Archivi categoria: Conferenze, incontri, convegni

Lunedì 24 febbraio 2020 ore 19

al Centro Studi Piemontesi

Presentazione del libro

9 marzo 1946. L’audizione di Camillo Venesio Amministratore delegato della Banca Anonima di Credito-Torino alla Commissione Economica del Ministero per la Costituente

Prefazione di Antonio Patuelli; edizione Centro Studi Piemontesi

Intervengono

Nerio Nesi, Presidente onorario Fondazione Cavour

Lodovico Passerin d’Entrèves, Consigliere Superiore Banca d’Italia

Antonio Patuelli, Presidente ABI-Associazione Bancaria Italiana

Camillo Venesio, Amministratore Delegato Banca del Piemonte

Conduce Maurizio Molinari, Direttore La Stampa

Nel “quadro di accurata e approfondita pluralista attività preparatoria dell’Assemblea Costituente si inquadra… l’audizione (allora definita impropriamente “interrogatorio”) del banchiere piemontese Camillo Venesio [1900-1983], noto al Comitato di Liberazione Nazionale (che esprimeva i Governi di quell’epoca) anche per gli aiuti che Egli fornì alla Resistenza e alla Liberazione. L’audizione del banchiere Venesio è molto accurata ed echeggia il pensiero e l’opera in particolare di Luigi Einaudi, anch’egli piemontese, che proprio negli stessi mesi guidava la ricostruzione finanziaria e produttiva dell’Italia libera come Governatore della Banca d’Italia. L’audizione del banchiere Venesio contribuì al dibattito culturale, propedeutico alle discussioni alla Costituente e rimane illuminante e attualissima per limpidezza e coerenza dei principi e dei ragionamenti, con un linguaggio al tempo stesso semplice e qualificato. Si tratta di una testimonianza importante e preziosa anche per la meticolosità della preparazione della Carta Costituzionale, la legge fondamentale dell’Italia libera. Quelle consapevolezze culturali, ideali e metodologiche, quella grande serietà e volontà di costruzione di una più matura Democrazia italiana, lontana da settarismi e da miopi interessi di parte, è sempre validissima come indicazione strategica per chi volesse, ora o in futuro, metter mano ad adeguate modifiche di parti della Costituzione della Repubblica” [dalla Prefazione di Antonio Patuelli]

La conferenza potrà essere seguita in differita sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi

Manlio Brosio Ambasciatore e Gentiluomo

Lunedì 20 gennaio 2020 ore 17

presentazione della Biografia di Manlio Brosio

di Ugo G. de Mohr

Ambasciatore e Gentiluomo

Prefazione di Francesco Perfetti

Gangemi Editore, 2019

Introduce Albina Malerba

con l’Autore interviene Massimo de Leonardis dell’Università Cattolica di Milano

Sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi il video della conferenza

Manlio Brosio (Torino, 10 luglio 1897 – 14 marzo 1980). Antifascista già vicino a Gobetti, nell’immediato dopoguerra assume brevi incarichi di Governo come Ministro senza portafoglio, Vice Presidente del Consiglio e Ministro della Guerra, rispettivamente nei Governi Bonomi, Parri e De Gasperi. Accetta la nomina ad Ambasciatore a Mosca, propostagli da Nenni, per la viva curiosità che nutre per un mondo ed un Paese che ha svolto un ruolo determinante nella sconfitta del nazismo. Nella sua lunga esperienza diplomatica di Ambasciatore a Londra (1952-1954), a Washington (1955-1961), a Parigi (1961-1964), e di Segretario Generale della NATO (1964-1971), Mosca è la prima tappa. A Mosca, Brosio deve subito confrontarsi col problema dell’assoluto silenzio osservato dai sovietici sulla sorte degli oltre 60mila militari italiani mancanti all’appello, dopo il rimpatrio nel 1946 di circa 21mila prigionieri. Attorno a tale nodo di capitale importanza, gravitano altri contenziosi, rilevanti per l’estrema gravità degli illeciti internazionali in cui si concretano. Dalla dettagliata ricostruzione della faticosa stagione negoziale attraverso cui Brosio perviene alla liberazione di molti ostaggi, emerge non soltanto la personalità di un capace ed ammirevole servitore dello Stato, ma anche quella di un gentiluomo dalle ineguagliabili doti umane, testimoniate anche dai suoi Diari di Mosca, preziosa fonte rivelatrice di tutto quanto sotteso, alla altrimenti anodina prosa burocratica, in termini di intensa partecipazione umana di questo grande Ambasciatore alla drammatica vicenda dei diplomatici della R.S.I. per lunghi anni languenti nelle galere sovietiche.

