita dzora ij sorch:
ël partisan
con ij dij rèid e ross ëd sangh
fòrt angripà a la sengia ‘d sò fusil,
con la boca fongà ‘nt la tèra nèira
come un garij ‘d persi
s-ciapà dal sol.

(da Partisan con folar ansangonà)

(Adesso, il partigiano,/ è lì, solo nella notte, a confidarci/che lui ha letto/ dentro i nostri cuori./ Ha letto / i nostri desideri di Libertà,/ la nostra speranza negli uomini liberi di domani.//Tutto ciò ha letto, nel cuore umano,/ l’uomo disteso senza vita sopra i solchi: il partigiano/ con le dita rigide e rosse di sangue/ strtto forte alla cinghia del suo fucile,/ con la bocca affondata nella terra nera/ / come un nocciolo di pesca/ spaccato dal sole).

Armando Mottura (Torino 1905 – 1976), rivolto spesso a tematiche sociali, in particolare negli ultimi testi, così dà voce al Lament dël partigian :

Fischia il vento…soffia la bufera
…le panse veuide e pòchi strass adòss…
Tut provisòri antorn! Na còsa vèra:
sta rabia sorda ch’is portoma ant j’òss!

(Fischia il vento…/ le pance vuote e pochi stracci addosso…/Tutto provvisorio intorno! Una cosa vera:/ questa rabbia sorda che ci portiamo dentro le ossa!).

Se Nino Costa colloca la patria del resistente in quella montagna dov’è possibile un ripristino di umanità e di dignità (La mia patria l’é sla montagna / l’é sla montagna servaja) anche Armando Mottura vede in quella scelta un’elezione:

E ti, montagna nòstra, granda e pura,
t’ën guerne, bon-a mare, ant ij tò brass
(idem).

(E tu, montagna nostra, grande e pura, / ci reggi, buona madre, nelle tue braccia)

Tavo Burat (Stezzano, BG, 1932 – Biella 2009) coglie in una delle tante immagini di morte un luccichio di speranza legata alla stessa natura della montagna:

Ël Partigian regala al vent
ant n’ambrassada drùa
costa soa cros eterna
anzolivà ‘d fërpe ‘d sol
e ‘d lerme ‘d galaverna.
(da Pasqua)

(Il partigiano regala al vento / in un abbraccio vigoroso/ questa sua croce eterna / ornata con merletti di sole / e lacrime di brina).

Meno emozionale (meditato ma non vissuto), più pacato ed etico è il messaggio di Giovanni Tesio, che invita a ricordare i valori di quei giorni non solo nelle tempeste, ma proprio nei giorni migliori:

… Ma peui – se sòn a conta pì che tut –
a l’é përchè ch’an lassa na consigna:
ëd fesse resistent ‘nt ij di brut
ma cò ‘n coj bej, coj ëd j’arcòlt ën vigna …

( Ma poi – se questo conta più di tutto –/ è perché ci lascia una consegna:/ di farci resistenti nei giorni brutti/ ma anche in quelli belli, quelli dei raccolti in vigna).

Chiudo questa piccola rassegna (brillante di luce propria per incompletezza) con Tavio Cosio (Villafalletto 1923 – 1989), spessiari dal Mel , farmacista di Melle, scrittore vivacissimo in piemontese ed in occitano alpino, che in questa lingua volle ricordare le vittime civili a cui è intestata la via Tre Martiri di Melle. Pare assistere ad una medievale danza macabra, una Totentanz valligiana:

passa la Mòrt, lo dalh estrech en punh
passa un àngel ente l’àire, a vòl rasent
marca tres noms sus lo carnet di Martres

(da Dralha Tres Martres)

(passa la Morte, la falce stretta in pugno, / passa un angelo nell’aria, a volo rasente, / scrive tre nomi sul libro dei Martiri).

…E con grande rincrescimento per tutti quelli non citati (tanti!) invito i lettori a scoprirli.

pro-memoria degli articoli pubblicati da marzo

Disegno di Daniela Rissone realizzato per il Centro Studi Piemontesi – 2020

Storia e percorsi della Sindone

La lavanda dei piedi del giovedì santo: una tradizione non solo religiosa

Ramoliva, poesia di Nino Costa

Una poesia di Giovanni Tesio dedicata a questi difficili giorni

Ant j’ore, poesia di Gianrenzo Clivio

Callisto Caravario, martire salesiano in Cina (G. Mola di Nomaglio)

Primavera, poesia di Pinin Pacòt

La Consolà, poesia di Nino Costa

Luna nuova: tradizioni e letteratura (A. Malerba)

Nen ëd richëssa, poesia di Armando Mottura

Buona Pasqua/ Bon-a Pàsqua

Disegno di Daniela Rissone

Saba Sant

as deurb l’ora benedìa,
coma reusa dësbandìa
dla Passion ch’a l’é fiorìa


Resurrexit

s’àussa për l’aria legera
un vòl amprovis d’angej bianch.
Nìvole ‘d liri slargà
‘s deurvo s’n’asur ëd paradis:
j’òmini a l’han un soris,
ël prim dël cheur consolà