Ugo G. de Mohr. Capitano dell’Aeronautica. Diplomatico. Ha maturato per lunghi anni vasta esperienza nel settore della sicurezza, come Capo “Ufficio Controllo Armamenti e Disarmo” del M.A.E.; Primo Consigliere della Rappresentanza d’Italia presso la NATO; Capo “Ufficio NATO” del M.A.E.; Responsabile del servizio “Non Proliferazione” del MAE e Capo delle Delegazioni Interministeriali Italiane nei fori Internazionali deputati al controllo sulle esportazioni dei materiali sensibili, a duplice uso civile e militare. Ha servito come Console d’Italia in Turchia; Vice Rappresentante Permanente d’Italia presso il Consiglio d’Europa; Consigliere ed Incaricato d’Affari in Albania. Ambasciatore d’Italia in Mozambico, Swaziland e Finlandia. 

Il Proclama di Moncalieri

La Città di Moncalieri commemora i 170 anni del Proclama di Moncalieri

mercoledì 20 novembre

Ore 17,30, Biblioteca Civica Arduino
“Sguardi su Moncalieri”
Conferenza di Giansavino Pene Vidari sul Proclama di Moncalieri

Ore 20,30, Castello Reale, Sala della Regina
Concerto dell’orchestra da camera Polledro

Il Proclama di Moncalieri, pronunciato il 20 novembre 1849 dalle mura del Castello, è il manifesto con l quale il Re Vittorio Emanuele II, succeduto al padre Carlo Alberto di Savoia in seguito alla sconfitta di Novara durante la prima guerra d’Indipendenza, si rivolse agli elettori del Regno di Sardegna affinché si rendessero inclini a portare in parlamento una maggioranza favorevole alla ratifica del trattato di pace con l’Impero austriaco. Il Re con il proclama, avendo riaffermato l’importanza dello Statuto sabaudo, di fatto poneva una garanzia sulla sopravvivenza del regime liberale, cifra dei governi di Massimo d’Azeglio e Camillo Cavour.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Pietro Canonica tra Moncalieri e ROma

SGUARDI SU MONCALIERI Incontri per una Storia di Moncalieri

Riprende il cammino attraverso la storia e le storie di Moncalieri e del suo territorio, tramite incontri frutto di una proficua collaborazione tra l’Assessorato alla Cultura della Città di Moncalieri, la Biblioteca civica “A. Arduino” e il Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis di Torino. Per aprire nuovi “Sguardi”, volti ad approfondire i temi legati all’identità territoriale, nella consapevolezza che è importante il riferimento alle comuni radici per rinsaldare il senso di appartenenza e di radicamento alla comunità. E questo vale per tutti, per i moncalieresi d’antan, ma anche per tutti coloro che qui sono venuti a vivere in anni più recenti. Avere poi lo sguardo aperto al territorio è la condizione naturale di un luogo crocevia di cultura e di culture, capace di creare sinergie come Moncalieri si è dimostrata attraverso i suoi secoli di storia.

Mercoledì 23 ottobre 2019 ore 17,30

Biblioteca civica “A. Arduino” – Via Cavour, 31 Moncalieri

Saluto dell’Assessore alla Cultura Città di Moncalieri Laura Pompeo

Conferenza di Walter Canavesio

Lo scultore Pietro Canonica a 150 anni dalla nascita (Moncalieri 1869-Roma 1959)

Pietro Canonica (Moncalieri, 1° marzo 1869-Roma, 8 giugno 1959). Allievo dello scultore Odoardo Tabacchi, iniziò presto la sua attività artistica perseguendo un ideale di classicità quasi mai toccato dalle influenze delle mode che si sono succedute nei decenni tra Otto e Novecento. Abile ritrattista, fu particolarmente apprezzato dalla nobiltà e dall’alta borghesia europea; a lui furono affidate grandi imprese scultoree, come i monumenti celebrativi per lo zar in Russia e per Kemal Ataturk in Turchia. La sua personalità artistica si sviluppò in varie sedi italiane, e trovò un approdo finale nel museo a lui dedicato nel parco di Villa Borghese a Roma. Fu anche stimato compositore musicale.

Canonica (primo a destra) a Roma, con Giuseppe Pella, il poeta Pinin Pacòt e Renzo Gandolfo. Sopra un ritratto giovanile.




.

Coordinamento Albina Malerba

Sguardi su Moncalieri

“Sguardi su Moncalieri”. Riprendono gli incontri alla Biblioteca civica Arduino, organizzati in collaborazione tra l’Assessorato alla Cultura della Città di Moncalieri, la Biblioteca civica “A. Arduino” e il Centro Studi Piemontesi di Torino.

Il primo appuntamento dell’autunno è per Mercoledì 2 ottobre, alle ore 17,30 (Biblioteca civica “A. Arduino” – Via Cavour, 31 Moncalieri).

Al saluto dell’Assessore alla Cultura della Città di Moncalieri, Laura Pompeo, e del Direttore del Centro Studi Piemontesi, Albina Malerba, seguirà la Conferenza di Cinzia Ballesio su Formazione femminile dalla Torino post-unitaria al passato recente. Il caso dell’Istituto Figlie dei Militari.

L’Istituto Nazionale per le Figlie dei Militari, istituzione scolastica nata nel fertile contesto culturale della Torino post-unitaria, è stata un’eccellenza fra i collegi femminili, in grado di competere con il più famoso Poggio Imperiale di Firenze. Legato a uno dei luoghi più affascinanti e ricchi di storia della città di Torino, la Villa della Regina, dove, dopo la donazione dell’edificio da parte di Vittorio Emanuele II nel 1865, avrà la sua sede principale dal 1869 fino ai bombardamenti del 1942. Nata dall’iniziativa della marchesa Maria Luisa del Carretto, l’idea dell’Istituto per le Figlie dei Militari viene sostenuta da una serie di personaggi di spicco del periodo, tra cui quel Massimo d’Azeglio a cui è attribuita la frase “fatta l’Italia, bisogna fare gli italiani”. E proprio per “fare” i futuri italiani e dar loro “degne madri”, si volle creare una “scuola di civile e morale educazione per le venture generazioni”.

Cinzia Ballesio, autrice del libro Le Figlie dei Militari. Una scuola nuova per le donne della nuova Italia (Neos Edizioni) racconta una storia in parte dimenticata, quella dell’Istituto nazionale per le Figlie dei Militari di Torino, una scuola laica e innovativa, punto di riferimento per l’educazione femminile a cavallo fra Ottocento e Novecento. Ricuce con sensibilità storica tutti i pezzi dell’istituzione, ricostruita sulla base di una ricca documentazione archivistica, integrata con le testimonianze delle ex allieve intervistate, dove la memoria si mescola con i fatti, creando storie nella Storia: donne, scuola e società, un fitto intreccio in universo ricchissimo e poco indagato.

Prossimi appuntamenti

Mercoledì 23 ottobre: Walter Canavesio, Lo scultore Pietro Canonica

Mercoledì 20 novembre: Gian Savino Pene Vidari, Il Proclama di Moncalieri

Carlo Alberto collezionista

Per il ciclo di conferenze

Dalla salita al trono alla concessione dello Statuto. Carlo Alberto riformatore, collezionista e committente 

organizzato dai Musei Reali Torino con gli Amici del Museo di Antichità, gli Amici della Galleria Sabauda, gli Amici di Palazzo Reale e il Centro Studi Piemontesi

alla sala conferenze del Museo di Antichità (corso Regina Margherita 105, Torino)

 