“Sabato Santo…/ si apre l’ora benedetta, / come rosa sbocciata/ della Passione che è fiorita”
“Resurrexit…si alza per l’aria leggera/ un volo improvviso di angeli bianchi// Nuvole di gigli sparsi/si aprono su un azzurro di paradiso:/ gli uomini hanno un sorriso,/ il primo del cuore consolato…”

Aldo Daverio (1906-1966)

Preghiera alla Sindone

L’Arcidiocesi di Torino promuove sabato 11 aprile un momento di preghiera straordinaria davanti alla Sindone. Non si tratta di una vera e propria ostensione perché la Sindone resterà nella Cappella all’interno del Duomo di Torino e per le ragioni che tutti sappiamo non è prevista la presenza dei fedeli. È un evento in un clima di raccoglimento, di silenzio e di invocazione al Signore di quella «speranza» di cui tutti abbiamo bisogno.

Le dirette televisive della preghiera straordinaria davanti alla Sindone di Sabato Santo 11 aprile 2020, saranno visibili in tutto il mondo. In Italia su:Rai 3 (canale 3): dalle 16.55 alle 17.30, su Tv2000 (canale 28): dalle 17.01 alle 18.05 e sulla pagine Facebook della “Diocesi di Torino” e “Sindone 2020”. della “Regione Piemonte official” e “cittaditorino”. Diretta web e social media su vaticanews.va e chiesacattolica.it

Risalgono al XIV secolo le prime notizie storicamente certe sulla Sindone , quando il cavaliere francese Geoffroy de Charny fa costruire una chiesa nella piccola città di Lirey– nei pressi di Troyes– per custodirvi e mostrare ai fedeli la Sindone. Prima di allora le tracce sono più vaghe. Al V-VI secolo risalgono testi in cui si afferma che nella città di Edessa (oggi Urfa, in Turchia) era conservato un ritratto di Gesù (indicato con la parola greca Mandylion che significa “asciugamano”) impresso su un telo. Alcuni studiosi associano questo telo alla Sindone conservata oggi a Torino, che a quei tempi sarebbe stata esposta al pubblico ripiegata in modo da mostrare solo il volto. Nel X secolo il Mandylion viene trasferito a Costantinopoli, all’epoca capitale dell’Impero Bizantino. Nel suo diario Robert de Clari, cavaliere francese che partecipò alla IV Crociata, riferisce di aver visto la Sindone in una chiesa di Costantinopoli. Con il sacco di Costantinopoli e il furto di innumerevoli oggetti preziosi, s’ipotizza che la Sindone, come molti altri reperti, fosse stata portata in Grecia, dove la famiglia Charny era presente. Nella prima metà del ‘400, a causa dell’inasprirsi della Guerra dei cento anni, l’ultima discendente di GeoffroyMarguerite de Charny ritirò la Sindone dalla chiesa di Lirey e la portò con sé nel suo peregrinare attraverso l’Europa. Fino a che trovò accoglienza presso la corte dei duchi di Savoia, Fu lì che avvenne, nel 1453, il trasferimento della Sindone ai Savoia.

La Sindone rimarrà di proprietà della famiglia Savoia fino al 1983, quando alla morte dell’ultimo re d’ItaliaUmberto II, passò per lascito testamentario alla Santa Sede.

I Savoia fecero costruire a Chambéry, la capitale del loro Ducato, una chiesa, la Sainte-Chapelle,
per custodire la Sindone. Nel 1532 un incendio, scoppiato proprio nella Sainte-Chapelle,
danneggia la Sindone provocando danni visibili ancora oggi. Due anni dopo le suore Clarisse di Chambéry la restaurano chiudendo i buchi provocati dall’incendio con toppe che verranno eliminate solo nel 2002.
Nel 1562 Emanuele Filiberto, duca di Savoia trasferisce la capitale del ducato da Chambéry a Torino e pochi anni dopo, nel 1578, fa altrettanto con la Sindone. Nel secolo successivo i Savoia incaricarono l’ architetto Guarino Guarini di costruire tra la
Cattedrale ed il Palazzo Reale una Cappella per conservare degnamente la Sindone.

II 1898 è un anno di fondamentale importanza per la Sindone: il fotografo torinese Secondo Pia viene incaricato di fotografare per la prima volta nella storia la Sindone. Le lastre fotografiche
rivelarono che l’ immagine ha le caratteristiche di un negativo fotografico con i chiari e gli scuri invertiti rispetto alla realtà. Inoltre il possedere un’immagine fotografica consentì agli studiosi di iniziare lo studio scientifico della Sindone.

(Da www.sindone.it – Qui un approfondimento)

Per la Sindone, oltre agli articoli e gli studi pubblicati in “Studi Piemontesi”, segnaliamo dal Catalogo editoriale del Centro Studi Piemontesi:

MARIE THÉRÈSE BOUQUET BOYER
Itinerari musicali della Sindone. Documenti per la storia musicale di una reliquia

Pagg. 73 (1981)
Una ricognizione del valore “dinastico” della reliquia, sul suo culto e del cerimoniale che ne esaltava il valore

GIULIANO GASCA QUEIRAZZA S.J.
Devozione alla Santa Sindone. Una cantica in piemontese della metà dell’Ottocento

Pagg. 17 (1998)

L’immagine rivelata. 1898. Secondo Pia fotografa la Sindone
Catalogo della mostra, a cura di Gian Maria Zaccone, Archivio di Stato di Torino, 21 aprile-20 giugno 1998
Pagg. 194 con ill. a colori e in b. e n. (1998)

La mostra nasce per celebrare la ricorrenza del centenario della prima fotografia della Sindone, scattata nel maggio 1898 dall’avvocato Secondo Pia, che ha rappresentato un punto di svolta per l’approccio dell’uomo della Sindone. La scoperta del comportamento dell’impronta sulla Sindone nel negativo fotografico ha contemporaneamente rivelato una “nuova” immagine e suscitato l’interesse scientifico su di essa, la cui ricerca è stata agevolata dalla disponibilità per la prima volta di riproduzioni esatte del Lenzuolo. L’esposizione era incentrata sul concetto di immagine nuova, ne chiarisce il contenuto e cerca di illustrarne l’impatto visivo. Lo stesso titolo della mostra riprende le parole che nel 1898 annunciarono i risultati della fotografia “rivelazione”. La mostra si proponeva come momento di riflessione e di riappropriazione di un vasto patrimonio culturale sconosciuto, completato anche da opere provenienti da raccolte pubbliche e private cittadine.

Ostensione del 1931 – Duomo di Torino

Ramoliva/Domenica delle Palme

In piemontese la “Ramoliva”, lett. “ramo d’olivo”, è la Domenica delle Palme. Diversi i proverbi legati a questa giornata, ne citiamo uno beneaugurante: “La Ramoliva a vest ëd fior la riva/ La Domenica delle Palme veste di fiori la riva”. La tradizione popolare e religiosa vuole che in questo giorno si porti in casa un ramo d’ulivo benedetto, augurio di gentilezza e di pace.

Per il significato della voce ramolivo, è da segnalare che nel latino ecclesiastico l’ulivo ha sostituito la palma nella denominazione della Domenica delle Palme…si è poi aggiunto il sostantivo ramo dando origine all’espressione di dla ramoliva[citazione da Repertorio Etimologico Piemontese-REP, Torino, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 2015]

Disegno di DANIELA RISSONE per il Centro Studi Piemontesi

Ramoliva

Una bella poesia di Nino Costa (Torino, 28 giugno 1886 – 5 novembre 1945), che pare una preghiera scritta per i giorni che stiamo vivendo

Duminica dle Palme, alegra e viva,

ch’it marche ‘l pass a la stagion fiorìa,

pòrta ‘nt le nòstre ca ‘n po’ d’armonìa,

ponta ‘ns ij nòstri lett la ramoliva.

Sla mia bela sità pien-a ‘d baldansa,

sle mie tere ‘d Piemont pien-e ‘d promësse

dësperd le nebie, pasia le tristësse,

sëmna ‘l travaj, la pas e l’abodansa.

Dal gran dij camp e da j’arbut dle vigne

ten distante le brin-e e le tempeste;

goerna j’anime oneste e disoneste

dai seugn cativ e la frev maligne.

Mostra a jë sgnori la passion dij pòver,

e mostra ai pòver la passion d’jë sgnor…

Për coi ch’a seufro daje ‘m pòch d’amor;

për tuti jë sperdù prontie ‘n ricòver,

e quand ch’a-i torna Pasqua benedìa

con le baodëtte ch’a së spantio ‘n cel,

disie ch’an pòrta sò regal pì bel:

lòn ch’a-i manca ‘nt ël mond: la Poesìa

L’ulivo benedetto. Domenica delle Palme, allegra e viva,/ che cadenzi il passo alla primavera,/ porta nelle nostre case un po’ d’armonia,/ appunta sui nostri letti l’ulivo benedetto. // Sulla mia bella città piena d’ardimento, / sulle mie terre di Piemonte piene di promesse / disperdi le nebbie, rasserena le tristezze, / semina lavoro, pace e abbondanza. // Dal grano dei campi e dai virgulti delle vigne / tieni lontane le brine e le tempeste; / cura le anime oneste e disoneste / dai sogni cattivi e dalle febbri maligne. // Rivela ai ricchi il tormento dei poveri, / ed ai poveri il tormento dei ricchi…/ A coloro che soffrono regala un po’ d’amore; / a tutti gli sperduti prepara un rifugio, // e quando torna la Pasqua benedetta / con lo scampanio che si diffonde in cielo, /dille che ci porti il suo regalo più bello:/ ciò che manca al mondo: la Poesia.

[Tutta l’opera di Nino Costa è pubblicata dall’editore Viglongo.  Citiamo Ramoliva e traduzione da: Nino Costa, Cento poesie, prefazione di Albina Malerba e Giovanni Tesio, La biblioteca di Papa Francesco, edizione speciale per Corriere della Sera, Milano, 2014, per concessione di Viglongo, Torino, 1995, 2013].