 

giovedì 23 maggio 2019  alle  17,30

interviene Maria Beatrice Failla

Committenza, collezionismo e musei negli anni di Carlo Alberto

Salito al trono nel 1831, Carlo Alberto ebbe tra i primi obiettivi di un’intensa politica culturale la trasformazione della capitale sabauda in un centro artistico di richiamo europeo, in grado di rivaleggiare con le altre grandi città d’arte della penisola italiana. Con l’organizzazione della Regia Pinacoteca e l’istituzione della Deputazione di Storia Patria, dell’Armeria Reale e della Società Promotrice di Belle Arti, egli intese celebrare il mecenatismo dei Savoia in una prospettiva prevalentemente nazionale, diffondendo il mito della coincidenza tra storia sabauda e storia d’Italia.

Il mondo di Piera Oppezzo, poetessa tra Torino e Milano: un film

Archivio nazionale cinematografico della Resistenza
e Centro Studi Piemontesi

presentano

Giovedì 4 aprile 2019 ore 18 

al Polo del ‘900   (Corso Valdocco 4A, Torino)

IL MONDO IN UNA STANZA

PIERA OPPEZZO POETA

di Luciano Martinengo, 2018, 54 min.
in sala saranno presenti  il regista e Bruno Gambarotta

 

Il mondo in una stanza ha come protagonista Piera Oppezzo una delle voci più innovative della poesia italiana del secondo Novecento e disegna un percorso alla ricerca della misteriosa poetessa. Aveva fortemente incuriosito Guido Davico Bonino, Italo Calvino e Giulio Einaudi che decisero di pubblicarla nella prestigiosa collana bianca Einaudi di poesia. Nata a Torino nel 1934, verso la metà degli anni Sessanta Piera si spostò a Milano dove visse fino alla morte: qui, il suo orizzonte si allargò ai temi politici e al femminismo. Per sua stessa ammissione, il decennio 1968-1978 fu il periodo più intenso della sua vita, quando il fervore delle speranze e la passione di tutta una generazione le fecero intravvedere la possibilità di conciliare vita e scrittura. Foto d’epoca e spezzoni di filmati fanno da contrappunto alle immagini moderne di Torino e di Milano dove i protagonisti vanno alla ricerca dei luoghi e delle atmosfere in cui Piera Oppezzo aveva vissuto. Ma il suo mistero non ha soluzioni né aperture: solo la sua scrittura parla alludendo a un rovello interiore, fitto di domande e consapevolmente senza risposta. Fra le persone intervistate: Bruno Gambarotta, Giancarlo Majorino, Maria Martinotti, Giulia Niccolai, Laura Lepetit, Giovanni Tesio, Michelangelo Coviello, Paola Redaelli.

Per informazioni: Archivio nazionale cinematografico della Resistenza via del Carmine 13, Torino – 011 4380111 – info@ancr.to.it

Piera Oppezzo, nata a Torino il 2 agosto 1934, è vissuta a Milano dal 1966. Ha lavorato come sarta, commessa, dattilografa, collaboratrice editoriale (Einaudi, Rai, Feltrinelli, Guanda, SE). Nel 1966 una sua raccolta di poesie (L‘Uomo qui Presente) è stata pubblicata nella collana Bianca di poesia dell’Einaudi. Vicina alla politica extraparlamentare negli anni Sessanta, ha poi partecipato a un gruppo di autocoscienza femminista. A metà degli anni Settanta ha organizzato con altre donne il collettivo Pentole e fornelli girando l’Italia con uno spettacolo di canzoni e testi vari. E’ morta in solitudine il 19 dicembre 2009 nell’Eremo di Miazzina, sul lago Maggiore. Voce solitaria e unica nel panorama della poesia italiana contemporanea, Piera Oppezzo interessò e affascinò autorevoli personalità della cultura, da Giulio Einaudi a Enzo Siciliano, da Giovanni Raboni a Giancarlo Majorino, forzando a limiti estremi la sua personale ricerca linguistica.

Romanzi:  Minuto per minuto (La Tartaruga, 1978). Premio Mondello Opera prima narrativa (1979);  A note legate  (Corpo 10, 1991).

Raccolte di poesie: L’uomo qui presente  (Einaudi, 1966); 1967 sì a una reale interruzione (Geiger, 1976); Le strade di Melanchta  (Editrice Nuovi autori, 1987); Andare qui (Manni, 2003).

Altre poesie e racconti inclusi in antologie: Donne in poesia , a cura di Biancamaria Frabotta e Maria Pia Quintavalla (Savelli 1976); Contemporary italian women poets  (Italica Press. New York 2001);Italian poetry 1960-1980 (Invisible City, San Francisco,  1982); Versi d’amore (Corbo e Fiore – Venezia, 1982); The defiant muse  Italian feminist poems from the Middle Ages to the present  (The Feminist Press, N.Y. 1986) Racconta  (La Tartaruga, 1989); The quality of light (Serpent’s Tail, New York, London, 1993); Poesia contro guerra  (Edizioni Punto rosso, 1996); Voci di questi anni  (Marocchino Blu, 2003).

Luciano Martinengo, nato a Torino, è vissuto molti anni in Canada, dove si è laureato, e Stati Uniti, prima di trasferirsi a Milano dove vive.  E’ autore di documentari autoprodotti sull’emigrazione italiana in Canada, le comuni e la controcultura USA, Méliès. In Italia ha prodotto e diretto programmi Rai sulle scuole dell’infanzia a Bologna, archeologia e  musica; partecipato alle ricerche e all’organizzazione di alcuni programmi di  musica etnica per Talam-Televisione Svizzera; diretto la serie di 50  Città del Mondo (vhs-dvd di De Agostini); diretto e montato una serie di documentari basati su Attraverso l’Italia del Touring Club.  Fondato e diretto la scuola di cinema Albedo di Milano finanziata dal Fondo Sociale Europeo. Tradotto l’antologia poetica Garzanti di P.P. Pasolini in inglese con Norman MacAfee (pubblicata da Random House, New York). Pubblicato per Interlinea l’antologia poetica di Piera Oppezzo (Una lucida disperazione). Prodotto e diretto il documentario Il mondo in una stanza su Piera Oppezzo poeta.

Carlo Alberto riformatore, collezionista, committente: tre conferenze

Organizzato dai Musei Reali Torino con gli Amici del Museo di Antichità, gli Amici della Galleria Sabauda, gli Amici di Palazzo Reale e il Centro Studi Piemontesi, il ciclo di conferenze

Dalla salita al trono alla concessione dello Statuto. Carlo Alberto riformatore, collezionista e committente

che si terranno alla sala conferenze del Museo di Antichità

(corso Regina Margherita 105, Torino), con questo programma:

mercoledì 20 marzo, ore 17,30  Silvia Cavicchioli, La politica culturale di Carlo Alberto: temi, luoghi, personaggi

giovedì 11 aprile, ore 17,30 Pierangelo Gentile, “Il faut la donner, non se laisser imposer”. Carlo Alberto e la tormentata concessione dello Statuto

giovedì 23 maggio, ore 17,30 Maria Beatrice Failla, Committenza, collezionismo e musei negli anni di Carlo Alberto

 

 

 

Salito al trono nel 1831, Carlo Alberto ebbe tra i primi obiettivi di un’intensa politica culturale la trasformazione della capitale sabauda in un centro artistico di richiamo europeo, in grado di rivaleggiare con le altre grandi città d’arte della penisola italiana. Con l’organizzazione della Regia Pinacoteca e l’istituzione della Deputazione di Storia Patria, dell’Armeria Reale e della Società Promotrice di Belle Arti, egli intese autocelebrare il mecenatismo dei Savoia in una prospettiva prevalentemente nazionale, diffondendo il mito della coincidenza tra storia sabauda e storia d’Italia. Il nuovo sovrano mirava infatti a costruire una politica del consenso attraverso la glorificazione e la “nazionalizzazione” della dinastia, che investì anche le opere pubbliche. Il che spiega perché proprio l’età carloalbertina diede il via alla grande stagione della monumentalistica torinese, inaugurata dal capolavoro di Carlo Marochetti, la statua equestre di Emanuele Filiberto. Ma il regno di Carlo Alberto (1831-1849) lasciò in eredità anche un’altra opera fondamentale: lo Statuto che porta il suo nome.